TRIBUTARIO: L’estinzione della società non impedisce l’azione del fisco nei confronti dei soci.
  • Inammissibile il ricorso del legale rappresentante di società estinta e cancellata dal registro delle imprese.
  • FISCO & SOCIETA’: Beni in godimento ai soci e comunicazione dei dati all’Anagrafe tributaria.
  • " /> TRIBUTARIO: L’estinzione della società non impedisce l’azione del fisco nei confronti dei soci.
  • Inammissibile il ricorso del legale rappresentante di società estinta e cancellata dal registro delle imprese.
  • FISCO & SOCIETA’: Beni in godimento ai soci e comunicazione dei dati all’Anagrafe tributaria.
  • "/>
    You Are Here: Home » Giurisprudenza » Civile » Imputazione ai soci di utili extracontabili nelle società di capitale a ristretta base azionaria.

    Imputazione ai soci di utili extracontabili nelle società di capitale a ristretta base azionaria.

    Imputazione ai soci di utili extracontabili nelle società di capitale a ristretta base azionaria.

    Se vengono accertati utili non contabilizzati a carico di società di capitali a ristretta base azionaria, opera la presunzione di attribuzione degli stessi  ai soci, con inversione dell’onere della prova a loro carico, fornendo dimostrazione di non averli percepiti, o che gli stessi sono stati accantonati o reinvestiti.

     

    Decisione: Sentenza n. 24534/2017 – Cassazione Civile – Sezione V

    Classificazione: Tributario

     

    Massima:

    Nel caso di società di capitali a ristretta base azionaria, qualora siano accertati utili non contabilizzati, opera la presunzione di attribuzione “pro quota” ai soci degli utili stessi, con inversione dell’onere della prova a carico dei soci tenuti a provare di non aver percepito utili extracontabili, ovvero che gli stessi sono stati accantonati o reinvestiti.

     

    Osservazioni.

    La Suprema Corte ha ritenuto valida la presunzione utilizzata dall’Agenzia delle Entrate relativa alla ritenuta attribuibile di utili extracontabili discendenti da una plusvalenza immobiliare, al socio unico, che il Collegio ha ritenuto ammissibile richiamandosi anche a una precedente ordinanza del 2013 (n. 18032/2013).

     

    Giurisprudenza rilevante.

    Cass. Ordinanza n. 18032/2013

     

    Disposizioni rilevanti.

    DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 29 settembre 1973, n. 600

    Disposizioni comuni in materia di accertamento delle imposte sui redditi.

     

     

    TITOLO IV – ACCERTAMENTO E CONTROLLI

     

    Art. 37 – Controllo delle dichiarazioni

     

    Gli uffici delle imposte procedono, sulla base di criteri selettivi fissati annualmente dal Ministro delle finanze tenendo anche conto delle loro capacità operative, al controllo delle dichiarazioni e alla individuazione dei soggetti che ne hanno omesso la presentazione sulla scorta dei dati e delle notizie acquisiti ai sensi dei precedenti articoli e attraverso le dichiarazioni previste negli articoli 6 e 7, di quelli raccolti e comunicati dall’anagrafe tributaria e delle informazioni di cui siano comunque in possesso. I criteri selettivi per l’attività di accertamento di cui al periodo precedente, compresa quella a mezzo di studi di settore, sono rivolti prioritariamente nei confronti dei soggetti diversi dalle imprese manifatturiere che svolgono la loro attività in conto terzi per altre imprese in misura non inferiore al 90 per cento.

     

    (…omissis…)

     

    Art. 38 – Rettifica delle dichiarazioni delle persone fisiche

     

    L’ufficio delle imposte procede alla rettifica delle dichiarazioni presentate dalle persone fisiche quando il reddito complessivo dichiarato risulta inferiore a quello effettivo o non sussistono o non spettano, in tutto o in parte, le deduzioni dal reddito o le detrazioni d’imposta indicate nella dichiarazione.

     

    La rettifica deve essere fatta con unico atto, agli effetti dell’imposta sul reddito delle persone fisiche e dell’imposta locale su redditi, ma con riferimento analitico ai redditi delle varie categorie di cui all’art. 6 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 597.

     

    L’incompletezza, la falsità e l’inesattezza dei dati indicati nella dichiarazione, salvo quanto stabilito nell’art. 39, possono essere desunte dalla dichiarazione stessa, dal confronto con le dichiarazioni relative ad anni precedenti e dai dati e dalle notizie di cui all’articolo precedente anche sulla base di presunzioni semplici, purchè queste siano gravi, precise e concordanti.

     

    (…omissis…)

     

    Art. 42 – Avviso di accertamento

     

    Gli accertamenti in rettifica e gli accertamenti d’ufficio sono portati a conoscenza dei contribuenti mediante la notificazione di avvisi sottoscritti dal capo dell’ufficio o da altro impiegato della carriera direttiva da lui delegato.

     

    L’avviso di accertamento deve recare l’indicazione dell’imponibile o degli imponibili accertati, delle aliquote applicate e delle imposte liquidate, al lordo e al netto delle detrazioni, delle ritenute di acconto e dei crediti d’imposta, e deve essere motivato in relazione ai presupposti di fatto e le ragioni giuridiche che lo hanno determinato e in relazione a quanto stabilito dalle disposizioni di cui ai precedenti articoli che sono state applicate, con distinto riferimento ai singoli redditi delle varie categorie e con la specifica indicazione dei fatti e delle circostanze che giustificano il ricorso a metodi induttivi o sintetici e delle ragioni del mancato riconoscimento di deduzioni e detrazioni. Se la motivazione fa riferimento ad un altro atto non conosciuto nè ricevuto dal contribuente, questo deve essere allegato all’atto che lo richiama salvo che quest’ultimo non ne riproduca il contenuto essenziale.

     

    (…omissis…)

    Permalink al Testo Integrale

    QR Code – Take this post Mobile!
    Use this unique QR (Quick Response) code with your smart device. The code will save the url of this webpage to the device for mobile sharing and storage.

    Info sul autore

    Titolare Graziotto Legal - Studio Legale Graziotto

    Studio Legale Graziotto Via Zeffiro Massa, 1 18038 Sanremo (IM) Tel. +39 0184 1894317- Cell. +39 348 0017380 Curriculum http://www.studiograziotto.com/gp/LPage.aspx?k=profile Siti Web: http://www.studiograziotto.com http://www.graziottolegal.com PROFILO PROFESSIONALE SINTETICO Studio Legale, improntato al concetto di «boutique legale», caratterizzato per la riservatezza assoluta e l’unicità nel segmento Corporate Legal (clientela aziendale operante in numerosi settori di attività). Una delle poche realtà a struttura snella e flessibile con vocazione internazionale e capacità di intervento a 360° anche all’estero in circa 60 Paesi. Il titolare ha oltre 15 anni di esperienza specifica in operazioni straordinarie aziendali, anche in ambito internazionale. E’ Pioniere del concetto di «Scudo Legale» per prevenire e contenere i rischi legali. Vanta collaborazioni editoriali e pubblicazioni, docenze, interventi e corsi di specializzazione, competenze linguistiche ed esperienze diversificate nei contesti d’impresa. Practices: Arbitrato e contenzioso in tutte le sedi, anche internazionali • Diritto ambientale • Diritto amministrativo • Diritto bancario e assicurativo • Diritto civile • Diritto commerciale e contrattuale • Diritto della concorrenza e della proprietà industriale • Diritto del lavoro (solo tutela della parte datoriale) • Diritto dell'Unione europea • Diritto dei trasporti • Diritto fallimentare • Diritto immobiliare • Diritto internazionale privato • Diritto penale • Diritto societario • Diritto tributario e doganale • Finanza d'impresa e operazioni straordinarie aziendali (acquisizioni, fusioni, scissioni, affitti, cessioni e conferimenti di aziende, rami d’azienda, partecipazioni societarie) • Internazionalizzazione

    Articoli Scritti : 152

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1