ATTUAZIONE DIRETTIVE EUROPEE: Valutazione di impatto ambientale e sicurezza degli impianti nucleari
  • Il Parlamento europeo approva la relazione sulla nuova direttiva di Valutazione Impatto Ambientale VIA
  • Valutazione d’Impatto Ambientale VIA: Domani si decide il futuro della normativa ambientale europea.
  • " /> ATTUAZIONE DIRETTIVE EUROPEE: Valutazione di impatto ambientale e sicurezza degli impianti nucleari
  • Il Parlamento europeo approva la relazione sulla nuova direttiva di Valutazione Impatto Ambientale VIA
  • Valutazione d’Impatto Ambientale VIA: Domani si decide il futuro della normativa ambientale europea.
  • "/>
    You Are Here: Home » Dottrina » Diritto Ambientale » La Valutazione dell’impatto ambientale per progetti pubblici e privati.

    La Valutazione dell’impatto ambientale per progetti pubblici e privati.

    La Valutazione dell’impatto ambientale per progetti pubblici e privati.

    La direttiva VIA (85/337 / CEE) è in vigore dal 1985 e si applica a una vasta gamma di progetti pubblici e privati definiti , definiti negli allegati I e II:

    • VIA obbligatoria : tutti i progetti elencati nell’allegato I sono considerati come aventi effetti significativi sull’ambiente e richiedono una VIA (ad es. Linee ferroviarie a lunga percorrenza, autostrade e strade veloci, aeroporti con una lunghezza di pista di base ≥ 2100 m, impianti di smaltimento rifiuti pericolosi, impianti per lo smaltimento di rifiuti non pericolosi> 100 t / giorno, impianti di trattamento delle acque reflue> 150.000 pe).
    • Discrezione degli Stati membri (screening) : per i progetti elencati nell’allegato II, le autorità nazionali devono decidere se una VIA necessaria. Ciò avviene tramite la “procedura di screening” che determina gli effetti dei progetti sulla base di soglie / criteri o di esame caso per caso. Tuttavia, le autorità nazionali devono tener conto dei criteri stabiliti nell’allegato III. I progetti elencati nell’allegato II sono in genere quelli non compresi nell’allegato I (impianti di smaltimento delle strade, impianti di smaltimento delle strade, impianti di trattamento delle acque reflue), ma anche altri tipi come i progetti di sviluppo urbano, le opere di alluvione, le modifiche degli allegati I e II progetti esistenti …).

    La direttiva VIA del 1985 è stata modificata tre volte , nel 1997 , nel 2003 e nel 2009 :

    • La direttiva 97/11 / CE ha portato la direttiva in linea con la convenzione UNECE Espoo sull’EIA in un contesto transfrontaliero. La direttiva del 1997 ha ampliato il campo di applicazione della direttiva VIA aumentando i tipi di progetti coperti e il numero di progetti che richiedono una valutazione obbligatoria dell’impatto ambientale (allegato I). Esso ha altresì previsto nuove modalità di screening, inclusi i nuovi criteri di screening (nell’allegato III) per i progetti dell’allegato II e ha fissato requisiti minimi di informazione.
    • La direttiva 2003/35 / CE stava cercando di allineare le disposizioni sulla partecipazione del pubblico alla Convenzione di Aarhus sulla partecipazione del pubblico ai processi decisionali e all’accesso alla giustizia in materia ambientale.
    • La direttiva 2009/31 / CE ha modificato gli allegati I e II della direttiva VIA, aggiungendo progetti relativi al trasporto, alla cattura e allo stoccaggio di biossido di carbonio (CO2).

    La direttiva iniziale del 1985 e le sue tre modifiche sono state codificate dalla DIRETTIVA 2011/92 / UE del 13 dicembre 2011. La direttiva 2011/92 / UE è stata modificata nel 2014 dalla DIRETTIVA 2014/52 / UE (per informazioni dettagliate consultare la revisione della direttiva VIA )

    La procedura VIA può essere sintetizzata come segue: lo sviluppatore può chiedere all’autorità competente di dire quali dovrebbero essere coperte dalle informazioni sulla VIA da fornire dallo sviluppatore (fase di scoping); lo sviluppatore deve fornire informazioni sull’impatto ambientale (rapporto VIA – allegato IV); le autorità ambientali e il pubblico (e gli Stati membri interessati) devono essere informati e consultati; l’autorità competente decide, tenuto conto dei risultati delle consultazioni. Il pubblico è informato successivamente della decisione e può contestare la decisione dinanzi ai tribunali.

    QR Code – Take this post Mobile!
    Use this unique QR (Quick Response) code with your smart device. The code will save the url of this webpage to the device for mobile sharing and storage.

    Info sul autore

    Articoli Scritti : 989

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1