La direttiva VIA (85/337 / CEE) è in vigore dal 1985 e si applica a una vasta gamma di progetti pubblici e privati definiti , definiti negli allegati I e II:

  • VIA obbligatoria : tutti i progetti elencati nell’allegato I sono considerati come aventi effetti significativi sull’ambiente e richiedono una VIA (ad es. Linee ferroviarie a lunga percorrenza, autostrade e strade veloci, aeroporti con una lunghezza di pista di base ≥ 2100 m, impianti di smaltimento rifiuti pericolosi, impianti per lo smaltimento di rifiuti non pericolosi> 100 t / giorno, impianti di trattamento delle acque reflue> 150.000 pe).
  • Discrezione degli Stati membri (screening) : per i progetti elencati nell’allegato II, le autorità nazionali devono decidere se una VIA necessaria. Ciò avviene tramite la “procedura di screening” che determina gli effetti dei progetti sulla base di soglie / criteri o di esame caso per caso. Tuttavia, le autorità nazionali devono tener conto dei criteri stabiliti nell’allegato III. I progetti elencati nell’allegato II sono in genere quelli non compresi nell’allegato I (impianti di smaltimento delle strade, impianti di smaltimento delle strade, impianti di trattamento delle acque reflue), ma anche altri tipi come i progetti di sviluppo urbano, le opere di alluvione, le modifiche degli allegati I e II progetti esistenti …).

La direttiva VIA del 1985 è stata modificata tre volte , nel 1997 , nel 2003 e nel 2009 :

  • La direttiva 97/11 / CE ha portato la direttiva in linea con la convenzione UNECE Espoo sull’EIA in un contesto transfrontaliero. La direttiva del 1997 ha ampliato il campo di applicazione della direttiva VIA aumentando i tipi di progetti coperti e il numero di progetti che richiedono una valutazione obbligatoria dell’impatto ambientale (allegato I). Esso ha altresì previsto nuove modalità di screening, inclusi i nuovi criteri di screening (nell’allegato III) per i progetti dell’allegato II e ha fissato requisiti minimi di informazione.
  • La direttiva 2003/35 / CE stava cercando di allineare le disposizioni sulla partecipazione del pubblico alla Convenzione di Aarhus sulla partecipazione del pubblico ai processi decisionali e all’accesso alla giustizia in materia ambientale.
  • La direttiva 2009/31 / CE ha modificato gli allegati I e II della direttiva VIA, aggiungendo progetti relativi al trasporto, alla cattura e allo stoccaggio di biossido di carbonio (CO2).

La direttiva iniziale del 1985 e le sue tre modifiche sono state codificate dalla DIRETTIVA 2011/92 / UE del 13 dicembre 2011. La direttiva 2011/92 / UE è stata modificata nel 2014 dalla DIRETTIVA 2014/52 / UE (per informazioni dettagliate consultare la revisione della direttiva VIA )

La procedura VIA può essere sintetizzata come segue: lo sviluppatore può chiedere all’autorità competente di dire quali dovrebbero essere coperte dalle informazioni sulla VIA da fornire dallo sviluppatore (fase di scoping); lo sviluppatore deve fornire informazioni sull’impatto ambientale (rapporto VIA – allegato IV); le autorità ambientali e il pubblico (e gli Stati membri interessati) devono essere informati e consultati; l’autorità competente decide, tenuto conto dei risultati delle consultazioni. Il pubblico è informato successivamente della decisione e può contestare la decisione dinanzi ai tribunali.