AmbienteDiritto.it

Rivista Giuridica di Diritto Pubblico – ISSN 1974-9562

Newsletter dell’ 8 maggio 2019 n.8 – ANNO XIX n. 8/2019

Seguici su:        

Giurisprudenza
* APPALTI – Art. 63 d.lgs. n. 50/2016 – Scelta del contraente a mezzo di procedura negoziata senza pubblicazione del bando – Eccezione ai principi di pubblicità e massima concorrenzialità – Accertamento rigoroso dei presupposti – Insuscettibilità di interpretazione estensiva – Imprevedibilità e non imputabilità alla stazione appaltante dell’estrema urgenza. TAR CAMPANIA, Napoli – 29 aprile 2019

* APPALTI – Art. 95, cc. 3 e 4 d.lgs. n. 50/2016 – Rapporto di specie a genere – Fattispecie di cui al comma 3 – Obbligo “speciale” di adozione del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa – Manutenzione di autoveicoli –  Natura di servizi ocon caratteristiche standardizzate e prestazioni ripetitive. TAR PIEMONTE – 3 maggio 2019

APPALTI – Attività di asseverazione dei piani econoici finanziari – Società iscritte nel registro dei revisori legali e delle società di revisione – Legittimazione – Art. 183, c. 9 d.lgs. n. 50/2016 – Referenze bancarie – Funzione – Referenze bancarie riguardanti la situazione finanziaria del solo rappresentante legale dell’operatore – Inidoneità. CONSIGLIO DI STATO – 10 aprile 2019

* APPALTI – Concessioni – Risoluzione – Art. 1445 c.c. – Valutazione globale della gravità dell’inadempimento. CONSIGLIO DI STATO – 12 aprile 2019

* APPALTI – Differenza tra concessione e contratto di appalto – Tratto distintivo – Art. 3, lett. zz) d.lgs. n. 50/2016 – Mancata corrispondenza tra costi operativi gestionali e canone concessorio – Rischio ordinario connaturato allo stesso istituto concessorio – Obbligo per la stazione appaltante di ricondurre il contratto ad una dimensione di remuneratività economica – Insussistenza – Art. 106 d.lgs. n. 50/2016. CONSIGLIO DI GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA PER LA REGIONE SICILIANA – 26 aprile 2019

* APPALTI – Gare da aggiudicare con il criterio dell’offerta più vantaggiosa – Doppia riparametrazione – Non è imposta dalla legge, ma può essere prevista dalla lex specialis – Procedimento di verifica dell’anomalia – Natura globale e sintetica della valutazione della stazione appaltante. CONSIGLIO DI STATO – 16 aprile 2019

APPALTI – Gare pubbliche – Immediata impugnazione delle clausole dle bando – Effetto escludente – Carattere ambiguo della clausola – Non immediata percepibilità dell’effetto preclusivo – Impugnazione unitamente all’atto di esclusione. CONSIGLIO DI STATO – 12 aprile 2019

* APPALTI – Provvedimenti di ammissione ed esclusione – Impugnazione – Mancato coordinamento tra le norme di cui all’art. 29, c. 1 d.lgs. n. 50/2016, come modificate dal d.lgs. n. 56/2017 e all’art. 120 c.p.a. – Decorrenza del termine di impugnazione – Mera pubblicazione sul profilo del committente  – Insufficienza –  Concreta disponibilità dell’atto corredato da motivazione. TAR VALLE D’AOSTA – 23 aprile 2019

DANNO AMBIENTALE – Ecoreati – Attività organizzate per il traffico illecito – Ingiusto profitto – Nozione e configurabilità – Natura di reato abituale – Unitarietà della condotta – Soglia minima di rilevanza penale della condotta – Valutazione complessiva operata dal giudice – Art. 452-quaterdecies cod. pen. – Art. 258 d.lgs. 152/2006 – RIFIUTI – Ecodelitti – Nozione di “profitto” – Requisito dell’ingiusto profitto – Giurisprudenza – Gestione abusiva dei rifiuti – Attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti – Condotta sanzionata – Sistema concorrenziale tra imprese – Rischio o danno all’ambiente e alla salute delle persone – Semplice titolarità dell’impresa – Responsabilità. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 12/04/2019, Sentenza n.16056

* DIRITTO DELL’ENERGIA – BENI CULTURALI E AMBIENTALI – Procedimento per il rilascio dell’autorizzazione unica ex art. 12 d.lgs. n. 387/2003 – Valutazioni espresse dalla Soprintendenza – Sovrapponibilità con le valutazioni formulate dalla provincia in sede di VIA e VIC – Esclusione. TAR PUGLIA, Bari – 18 aprile 2019

* DIRITTO DELL’ENERGIA – Impianti eolici – Autorizzazione – Conferenza di servizi – Art. 14 ter l. n. 241/1990 – Partecipazione – Diritto del privato interessato – Inconfigurabilità – Impianti di produzione di energia eolica – Legislatore regionale – Fissazione, in via generale e astratta, di distanze minime – Preclusione – Valutazione in concreto rimessa all’amministrazione – Criterio della distanza – Strade urbane, abitazioni e siti sensibili – Linee guida di cui al DM 10.09.2010 – Apprezzamento della compatibilità di un impianto per la produzione di energia eolica con le esigenze di tutela del paesaggio e dei beni culturali – Ampia discrezionalità. TAR CAMPANIA, Napoli – 30 aprile 2019

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Campeggio – Lottizzazione abusiva – Allestimenti e servizi finalizzati ad un soggiorno occasionale e limitato nel tempo – Artt. 30, 44, 64, 65, 71, 72, 83, 93 e 95 d.P.R. n. 380/2001 – Giurisprudenza – Reati urbanistici – Confisca dei terreni e delle opere abusivamente lottizzati – Conferimento di un diverso assetto del territorio – Operazione di frazionamento – Sanzione – Proporzionalità della confisca – Terzi in buona fede. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 04/04/2019, Sentenza n.14743

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Permesso di costruire in sanatoria e estinzione dei reati per prescrizione – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Percezione «ictu oculi» – Evidenza» richiesta dall’art. 129, c.2, cod. proc. pen. – Causa di estinzione del reato – Artt. 29, 36, 44, 64 , 65, 71, 72, 93 e 95 d.P.R. 380/2001 – Art. 181, c.1 d.lgs. 42/2004. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 28/03/2019, Sentenza n.13608

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Distinzione fra le categorie del restauro e risanamento conservativo e della ristrutturazione edilizia – Finalità degli interventi – Variazione della misura del contributo di costruzione – Mutamento di destinazione – Passaggio tra categorie funzionalmente autonome. TAR TOSCANA – 30 aprile 2019

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Divergenza tra quanto indicato nella cartellonistica di cantiere e quanto effettivamente realizzato – Rilevanza sotto l’aspetto delle sanzioni per interventi eseguiti in difformità o con variazioni essenziali – Esclusione. TAR PUGLIA, Bari – 30 aprile 2019

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – L.r. Puglia n. 20/01, art. 112, c. 3 bis – rettifica di un errore materiale da parte del Comune – Presa d’atto della Regione – Necessità – Fondamento. TAR PUGLIA, Bari – 6 maggio 2019

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Permesso di costruire intervenuto in seguito all’approvazione di una variante urbanistica SUAP – Regione Veneto –  Contributo straordinario di cui all’art. 16, c. 4, lett. d-ter d.P.R. n. 380/2001 – Applicabilità. CONSIGLIO DI STATO – 12 aprile 2019

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Proroga del termine annuale di inizio dei lavori – Presupposti – Richiesta – Presentazione in data anteriore alla decorrenza del termine ultimo previsto nel titolo – Ragioni – Art. 15 d.P.R. n. 380/2001. TAR CAMPANIA, Napoli – 29 aprile 2019

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Richiesta di rilascio di un permesso di costruire – Documentazione non veritiera attestante una falsa rappresentazione dello stato dei luoghi – Falso ideologico in sede amministrativa – Configurabilità – Art. 20, c.13, d.P.R. n.380/2001 – Artt. 48 e 480 cod. pen. – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Provvedimento adottato da un pubblico ufficiale basato su atti o attestazioni non veri prodotti dal privato – Falso ideologico in documenti a contenuto dispositivo – Effetti – PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO – Rapporti tra il delitto di falso ideologico in atto pubblico per induzione ed il reato di falsità ideologica in atto pubblico commesso da privati – Rapporto di causa-effetto – Condotte riconducibili al decipiens – Artt. 48-479 o 48-480 e 483 cod. pen. – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Riqualificazione del fatto – Difetto di contraddittorio – Violazione del diritto di difesa – Possibilità di proporre ricorso per cassazione e causa di non punibilità. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 05/04/2019, Sentenza n.15011

INQUINAMENTO ATMOSFERICO – Aria – Biogas prodotto dalla fermentazione dei rifiuti solidi urbani siti in discarica – Superamento dei limiti di emissione – Gestore dell’impresa di produzione di energia elettrica tramite l’utilizzo di biogas – Natura di reato istantaneo – Momento consumativo del reato – Decorrenza del termine di prescrizione – Singola condotta tipica o a consumazione prolungata o condotta frazionata – Fattispecie – Art. 279, D.Lgs. n.152/2006. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 12/04/2019, Sentenza n.16042

* INQUINAMENTO DEL SUOLO – Procedure operative ed amministrative da attivare al verificarsi di un evento potenzialmente contaminante – Art. 242 d.lgs. n. 152/2006 – Distinzione tra CSC e CSR – Fissazione dei valori di CSC – Sostanze inquinanti non tabellate. CONSIGLIO DI STATO – 10 aprile 2019

MALTRATTAMENTO ANIMALI – Impedire a un animali o rendere difficoltosa la deambulazione o il mantenere una posizione eretta – Art. 727 cod. pen. – Configurabilità – Nozione di maltrattamento di animali – Nozione di detenzione impropria di animali – Giurisprudenza – DIRITTO SANITARIO – Produzione del certificato medico – Verifica fiscale – Indicazione generica e certificazione medica inadeguata – Valutazione del giudice – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Decreto penale oggetto di opposizione – Effetti e caso di provvedimento abnorme – Art. 464, c.3, cod. proc. pen.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 04/04/2019, Sentenza n.14734

PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO – Art. 38, c. 3 D.P.R. n. 445/2000 – Istanze e dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà – Invio per via telematica – Mancata allegazione del documento d’identità – Effetti. CONSIGLIO DI STATO – 16 aprile 2019

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Dirigente dell’Ufficio tecnico – Reato di omissione di denuncia – PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO – Condotta del pubblico ufficiale – Denuncia di reato – Verifica dell’esistenza della notitia criminis – Art. 361 cod. pen. – DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Richiesta di sanatoria – Accertamento di conformità – Art. 36 d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 – Reati contro la P.A. – Pubblico ufficiale – Nozione del dolo di omissione – Elemento soggettivo del reato di omissione di denuncia – Obbligo di informazione penalmente inscusabile – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.6^ 16/04/2019

RIFIUTI – Responsabilità per la gestione dei rifiuti – Stoccaggio o smaltimento a mezzo di impianto indipendente – Sostanze gassose – Omessa classificazione – Produttore o detentore di rifiuto – Individuazione – Posizione di garanzia apicale – Obblighi di legge – Soggetti coinvolti nella produzione o nella detenzione – Omessa classificazione – Protezione della salute umana – Omessa imprudente vigilanza sulle operazioni di bonifica – Art. 183 e ss. 208 e ss. D. Lgs. n.152/2006 – Fattispecie: Vittime dovuti dalla pulitura di cisterne dai rifiuti interni rimasti dopo lo scarico di zolfo liquido – ADR – Tank container – Violazione di cui agli artt. 5 e 25 septies D.L.vo 231/2011 – Norme antinfortunistiche violate e all’art.2087 cod.civ. – DVR non aggiornato – Rischi derivanti dal lavaggio di autocisterne utilizzate per il trasporto di prodotti chimici – Caso Eni di Taranto e Scarlino – APPALTI – Responsabilità dei committenti e rischio interferenziale – Obblighi di coordinamento e cooperazione – Dovere informativo su eventuali pericoli – Contratto di appalto e accordo per una mera prestazione d’opera – Posizione di garanzia propria dell’imprenditore – Infortuni sul lavoro – Responsabilità del committente per “culpa in eligendo” – Verifica dell’idoneità tecnico professionale – Fattispecie: pericolosità derivante dai rifiuti gestiti – SICUREZZA SUL LAVORO – Subappaltato dei lavori – Responsabilità dell’imprenditore che frazioni il ciclo produttivo – Norme antinfortunistiche – Casi di lesioni e di omicidi colposi – Nesso di causalità – Evento dannoso un legame causale – Giurisprudenza – Prevenzione degli infortuni sul lavoro – Individuazione del garante nelle strutture complesse – Relazioni intersoggettive – Datore di lavoro – Persona giuridica – Responsabilità del legale rappresentante dell’ente – Successione di norme e corrispondenza contenutistica – Datore di lavoro dell’impresa appaltatrice – Valutazioni di rischio – Omessa redazione del DVR – Prevenzione dei rischi generici e processo causale che ha dato origine all’infortunio – Sistema di sicurezza aziendale – Procedimento di programmazione della prevenzione globale dei rischi – Responsabilità del datore di lavoro committente – Documento di valutazione dei rischi – Obblighi di cooperazione e coordinamento – Titolari della posizione di garanzia – Responsabilità di ogni singola posizione di garanzia – Nesso di causalità e rischio interferenziale – Coinvolgimento funzionale – Violazione di norme antinfortunistiche – Aggravante speciale – Procedibilità di ufficio in caso di lesioni gravi e gravissime – Addebito di colpa specifica – Posizione di garanzia – Assenza di  diligenza, prudenza e accortezza – Impresa strutturata come persona giuridica – Legale rappresentante e responsabilità penale – Destinatario delle normativa antinfortunistica – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Corte di Cassazione annullamento della sentenza impugnata – Effetti civili e penali. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.4^ 25/03/2019, Sentenza n.12876

VIA, VAS E AIA – D.lgs. n. 104/2017 – Materia di competenza esclusiva dello stato – Disciplina statale condizionante le potestà legislative delle Regioni ad autonomia differenziata e delle province autonome – Artt. 5, 22 e 26 del d.lgs. n. 104/2017 – Allineamento dei diversi schemi e modelli procedimentali – Norme fondamentali di riforma economico-sociale – Art. 28, c. 5 l. prov. Trento n. 17/2017 – Modifica dell’art. 3, l.prov. Trento n. 19/2013 – Rinvio alle disposizioni del codice dell’ambiente – Qualificazione del rinvio come recettizio piuttosto che mobile – Conseguente contrasto con le modifiche apportate al codice dell’ambiente dal d.lgs. n. 104/2017 – Illegittimità costituzionale. CORTE COSTITUZIONALE – 18 aprile 2019, n. 93

Dottrina
QUALE FUTURO PER IL TERZO SETTORE? Riflessioni alla luce del parere del consiglio di stato sul codice del terzo settore. SILVIA DI PIETRO
Riviste Ipsoa

Urbanistica e appalti

1/2019

I gravi illeciti professionali

Il principio di rotazione

Ordinanza di sospensione dell’ordine di demolizione

Il Foro Italiano

Anno CXLIV – n. 3 – marzo 2019
Si segnalano all’attenzione dei lettori:
Cass., ord. 20 dicembre 2018, n. 32943, e sent. 12 novembre 2018, n. 28893 (I, 851): immissioni acustiche e limite di tollerabilità

Cass., ord. 4 dicembre 2018, n. 31233, e 23 novembre 2018, n. 30472 (I, 874) circa il danno “in re ipsa”

Cass. 31 gennaio 2019, n. 2788 (I, 782): ancora sui criteri di liquidazione del danno non patrimoniale

QuotidianoLegale

Attività ispettive o di vigilanza: fonti di prova ed analisi di campioni.

Legittima Difesa la nuova legge pubblicata in Gazzetta Ufficiale.

La finanza del futuro: Sostenibilità e strategie di investimento.

Il dibattito sulle Province: evitare gli errori del passato. Carlo Rapicavoli

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: Equilibrio tra trasparenza delle procedure e garanzie dei diritti. Marco Terrei

DIRITTO AMBIENTALE: CORSO DI ALTA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO.

EUROBOND: un cambio di marcia per l’Eurozona. Edoardo Italiano

Newsletter del 17 aprile 2019 n.7 – ANNO XIX n.7/2019

Giurisprudenza

AMBIENTE IN GENERE – Illeciti amministrativi e penali in materia ambientale – Art. 318-septies – Oblazione extraprocessuale – Previsione di una somma più elevata rispetto all’oblazione prevista per le contravvenzioni in materia di sicurezza sul lavoro – Questione di legittimità costituzionale – Infondatezza. CORTE COSTITUZIONALE – 9 aprile 2019, n. 76

* APPALTI – Criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa – Separazione tra la fase di valutazione dell’offerta tecnica e quella dell’offerta economica – Principio di segretezza – Mero rischio di pregiudizio – Bene giuridico protetto. TAR CAMPANIA, Salerno – 8 aprile 2019

* APPALTI – Giudizio di anomalia – Rispetto del principio del contraddittorio – Plurime richieste di chiarimenti – Corollari del principio di effettività del contraddittorio. TAR CAMPANIA, Salerno – 8 aprile 2019

APPALTI – Illecito professionale di cui all’art. 80, c. 5, lett. c) d.lgs. n. 50/2016 – Principi di tipicità e tassatività della causa ostativa- Inadempimenti e condotte negligenti poste in essere nell’esecuzione del contratto – Irrilevanza dei fatti occorsi nella prodromica procedura di affidamento – Distinzione tra requisiti soggettivi di prequalificazione e criteri di valutazione dell’offerta – Divieto di commistione – Potenziale idoneità dei requisiti soggettivi a riverberarsi sull’efficienza della prestazione – Iscrizione camerale – Requisito di idoneità professionale – Art. 83, c. 1, lett. a) e 3 d.lgs. n. 50/2016 – Congruenza contenutistica tra  le risultanze descrittive del certificato camerale e l’oggetto del contratto d’appalto –  Criterio di rispondenza alla finalità di verifica della richiesta idoneità professionale – Raggruppamento temporaneo di imprese verticale – Art. 48, c. 2 d.lgs. n. 50/2016 – Preventiva individuazione delle prestazioni principali e secondarie – Necessità. TAR LIGURIA – 28 marzo 2019

* BENI CULTURALI E AMBIENTALI – APPALTI – Art. 5 d.m. 154/2017 – requisiti di qualificazione per lavori su beni tutelati ai sensi del d.lgs. n. 42/2004 – Disposizioni formali destinate a soccombere a fronte di quelle previste dal bando di gara – Inconfigurabilità – Necessaria ostensione dell’abilità maturata – Certificazione camerale. TAR LIGURIA – 2 aprile 2019

DIRITTO DELL’ENERGIA – Cd. Deposito fiscale – Nozione – Art. 1, c. 2, lett. e) d.lgs. n. 504/1995 – Distinzione tra stabilimenti di produzione, depositi fiscali soprasoglia e depositi fiscali sottosoglia – Ricorrenza dei requisiti alternativi di cui all’art. 23, c. 4 d.lgs. n. 504/1995 – Estensione strumentale dell’attività esercitata dal deposito principale. TAR LIGURIA – 1 aprile 2019

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Reati edilizi – Desistenza dalla prosecuzione dell’intervento edilizio abusivo – Presupposti – Definitività e dimostrabilità – Onere della prova – Artt. 25, 44, D.P.R. n. 380/2001 – Reato urbanistico – Natura di reato permanente – Consumazione inizio e termine – Ultimazione dell’opera, requisiti e valutate nel loro complesso – Immobile abusivo – Prova della concreta ed effettiva funzionalità – Datazione dell’intervento edilizio abusivo – Riferimento all’attivazione delle utenze – Esclusione – Dimostrazione della definitiva cessazione dei lavori – Necessità – Responsabilità per abuso edilizio del proprietario (o comproprietario) dell’area non formalmente committente – Onere della prova – Principio del “cui prodest” – Giurisprudenza – Rapporto di coniugio e compartecipazione di un coniuge nel reato edilizio – Elementi indizianti e prova – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Limiti al riconoscimento delle circostanze attenuanti generiche – Dosimetria della pena – Gravità del fatto – Corretto esercizio del potere discrezionale di determinazione della pena e dei criteri di valutazione – Artt. 62-bis e 133 cod. pen..  CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 28/03/2019, Sentenza n.13607

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO – Permesso di costruire convenzionato – Emanazione – Concorso di molteplici organi comunali – Annullamento s’ufficio da parte del solo dirigente del settore territorio e ambiente – Illegittimità – Principio del contrarius actus. TAR CAMPANIA, Salerno – 5 aprile 2019

 

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Convenzione urbanistica – Previsione della realizzazione di un edificio scolastico – Modifica della destinazione da scuola primaria a scuola secondaria – Irrilevanza ai fini dell’attuazione della convenzione – Valutazioni discrezionali del Comune sull’interesse pubblico – Convenzione urbanistica – Scelte discrezionali del Comune – Aggravamento degli obblighi assunti contrattualmente – Necessità di salvaguardare l’equilibrio economico originario – Rimodulazione per equivalente delle obbligazioni. TAR LOMBARDIA, Brescia, Sez. 1^ – 8 aprile 2019, n. 320

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Violazione dell’obbligo formale di trasmissione della dichiarazione di fine lavori – Decadenza del titolo edilizio – Inconfigurabilità – Ragioni. TAR LOMBARDIA, Brescia, Sez. 1^ – 1 aprile 2019, n. 296

PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO – Istanza di accesso – Differenza tra richieste esplorative e richieste generiche o ad ampio spettro – Ammissibilità delle richieste generiche – Fondamento.TAR LOMBARDIA, Brescia – 12 aprile 2019

RIFIUTI – Assenza di contaminazione del sito, come definita dall’art. 240 e ss. del T.U.A. – Abbandono di rifiuti – Inapplicabilità delle procedure di cui agli artt. 242 e ss. TUA – Esclusione della possibilità di applicazione della normativa sulla bonifica dei siti contaminati all’abbandono di rifiuti – Art. 239, c. 2 d.lgs. n. 152/2006 – Terre e rocce da scavo – Qualificazione come sottoprodotti anziché come rifiuti – Presupposti – Art. 183, c. 1, lett. qq) d.lgs. n. 152/2006. TAR LOMBARDIA, Brescia – 8 aprile 2019

VIA, VAS E AIA – RIFIUTI – Modifica delle prescrizioni tecniche racchiuse nell’AIA – Presenza di situazioni ambientali valutate come particolarmente critiche – Introduzione d’ufficio di questioni problematiche, anche in corso di procedimento – Artt. 8, c. 3 l.r. Lombardia n. 24/2006 e 208, c. 12, d.lgs. n. 152/2006 – Limiti al rilascio di sostanze perlfuoroalchiliche dai rifiuti – Disciplina – Principio di precauzione – Tutela anticipata – ACQUA E INQUINAMENTO IDRICO – PFAS – Procedura per l’autorizzazione di attività di trattamento di rifiuti speciali – Valori di concentrazione per le acque destinate al consumo umano, per le acque superficiali e per le acque sotterranee. TAR LOMBARDIA, Brescia, Sez. 1^ – 26 marzo 2019, n. 278

QuotidianoLegale

URBANISTICA: Rapporto di coniugio e compartecipazione di un coniuge nel reato edilizio.

Impianti di telefonia mobile: Criteri localizzativi.

APPALTI: Coordinamento delle procedure di aggiudicazione.

Illeciti amministrativi e penali in materia ambientale.

Greta Thunberg Diritto Emergenze Ambientali (part.2°)

Seguici su:        

Per abbonamenti alla rivista AmbienteDiritto.it: http://www.ambientediritto.it/home/abbonamenti


NEWSLETTER
di AmbienteDiritto.it (Testata Reg. presso il Tribunale di Patti Reg. n. 197 del 19 luglio 2006 – ISSN 1974-9562). Direttore responsabile: Fulvio Conti Guglia. Direzione e redazione: AmbienteDiritto.it, Via Filangeri, 19 – 98078 Tortorici ME – Tel +39 0941421391 – Fax +39 1782724258 – Gsm +39 3383702058 – info (at) ambientediritto.it – Le novita’ sono consultabili su Internet all’indirizzo: http://www.AmbienteDiritto.it

Pubblicita’ su questa news letter o sul sito AmbienteDiritto.it:marketing (at) ambientediritto.it


Se non vuoi piu’ ricevere questa newsletter, this link

Per aggiornare i tuoi dati e per cancellare la tua iscrizione visita this link

Inoltra il messaggio a un amico this link


Reg. 2016/679/UE (GDPR)

Si ricorda che, ai sensi del nuovo Regolamento UE 2016/679 in materia di protezione dei dati personali (GDPR), si possono, autonomamente, modificare le proprie preferenze sulla iscrizione o cancellazione in qualsiasi momento, semplicemente cliccando sugli appositi link presenti nella newsletter a piè pagina o dall’indirizzo Web da cui è stata effettuata l’iscrizione. Oppure, inviando una mail a: info (at) ambientediritto .it