www.AmbienteDiritto.it

Rivista Giuridica on line – ISSN 1974-9562

Newsletter del 17 ottobre 2018 n.25 – ANNO XVIII n. 25/2018

Il Master in Amministrazione e Gestione della Fauna Selvatica è lo strumento ideale per formare un tecnico capace di operare una gestione sostenibile della fauna, dell’habitat, dei biotopi intervenendo nei confronti degli stessi, ma più in generale nei confronti della società e dell’ambiente attraverso scelte fondate sulla scienza biologica mediante strumenti giuridici. Per un maggiore dettaglio sui contenuti del Master visitare il sito www.unive.it/master-fauna .
Al link https://www.unive.it/pag/4984/  è reperibile il Bando e tutte le informazioni utili per presentare domanda di ammissione.

Per ogni informazioni è possibile contattare anche il 347.3103074 

Giurisprudenza

ACQUA – INQUINAMENTO IDRICO – Scarico di acque reflue di prima pioggia e/o di dilavamento – Autorizzazione dell’ente competente – Effetti e limiti della disciplina regionale – Gestione delle acque di prima pioggia e di lavaggio da aree esterne – Fattispecie: distributore carburanti, area utilizzata come stallo o parcheggio – Artt. 137 d.lgs. n.152/06. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 10/07/2018, Sentenza n.31389

* ACQUA E INQUINAMENTO IDRICO – DIRITTO DELL’ENERGIA – Acque marine – D.lgs. n. 201/2016 – Piani di gestione – Adozione – Assenza di norme transitorie – Parco eolico off shore – Sospensione del procedimento di VIA – Legittimità. TAR PUGLIA, Lecce – 26 settembre 2018

* APPALTI – Anomalia dell’offerta – Verifica di congruità – Art. 97 d.lgs. n. 50/2016 – Verifica facoltativa – Discrezionalità della stazione appaltante – Fasi del procedimento di verifica dell’anomalia – Attivazione del subprocedimento e sollecitazione del contraddittorio – Discrezionalità “bifasica”. TAR LAZIO, Roma – 15 ottobre 2018

* APPALTI – Certificazione di qualità – Requisito connotato da implicita soggettività – Cessione disgiunta dall’intero complesso aziendale – Preclusione – Delibera ANAC n. 837/2017. TAR LAZIO, Roma – 12 ottobre 2018

* APPALTI – Costi della manodopera e oneri aziendali – Errore formale nell’indicazione numerica del costo della manodopera – Soccorso istruttorio – Indebita modifica dell’offerta economica – Inconfigurabilità. TAR VENETO – 1 ottobre 2018

* APPALTI – Imprese affidate ad un amministratore giudiziario – Cause di esclusione riferibili al periodo precedente l’affidamento – Non operano – Art. 80, c. 11 d.lgs. n. 50/2016 TAR TOSCANA – 3 ottobre 2018

* APPALTI – Offerta condizionata – Nozione – Inammissibilità. TAR LAZIO, Roma – 12 ottobre 2018

* APPALTI – Possesso dei requisiti di capacità economica e finanziaria – Periodo di attività documentabile – Art. 84, c. 4, lett. b) d.lgs. n. 50/2016 – Decennio antecedente alla data di sottoscrizione del contratto con la SOA Art. 90 d.P.R. n. 207/2010 – Riferimento al quinquennio antecedente l’indizione della gara – Antinomia normativa – Soluzione. TAR PUGLIA, Bari – 9 ottobre 2018

APPALTI – PROCESSO AMMINISTRATIVO – Responsabilità precontrattuale del privato – Violazione degli obblighi di buona fede e correttezza – Domanda risarcitoria della P.A. – Giurisdizione del giudice ordinario. TAR LOMBARDIA, Milano, Sez. 3^ – 12 ottobre 2018, n. 2267

* APPALTI – Reati estinti – Obblighi di dichiarazione – Insussistenza. TAR PUGLIA, Lecce – 2 ottobre 2018

* APPALTI – Stazione appaltante – Principio del clare loqui – Norme di validità – Violazione – Giudizio di invalidità dell’esclusione – Fattispecie. TAR ABRUZZO, Pescara – 1 ottobre 2018

* APPALTI – Incameramento della cauzione provvisoria – Conseguenza automatica dell’esclusione – Valutazioni circa la non imputabilità a colpa della violazione – Irrilevanza. TAR SICILIA, Catania – 2 ottobre 2018

* APPALTI – Raggruppamenti temporanei – Quota percentuale minima dei requisiti di qualificazione e/o di capacità che deve essere posseduta da ciascun operatore economico riunito in raggruppamento temporaneo – Non è prescritta – Mancata definizione della soglia minima da parte della stazione appaltante – Mandatario – Indicazione del 100% del requisito prescritto – Legittimità. TAR PUGLIA, Bari – 1 ottobre 2018

* BENI CULTURALI E AMBIENTALI – Pubbliche piazze, vie e strade rientranti nell’ambito dei Centri Storici – Natura di beni culturali ope legis – Art. 10, cc. 1 e 4, lett. g) d.lgs. n. 42/2004 – Rimozione del vincolo – Apposita verifica ex art. 12. TAR VENETO – 8 ottobre 2018

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Prg e vincoli paesaggistici – Qualifica di oneri non apparenti gravanti sull’immobile – DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Previsioni del piano regolatore generale – Contenuto normativo con efficacia “erga omnes” – Effetti – Presunzione legale di conoscenza da parte dei destinatari – Configurabilità – Riferimenti normativi – Art. 1489 c.c. – Giurisprudenza – Presunzione assoluta di conoscenza del vincolo di inedificabilità gravante su un immobile e certificato di destinazione urbanistica – Vincoli imposti da specifico provvedimento amministrativo – Differenza – DIRITTO PROCESSUALE CIVILE – Interpretazione data dal giudice di merito ad un contratto – Ricorso in cassazione – Limiti – Ermeneutica del negozio o clausola contrattuale – Clausole generiche o di mero stile e canone della buona fede – Criterio di autoresponsabilità e principio dell’affidamento – Natura di oneri non apparenti ex art. 1489 c.c. – Esclusione – Risoluzione per inadempimento di un contratto – Obbligazione risarcitoria e risarcimento del danno – Onere della prova da parte richiedente. CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.2^ 04/06/2018, Sentenza n.14289

* DIRITTO DELL’ENERGIA – Regione Puglia – D.M. 10/09/2100 – Deliberazione G.R. Puglia n. 3029/2010 – Documentazione da presentare congiuntamente alle istanze di costruzione di impianti di energia prodotta da fonti rinnovabili – Carenza della documentazione prescritta – Termine di trenta giorni – Inutile decorso – Decadenza. TAR PUGLIA, Bari – 5 ottobre 2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – DIRITTO DEMANIALE – Opere stagionali realizzate sul demanio marittimo – Mancata rimozione e trasformazione in strutture permanenti in assenza del permesso di costruire – BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Autorizzazione paesaggistica annuale – Art. 44, comma 1, lett. e), d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 e 181 d.lgs. 22 gennaio 2004, n. 42 – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 04/09/2018, Sentenza n.39677

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA
– Reati edilizi – Mutamento di destinazione d’uso senza opere – SCIA o permesso di costruire – Presupposti – Stessa categoria urbanistica – Categoria omogenea – Centri storici – Art. 44 lett. a) d.P.R. n. 380/2001 – Giurisprudenza – Destinazione d’uso – Funzione – Organizzazione e gestione del territorio comunale – Mutamento della destinazione d’uso – Aggravamento del carico urbanistico – Regimi urbanistico-contributivi diversi. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 13/09/2018, Sentenza n.40678

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Violazioni urbanistiche e reati di falso materiale e ideologico e abuso d’ufficio – Natura di atto fidefacente del permesso di costruire – Esclusione – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici – Falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in certificati o in autorizzazioni amministrative – Assessore comunale con delega all’urbanistica – Formazione di un falso atto di rettifica e voltura di un permesso di costruire originariamente emanato in favore di un diverso soggetto e altre false attestazioni – Retrodatazione di atti necessaria per evitare la verificazione del silenzio-rigetto – Permesso di costruire – Momento consumativo del reato di abuso d’ufficio – Condotta del pubblico ufficiale – Ingiusto vantaggio patrimoniale per il soggetto beneficiato – Incremento patrimoniale dell’immobile divenuto edificabile – BOSCHI E MACCHIA MEDITERRANEA – False attestazioni sulla natura non “boscata” dei terreni – -Artt. 10 e ss. 36, c.3, d.P.R. n.380/2001 – Artt. 476, 477,478, 479 e 480 cod. pen. – BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Autorizzazione paesaggistica – Falso materiale e ideologico – Esclusione di una sua riconducibilità alla categoria degli atti fidefacenti – Querela di falso – Necessità. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 04/10/2018, Sentenza n.44104

* INQUINAMENTO ATMOSFERICO – Emissioni in atmosfera – Esercizio di impianto non autorizzato – Prosecuzione nell’esercizio – Reato a condotta mista – Condotta commissiva e omissiva – Mancata e/o presentazione della domanda di autorizzazione -Effetti – D.P.R. 24 maggio 1988, n. 203 – Fattispecie: CAVE – Coltivazione di cava – Attività di frantumazione degli inerti – Natura permanente del reato – Consumazione e cessazione del reato – Artt. 267, 269, 279, 281 d.lgs. n.152/2006 – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 10/09/2018

* INQUINAMENTO DEL SUOLO – Misure di prevenzione – Artt. 242 e 245, c. 2 d.lgs. n. 152/2006 – Miglioramento delle condizioni ambientali – Onere motivazionale aggravato – Proprietario dell’area contaminata – Adozione delle misure di messa in sicurezza – Obbligo – Esclusione. TAR LOMBARDIA, Brescia – 9 ottobre 2018

* INQUINAMENTO DEL SUOLO – RIFIUTI – Discarica – Onere di mantenimento in sicurezza – Modulabilità in base alla tipologia di rifiuto – Responsabilità della conseguente contaminazione – Ordinanza ex art. 242 d.lgs. n. 152/2006 – Natura riparatoria e ripristinatoria – Corollati – Nesso di causalità – Criterio del più probabile che non – Contaminazioni storiche – Rimedio alla perdurante condizione di contaminazione dei luoghi. CONSIGLIO DI STATO – 8 ottobre 2018

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Espropriazione per pubblico utilità – Determinazione dell’indennità di espropriazione – Procedimento di liquidazione – Fattispecie: Terreno espropriato – Inclusione in fascia di rispetto stradale – Non edificabilità – Fondamento – Limitazione legale della proprietà – Giurisprudenza – Art. 37 del d.P.R. n. 327/2001 – Potere-dovere del giudice – Individuazione del criterio legale applicabile alla procedura ablatoria – DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Piani regolatori delle aree e dei nuclei di sviluppo industriale (P.R. A.S.I.) – Funzione di strutture idonee per le localizzazioni industriali e diritto di proprietà sui suoli interessati. CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.1^ 06/06/2018 (Ud. 23/01/2018), Ordinanza n.14632

RIFIUTI – Combustione di residui vegetali – Reato di smaltimento non autorizzato di rifiuti speciali non pericolosi – Onere della prova della liceità – INCENDI BOSCHIVI – Abbruciamento in periodo vietato – Alto rischio di incendi boschivi – Art. 182, 185, 256 bis d. lgs. n.152/2006 – Giurisprudenza – AGRICOLTURA – Abbruciamento di materiale agricolo forestale naturale – Nuova disciplina – Combustione di residui vegetali – Criteri e limiti – INQUINAMENTO ATMOSFERICO – Getto pericoloso di cose art. 674 c.p. – Presupposti ed accertamento del reato – Convincimento del giudice fondato su qualsiasi mezzo di prova. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 06/07/2018, Sentenza n.30625

* RIFIUTI – Direttore dei lavori di un cantiere – Violazione della normativa sui rifiuti – Corretta gestione dei rifiuti – Responsabilità e limiti – Smaltimento rifiuti in assenza di autorizzazione – Opere di scavo e di interramento di rifiuti speciali non pericolosi – Partecipazione attiva all’attività illecita – Art. 29 D.P.R. n.380/2001 – DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Attività di costruzione e demolizione, terre e rocce, – Differenza con la disciplina in materia edilizia – Committente di lavori edili e appaltante – Gestione dei rifiuti prodotti dalla ditta appaltatrice o subappaltatrice – Art. 256, comma 1, lett. a), d.lgs. 152/2006 – Giurisprudenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Risoluzione del vincolo della continuazione conseguente alla esclusione della punibilità del più grave reato – Criteri di individuazione della pena per i reati satellite – Art. 181, 185 d.lgs. 42/2004. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 01/10/2018

RIFIUTI – Gestione abusiva di rifiuti – Attività in concorso di raccolta e trasporto di rifiuti non occasionale – Partecipazione morale e materiale – Realizzazione di una discarica non autorizzata – Fattispecie: trasporti non occasionali di rifiuti effettuati in concorso – Art. 256 d. lgs. n.152/2006 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Mancata concessione del beneficio della non menzione – Omessa motivazione – Violazione di legge – Certificato del casellario giudiziale – Ricorso in cassazione – Effetti sulla prescrizione “medio tempore” maturata – Giudicato parziale e statuizioni indispensabili per il giudizio su ciascun reato – Accertamento del fatto e qualificazione giuridica – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 06/07/2018, Sentenza n.30627

RIFIUTI – Gestione abusiva di rifiuti – Qualifica soggettiva del soggetto agente – Irrilevanza – Concreta attività posta in essere in assenza dei prescritti titoli abilitativi – Trasporto non autorizzato – Reato istantaneo – Elementi per escludere l’assoluta occasionalità – Attività di gestione di rifiuti non autorizzata – Condotta sanzionata – Assenza del prescritto titolo abilitativo e assoluta occasionalità – Artt. 208, 209, 211, 212, 214, 215, 216 e 256 D.lgs n. n.152/2006 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Riconoscimento delle attenuanti generiche – Presupposti – Assenza di positivi elementi di valutazione – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 05/07/2018, Sentenza n.30180

RIFIUTI – Gestione dei rifiuti e natura di sottoprodotto – Requisiti – Presunzione legale iuris tantum della qualifica di rifiuto – Onere di fornire la prova – Artt. 183, 184-bis, 256 e 259 d.lgs n. n.152/2006 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Ordinanze in materia di sequestro preventivo e probatorio – Ricorso per cassazione – Violazione di legge – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 05/07/2018, Sentenza n.30206

* RIFIUTI – Pastazzo di agrumi e disciplina in materia di rifiuti – Giurisprudenza – Testo Unico ambientale – Art. 6, d.l. n. 172/2008 – Art. 256, c.1°, lett. a), d.lgs. n.152/2006 – Fattispecie: trasporto abusivo di rifiuti non pericolosi (pastazzo di agrumi). CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 29/08/2018

VIA VAS AIA – Valutazione ambientale degli effetti di determinati piani e programmi sull’ambiente – Nozione di “piani e programmi” – Perimetro di consolidamento urbano – DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Possibilità di derogare alle prescrizioni urbanistiche – Modifica dei “piani e programmi – Rinvio pregiudiziale – Direttiva 2001/42/CE. CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 2^, 7 giugno 2018 Sentenza C-160/17

* VIA, VAS E AIA – AIA – Termini di cui agli artt. 29 octies e 29 quater d.lgs. n. 152/2006 – Natura perentoria – Esclusione. TAR MARCHE – 25 settembre 2018

* VIA, VAS E AIA – Valutazione di impatto ambientale – Grandi opere avviate alla daa di entrata in vigore del d.lgs. n. 50/2016 – Richiamo all’art. 182 del d.lgs. n. 163/2006 – Distinte procedure – Infrastrutture e insediamenti produttivi soggetti a VIA statale o regionale – Competenza del CIPE – Ambito di competenza dello Stato o della Regione – Rinvio dinamico agli allegati II e III alla parte seconda del d.lgs. n. 152/2006. TAR BASILICATA – 6 ottobre 2018

Dottrina

NUOVA GOVERNANCE DEI PARCHI NATURALI REGIONALI DEL VENETO. Tra partecipazione dei privati e cura degli interessi pubblici. MATTEO PRESSI

LA VALORIZZAZIONE DI BENI E ATTIVITA’ CULTURALI Integrare cultura, turismo e identità ai tempi delle crisi economiche e delle recenti riforme. GUGLIELMO CEVOLIN 

QuotidianoLegale

Testata giornalistica online: rientra nella nozione di stampa e responsabilità direttore. Fulvio Graziotto

OMESSO VERSAMENTO IVA: Reato e domanda di concordato preventivo. Fulvio Graziotto

VERIFICA TRIBUTARIA: legittima anche presso gli uffici dei verificatori.

DECRETO SICUREZZA: Contenuto e novità.

Dichiarazioni spontanee dell’indagato: utilizzabili anche se rese senza garanzia. Fulvio Graziotto

Newsletter dell’8 ottobre 2018 n.24 – ANNO XVIII n. 24/2018
Giurisprudenza

* ACQUA – INQUINAMENTO IDRICO – Autorizzazione allo scarico – Art. 101, c. 1 d.gs. n. 152/2006 – Idonee prescrizioni per periodi di avviamento, arresto o guasti – Inosservanza – Rigetto dell’autorizzazione. TAR SICILIA, Catania – 5 settembre 2018

* APPALTI – Offerta in perdita – Inattendibilità – Utile pari a zero – Differenza. TAR CALABRIA, Reggio Calabria – 14 agosto 2018

* APPALTI – Difformità dell’offerta tecnica rispetto alla lex specialis – Esclusione dalla gara – Legittimità – Soccorso istruttorio – Non è dovuto. TAR VENETO – 11 settembre 2018

* APPALTI – Indicazione dello sconto massimo possibile praticabile dal procuratore speciale – Violazione del principio di segretezza dell’offerta economica – Inconfigurabilità – Confronto a coppie – Comparazione tra i risultati dei singoli confronti a coppie – Non è contemplata – Regola della proprietà transitiva – Inapplicabilità. TAR FRIULI VENEZIA GIULIA – 14 settembre 2018

* APPALTI – Obblighi di assunzione previsti dalla l. n. 68/1999 – Requisito generale di partecipazione alla procedura – Soccorso istruttorio – Art. 83, c. 9 d.lgs. n. 50/2016. TAR LOMBARDIA, Milano – 7 settembre 2018

* APPALTI – Proposte migliorative – Nozione – Gara da aggiudicarsi con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa – Margine di discrezionalità della stazione appaltante – Valutazione delle offerte – Valutazione dell’incertezza assoluta – Attribuzione dei punteggi – Censure – Sindacato sostitutorio – Inammissibilità. TAR PUGLIA, Lecce – 17 settembre 2018

* APPALTI – Raggruppamenti d’impresa – Art. 83, c. 8 d.lgs. n. 50/2016 – Specificazione nel bando della misura di partecipazione – Dato eventuale – Mancata previsione – Conseguenza – Modifica della percentuale di partecipazione – Ipotesi di modifica soggettiva del concorrente – Inconfigurabilità – Dichiarazione correttiva – Soccorso istruttorio. TAR CAMPANIA, Salerno – 27 settembre 2018

* APPALTI – Categorie scorporabili – Categorie specializzate e superspecializzate – Attestazione SOA – Possibilità di eseguire i lavori senza attestazione al di sotto della soglia di € 150.000 – Disciplina di favore applicabile anche alle categorie specializzate. TAR LOMBARDIA, Brescia – 17 settembre 2018

* APPALTI – Commissione giudicatrice – Art. 77 d.lgs. n. 50/2016 – Scelta dei commissari – Requisito dell’esperienza – Significato – Commissario di gara – Cause ostative alla nomina e di incompatibilità – Interpretazione estensiva o per principi – Preclusione – Concessione di servizi – Criteri di aggiudicazione – Art. 95 d.lgs. n. 50/2016 – Inapplicabilità. TAR BASILICATA – 18 settembre 2018

* APPALTI – Fase esecutiva del rapporto negoziale – Controversie – Giurisdizione – Giudice ordinario. TAR MOLISE – 25 settembre 2018

* APPALTI – Modalità di chiusura dei plichi contemplate dal disciplinare di gara – Inosservanza – Apposizione di timbri e controfirma sul lembo di chiusura invece che della ceralacca – Esclusione – Illegittimità – Principio di tassatività delle cause di esclusione – Art. 83, c. 8 d.lgs. n. 50/2016. TAR CAMPANIA, Napoli – 2 ottobre 2018

* APPALTI – Procedure ristrette – Art. 61 d.lgs. n. 50/2016 – Possibilità per i soli operatori invitati di presentare un’offerta – Art. 48, c. 11 – Facoltà per l’operatore invitato di coinvolgere altre imprese mandanti temporaneamente riunite – R.T.I. – Obbligo di specificare le parti del servizio che saranno eseguite dai singoli operatori – Indicazione descrittiva o quantitativa – Principio di continuità delle operazioni di gara – Derogabilità. TAR UMBRIA – 6 settembre 2018

* APPALTI – PROCESSO AMMINISTRATIVO – Procedura di gara – Contratti destinati ad essere eseguiti all’interno del perimetro territoriale di singole regioni – Competenza territoriale del TAR LAZIO – Difetto. TAR LAZIO, Roma – 12 settembre 2018

* APPALTI – Requisiti di partecipazione – Art. 87 d.lgs. n. 50/2016 – Dimostrazione – Strumenti – Disciplinare di gara – Indicazione della facoltà di provare i requisiti prescritti tramite produzione di certificato rilasciato da organismo stabilito in altro Stato membro – Omissione – Produzione del certificato di organismo non accreditato – Esclusione – Illegittimità. TAR BASILICATA – 22 settembre 2018

* APPALTI – Senato della Repubblica – Tutela giurisdizionale – Cd. Giurisdizione domestica – Inapplicabilità alle controversie in materia di appalti – Principio di rotazione – Corollario – Eccezionalità dell’invito all’affidatario uscente – Conseguenze in tema di motivazione. TAR LAZIO, Roma – 11 settembre 2018

APPALTI – SICUREZZA SUL LAVORO – Appalto di lavori di tipo domestico, quali ristrutturazioni, pitturazione, ecc. – Responsabilità del committente dei lavori – Onere di vigilanza – Dovere di sicurezza gravante sul datore di lavoro – Assenza della redazione di un documento di valutazione dei rischi o della nomina di un responsabile dei lavori – Configurabilità della responsabilità – Valutazione dei rischi e organizzazione delle opere – Committente corresponsabile con l’appaltatore – Giurisprudenza – Art. 26 e 90 d.lgs. 81/2008. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.4^ 24/09/2018, Sentenza n.40922

* BENI CULTURALI E AMBIENTALI – Trasferimento di immobile vincolato – Denuncia – Esercizio del diritto di prelazione da parte delle amministrazioni pubbliche – Termine perentorio di sessanta giorni – Violazione della Soprintendenza del dovere di comunicazione agli enti pubblici territoriali ex art. 62 d.lgs. n. 42/2004 – Effetti. TAR PUGLIA, Lecce – 17 settembre 2018

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Realizzazione di manufatti precari e facilmente amovibili su area vincolata – Intervento eseguito in assenza di titolo abilitativo – DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Nozione di precarietà di un intervento – Nozione di opera precaria – Art. 181, c.1-bis d.lgs. 42\2004 e 30, co.1 e 8 legge 394\1991 – AREE PROTETTE – Parco naturale regionale – Disciplina per le opere precarie – Artt. 44 lett. e). 65, 72, 93, 94 e 95 d.P.R. 380\2001. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 03/09/2018, Sentenza n.39429

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Realizzazione di una pista e parco tematico di motocross con ristorante – Mancanza o illegittimità dell’autorizzazione paesaggistica – VIA VAS AIA – Assenza della valutazione di impatto ambientale – Verifica dell’impatto urbanistico e ambientale dell’intero complesso – Necessità – Piano Territoriale Provinciale (PTP) Art. 181, c.1, d.lgs. n.42/2004 – Esame del giudice penale – Giurisprudenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Ricorso in tema di misure cautelari reali – Sequestro. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 23/08/2018, Sentenza n.38856

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Zone gravate da usi civici e vincolo paesaggistico – Procedura di “quotizzazione” e uso collettivo – Sdemanializzazione del bene – Assegnazione, retrocessione e affrancazione del fondo – Occupazioni sine titulo dei terreni gravati dagli usi civici – CAVE E MINIERE – Cava e attività di coltivazione – Provvedimento di sequestro preventivo – Fattispecie: area interessata ad attività estrattiva autorizza dal Comune ma in assenza della preventiva autorizzazione degli organi preposti alla tutela del vincolo paesaggistico – Artt. 142 e 181 dlgs n.42/2004. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 17/07/2018, Sentenza n.32925

* BOSCHI E MACCHIA MEDITERRANEA – Taglio boschivo in assenza della prescritta autorizzazione – Pena prevista pecuniaria e detentiva – BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Reati di cui agli artt. 142, 146 e 181 d. lgs. 42/2004 – Art. 44, c.1, lett. C), d.P.R. n.380/2001- DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Sentenza di patteggiamento – Applicazione della sola pena pecuniaria – Pena illegale. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 12/09/2018

* CACCIA – Controllo delle specie di fauna selvatica – Ricorso massiccio ai piani di abbattimento, con ruolo marginale per i metodi ecologici – Impostazione contraria suggerita dall’ISPRA – Art. 19 , c. 2 L. n. 157/1992 e 20, c. 1 l.r. Piemonte, n, 5/2018 – Sospensione del programma per il contenimento del cinghiale. TAR PIEMONTE – 4 ottobre 2018

CACCIA – Parere dell’ISPRA sullo schema di calendario venatorio – Atto obbligatorio ma non vincolante – Scelta dell’amministrazione in sostanziale contrasto – Serie ragioni giustificative esposte con congrua e adeguata motivazione – Necessità. TAR SICILIA, Palermo, Sez. 2^ – 19 settembre 2018, ordinanza n. 847

* CAVE E MINIERE – RIFIUTI – Regione Campania – Impianti di trattamento di materiali inerti da demolizione – Localizzazione entro i perimetri di cava – Possibilità – Ratio. TAR CAMPANIA, Salerno – 6 settembre 2018

* DIRITTO DELL’ENERGIA – BENI CULTURALI E AMBIENTALI – Installazione di pannelli fotovoltaici – Diniego di autorizzazione paesaggistica – Puntuali e analitiche ragioni del diniego – Favor legislativo per gli impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile – Salvaguardia indiretta dei valori paesaggistici TAR TOSCANA – 18 settembre 2018

DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Decreto di citazione a giudizio e avviso di conclusione delle indagini preliminari – Inosservanza – Effetti. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 31/08/2018, Sentenza n.39346

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Ampliamento di un balcone – Manutenzione straordinaria – Esclusione – Art. 3, c. 1, lett. b), d.P.R. n. 380/2001. TAR LOMBARDIA, Milano – 6 settembre 2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Art. 5, cc. 9 e ss. d.l. n. 70/2011 – Permesso di costruire in deroga – Presupposti – Esistenza di “aree urbane degradate” – Interesse pubblico alla riqualificazione – Valutazione circa la sussistenza dei presupposti – Consiglio Comunale. TAR PIEMONTE – 18 settembre 2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Lotto edificabile – Nozione – Profilo dominicale – Irrilevanza – Rilascio della concessione edilizia – Concreta delimitazione – Esercizio della pianificazione – Funzione perequativa – Ampio potere discrezionale – Aspettativa qualificata del privato a mantenere la volumetria preesistente – Esclusione – VIA, VAS E AIA – Vas – Procedimento autonomo rispetto alla procedura di pianificazione – Esclusione – Autorità competente – Organo o ufficio interno alla stessa autorità procedente – Legittimità. TAR LOMBARDIA, Milano – 27 settembre 2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Opere abusive – Revoca o la sospensione dell’ordine di demolizione – Sentenza di condanna – Presentazione di istanza di condono o sanatoria successivamente al passaggio in giudicato – Art. 31, c.9, d.P.R. 380/2001 – Giurisprudenza – Reati edilizi – Ordine di demolizione impartito dal giudice – Natura di sanzione amministrativa – Revoca della sentenza di condanna – Verifica della legittimità dell’atto concessorio – Potere-dovere del giudice dell’esecuzione – Requisiti di forma e di sostanza – Manufatto abusivo – Ordine di demolizione indipendente al rapporto col bene – Ragioni di tutela del territorio – Natura di sanzione amministrativa a carattere ripristinatorio – Inapplicabilità della disciplina generale della prescrizione – Giurisprudenza della Corte EDU – BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Giurisprudenza – Zona vincolata di tipologia 1 del d.lgs. 42/2004 – Esclusione della condonabilità dell’opera – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Impugnazioni nel procedimento di esecuzione – Censura manifestamente infondate – Mancato esame da parte del giudice di merito – Annullamento del provvedimento – Esclusione. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 12/09/2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Ordinanza di demolizione – Estraneità all’abuso e avvenuta alienazione dell’immobile prima dell’adozione dell’ordinanza – Illegittima individuazione del destinatario. TAR TOSCANA,18 settembre 2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Reati edilizi – Sospensione del processo con messa alla prova passa – Applicazione e limiti – Art. 168-ter cod. pen. – Ordine di demolizione dell’opera edilizia abusiva – Declaratoria di estinzione del reato per esito positivo della messa alla prova – Applicazione delle sanzioni amministrative accessorie – Art. 168-ter cod. pen. – Artt. 31 e 44 d.P.R. n. 380/2001 – Art. 181, d. lgs. n. 42/2004 – Ordine di demolizione del manufatto abusivo – Natura di sanzione amministrativa – Procedimento di sospensione con messa alla prova – Giurisprudenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – La messa alla prova nei reati edilizi – Eliminazione delle conseguenze dannose o pericolose del reato – Cd. sanatoria di (doppia) conformità – Funzione deflattiva, ripristinatoria e risarcitoria. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 12/09/2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Regione Lazio – Trasformazione di un capannone industriale in magazzino destinato alla vendita all’ingrosso – Categoria omogenea “produttiva” – Scia – Sufficienza. TAR LAZIO, Roma – 11 settembre 2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Annullamento d’ufficio – Art. 21 nonies, c. 1 l. n. 241/1990 – Termine di 18 mesi – Applicabilità alla DIA – Atti adottati anteriormente alla novella ci cui alla l. n. 124/2015 – Decorrenza del termine – Operatività del “termine ragionevole” – Sforamento – Motivazione rafforzata – Contrasto tra planimetrie/grafici e relazioni descrittive di un piano o di un titolo edilizio – Preminenza – Individuazione. TAR CAMPANIA, Napoli – 24 settembre 2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – AREE PROTETTE – Piano di lottizzazione in area SIC – Limiti e divieti introdotti dalle misure di conservazione per la tutela dei siti della Rete natura 2000 – Inosservanza – Illegittimità. TAR ABRUZZO, L’Aquila – 10 settembre 2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Edificazione in zona agricola e sottoposta a vincolo paesaggistico – Oggettiva correlazione tra immobile realizzato e conduzione del fondo – Elementi di conformità ai fini del rilascio della sanatoria – Artt. 15, 31, 34 e 44, lett. b) e c) d.P.R. 380/2001 e 181, comma 1 d.lgs. 42/2004 – Suddivisione dell’attività edificatoria finale nelle singole opere – Regime dei titoli abilitativi edilizi – Opera considerata unitariamente nel suo complesso – Indicazione dei termini di inizio e di ultimazione dei lavori – Inosservanza dei termini – Effetti – Decadenza del permesso di costruire – Opere abusive e sanatoria c.d. condizionata – Condizioni e limiti – Doppia conformità – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Attività vincolata della P.A. e provvedimenti di rilascio illegittimi – Giurisprudenza – Reato urbanistico – Natura di reato permanente – Momento della consumazione e cessazione della permanenza – Fattispecie – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Demolizione delle opere abusive e rimessione in pristino dello stato dei luoghi – Subordine della sospensione condizionale della pena – Funzione direttamente ripristinatoria del bene offeso – Obbligo di specifica motivazione – Esclusione – Motivazione implicita – Natura di provvedimento accessorio alla condanna – Ostinata inottemperanza all’esecuzione dell’ordine di demolizione – Effetti – Revoca della sospensione condizionale della pena. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 31/08/2018, Sentenza n.39339

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Cessione di cubatura – Requisito della contiguità dei fondi – Fattispecie. TAR CAMPANIA, Napoli – 2 ottobre 2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Computo dell’altezza del sottotetto – Elementi strutturali – Elementi architettonici di finitura. TAR CAMPANIA, Napoli – 3 ottobre 2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Disciplina antisismica e singoli interventi – Valutazione di un’opera con riferimento al suo complesso – Artt. 36, 44, 83, 93 e 95 d.P.R. 380\2001 – articolo 181, comma 1-quinquies d.lgs. 42\2004 – Regime dei titoli abilitativi edilizi – Sanatoria degli abusi edilizi – Opere considerate unitariamente nel suo complesso – Sanatoria c.d. parziale – Sanatoria condizionata all’esecuzione di interventi – Sanatoria giurisprudenziale” o “impropria – Sanatoria postuma – Costruzioni in zone sismiche – Giurisprudenza – Opere edilizie soggette alla normativa antisismica – Assenza della prescritta autorizzazione antisismica – Ininfluenza delle disposizioni regionali – Pericolo la pubblica incolumità – Procedimento autonomo – Controllo preventivo della pubblica amministrazione – Natura di reato permanente – Momento della essazione della permanenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Mancata assunzione di prove decisive – Onere della prova della decisività della prova non ammessa – Principio di specificità. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 03/09/2018, Sentenza n.39428

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Dissequestro temporaneo di opere edilizie – Autorizzazione al temporaneo accesso ai luoghi in sequestro – Modalità esecutive del sequestro – Controllo diretto della polizia giudiziaria – Atti impugnabili con la procedura dell’incidente di esecuzione – Fattispecie: sequestro di opere edilizie in assenza dei titoli abilitativi volto ad impedire la prosecuzione dei reati – Artt. 44 lett. e), 64, 71, 93, 94 e 95 d.P.R. 380/2001; 181 d.lgs. 42/2004; 734 cod. pen.; 13 e 30 legge 394/1991 – Giurisprudenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Polizia giudiziaria – Qualificazione come probatorio o preventivo del sequestro – Finalità – Circoscrizione normativa – Riesame avverso il decreto genetico del sequestro – Verifica delle condizioni originarie di applicabilità della stessa misura reale – Art. 321 e 322-bis cod. proc. pen.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 30/08/2018, Sentenza n.39275

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Istanza di repressione degli abusi edilizi formulata dal vicino – Legittimazione differenziata – Silenzio – Azione ex art. 31 C.P.A. TAR CAMPANIA, Salerno – 27 settembre 2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Lottizzazione abusiva e confisca – Restituzione del terreno – Lottizzazione – Beni confiscati – Disposizioni urbanistiche – Tutela delle zone di particolare interesse ambientale – Edificabilità dei suoli – Sanzioni amministrative e penali, recupero e sanatoria delle opere edilizie – Reato di lottizzazione abusiva. CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO, 28/06/2018, Sentenza n.1828/06

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Notai – Trasferimento di beni immobili abusivi e verifica in concreto della gravità dell’irregolarità urbanistica – Notaio abusivismo edilizio e doverosa assunzione di responsabilità – Commercio giuridico degli immobili e nullità urbanistica – Nullità di un contratto di compravendita – Rimessione della questione alle sezioni unite – Art. 46 d.p.r. 380/2001 – Principio generale della nullità (di carattere sostanziale) – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez. 2^ 30/07/2018, Ordinanza n.20061

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Reati edilizi – Effetti del patteggiamento – Art. 444 cod. proc. pen. – Dissequestro e restituzione dei beni in sequestro – Omessa disposizione della demolizione delle opere abusive – Artt. 31, 44, 64. 65 71, 93, 94 e 95 d.P.R. 380/2001 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Opere abusive – Sentenza di condanna e pena concordata dalle parti – Effetti nei reati edilizi – Art. 445 cod. proc. pen.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 21/08/2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Reati edilizi – Varianti in senso proprio e varianti essenziali – Caratteristiche e differenze – Artt. 22, 23 ter, 29, 31, 32, 34, 37 e 44 dpr n. 380/2001 – Giurisprudenza – Cessione di cubatura – Natura negoziale – Asservimento di un terreno – Presupposti e condizioni – Modifica di destinazione d’uso – Configurabilità e consumazione del reato – Nozione di “variante” – Titoli autorizzatori – Incidenza dell’aspetto qualitativo e quantitativo rispetto all’originario progetto – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Circostanze attenuanti generiche – Applicazione e diniego – Obbligo di analitica motivazione – Presupposti e limiti – Art. 133 c.p.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 20/07/2018, Sentenza n.34148

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Reati edilizi in zona sismica – Sequestro delle opere abusive – Potenziali rischi per l’incolumità fisica dei terzi – Fattispecie: Bar, ampliamento l’attività commerciale costruendo in adiacenza un manufatto, in assenza di qualsiasi progettazione e titolo abilitativo – Artt.3, 6, 44, 71, 72 e 95 d.P.R. 380/01. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 10/09/2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Responsabilità dell’esecutore dei lavori edilizi (in concorso con il committente e il direttore dei lavori) – Obbligo di verifica delle prescritte autorizzazioni – Elemento soggettivo del reato – Rilevanza del dolo o della colpa – Art. 44 lett. B) d.P.R. 380/2001 – Giurisprudenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Prescrizione del reato sollevata in cassazione – Data di consumazione antecedente rispetto a quella contestata – Onere della prova – Elementi incontrovertibili non smentiti né smentibili. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 16/07/2018, Sentenza n.32478

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Ristrutturazione e caratteristiche preesistente edificio crollato o demolito – Limiti e vincoli della discrezionalità tecnica – Provvedimenti autorizzativi falsi – Configurabilità del reato di falso ideologico – Art. 3, c.1, lett. d) d.P.R. n.380/2001 – BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Ristrutturazione edilizia – Provvedimenti autorizzativi rilasciati su presupposti urbanistici e paesaggistici falsi – Procedura – Esclusione degli apprezzamenti meramente soggettivi – Criterio oggettivo della preesistente “consistenza” – Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Rilascio di un parere paesaggistico sulla base una relazione tecnica falsa – Mancata attività ricognitiva – Concorso nel reato di falso – Responsabile dell’ufficio tecnico – Sussistenza dei presupposti giuridico¬fattuali – Obblighi di verifica – Falso ideologico nella valutazione tecnica – Pubblico ufficiale libero nella scelta dei criteri di valutazione – Parametri normativamente predeterminati o tecnicamente indiscussi – Configurabilità del reato – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 31/08/2018, Sentenza n.39340

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Strumento urbanistico adottato – Istanza di permesso di costruire presentata anteriormente alla data di adozione dello strumento urbanistico – Applicabilità delle misure di salvaguardia. TAR LOMBARDIA, Brescia – 3 settembre 2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Tutela dell’aspetto architettonico di un fabbricato – Nozioni di aspetto architettonico e di decoro architettonico – Diversità e complementarietà – Qualifiche e limiti alle sopraelevazioni – Distonia con i ritmi architettonici del fabbricato – Fattispecie: Demolizione di una veranda costruita sul terrazzo di copertura – Giurisprudenza – Artt. 1120 e 1127 c.c.. CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.6^ 12/09/2018, Ordinanza n.22156

* FAUNA E FLORA – Animali d’affezione – Guardie particolari giurate – Svolgimento di funzioni di polizia giudiziaria – Art. 6 l. n. 189/2004 – Limiti – Associazioni “riconosciute” – Individuazione – Riconoscimento del M.A.T.T.M. ex art. 13 L. n. 349/1986. TAR PUGLIA, Lecce – 17 settembre 2018

INQUINAMENTO ACUSTICO – Immissione rumorose – Dovere d’impedire gli strepiti degli animali a prescindere dal formale titolo di proprietà – Concorso nel reato ex art. 659 cod. pen. – Disturbo del riposo, occupazioni e della pubblica quiete delle persone – Superamento della soglia della normale tollerabilità – Verifica del fenomeno – Conferma del compendio probatorio – Disturbo di un numero indeterminato di persone – Diffusività del rumore – Necessità. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 24/08/2018, Sentenza n.38901

INQUINAMENTO ACUSTICO – Laboratorio di panificazione – Svolgimento di attività rumorosa – Condotta idonea ad arrecare disturbo ad un numero indeterminato di persone – Mancata redazione della valutazione di impatto acustico (c.d. VIAC) – Natura di reato di pericolo – Art. 659 commi 1 e 2 cod.pen. (capo A), art. 674 cod.pen. (capo B) – Attività o mestieri rumorosi – Ambito di operatività dell’art. 659 cod. pen. – Violazione di disposizioni di legge o prescrizioni dell’autorità – Superamento dei limiti di emissione fissati – Effettiva idoneità delle emissioni sonore ad arrecare pregiudizio ad un numero indeterminato di persone – Accertamento di fatto – Competenza del giudice di merito – INQUINAMENTO ATMOSFERICO – Art. 279 d.lgs n. 152/2005 – Esclusione – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Provvedimenti cautelari reali – Ricorso per cassazione – Presupposti – Art. 325 cod. proc. pen.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 30/08/2018, Sentenza n.39261

* INQUINAMENTO ATMOSFERICO – Attività di lavorazione di materiale lapideo – Immissione di materiali in atmosfera – Assenza di autorizzazione amministrativa – Atteggiamento psicologico dell’agente – Ipotesi di colpa qualificata – Flagranza del reato permanente – Momento della cessazione della permanenza – Art. 279 dlgs n. 152/2006 – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 16/04/2018

* INQUINAMENTO ATMOSFERICO – ACQUA E INQUINAMENTO IDRICO – Autorizzazione Unica Ambientale – Valutazione di ordine urbanistico-edilizio – Art. 269, c. 3 d.lgs. n. 152/2006 – Esame degli interessi coinvolti – Conferenza di servizi. TAR CAMPANIA, Salerno – 6 settembre 2018

INQUINAMENTO ATMOSFERICO – Emissioni in atmosfera – Art. 279 D.lgs n. 152/2006 – Inosservanza delle prescrizioni autorizzatorie e mancata comunicazione preventiva – DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO – Violazione del principio del ne bis in idem ex art. 4, prot. 7, CEDU – Verifiche e criteri alternativi e non cumulativi – Convenzione Europea per i diritti dell’uomo e art. 50 della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea – Carta nel Trattato di Lisbona. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 28/08/2018, Sentenza n.39036

PESCA – Pesce di taglia inferiore a quella consentita – Novellame di sarda (bianchetto) – Detenzione a fini commerciali – Nuova disciplina – Depenalizzazione – Disposizioni che sostituiscono sanzioni penali con sanzioni amministrative – Effetti anche sulla sentenza di patteggiamento – Giurisprudenza – d.lgs. n. 4/2012 – L. n.154/2016. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 28/08/2018, Sentenza n.39055

* PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO – Annullamento in autotutela – Termine di diciotto mesi – Art. 21 nonies l. n. 241/1990 – Applicabilità ai soli provvedimenti successivi all’entrata in vigore della nuova disposizione. TAR LOMBARDIA, Milano – 3 ottobre 2018

* PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO – Diritto di accesso e obblighi di trasparenza amministrativa – Gestori di servizi di telefonia e telecomunicazione – Applicabilità – Art. 23 l. n. 241/1990. TAR CALABRIA, Reggio Calabria – 26 settembre 2018

* PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO – PROCESSO AMMINISTRATIVO – Accesso – Rito accelerato – Richiesta di misure cautelari monocratiche e ante causam – Compatibilità – Accesso generalizzato agli atti amministrativi – Esplicitazione della motivazione – Non è richiesta – Bisogni conoscitivi privati, egoistici o emulativi – Preclusione – Opposizione del controinteressato – Valutazione della P.A – Trattamento dei dati – G.D.P.R. – Nozione di dato personale – Riferimento a persone giuridiche – Esclusione. TAR SICILIA, Palermo – 1 ottobre 2018

* PROCESSO AMMINISTRATIVO – Annullamento giurisdizionale per difetto di motivazione – Effetto conformativo – Integrità dell’ambito discrezionale affidato all’amministrazione – Nuovo esito negativo – Legittimità – BENI CULTURALI E AMBIENTALI – Tutela del paesaggio e dei beni culturali – Amministrazione competente alla gestione dei vincoli – Comparazione e bilanciamento dell’interesse paesaggistico con interessi da altra natura e spettanza – Non è dovuta. TAR VENETO – 7 settembre 2018

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – 231 – APPALTI – RIFIUTI – Reato di truffa aggravata a danno di enti pubblici – Confisca fino a concorrenza dell’illecito profitto – Commisurazione del valore della “utilità conseguita dal danneggiato” – contratto a prestazioni corrispettive – Artt. 1, 5, 6, 7, 19, 24, 24-ter, 25-undecies, 53 d.lgs. 231\2001 in relazione ai reati di cui agli artt. 81 cod. pen. 256, c.1, lett. a) e 260 d.lgs. 152\06, art. 416, c.1 e 2, 452-bis, 640 c.1 e 2 cod. pen. – Fattispecie: operazioni di compostaggio e biostabilizzazione in realtà mai effettuate – Esecuzione del contratto sinallagmatico – Prestazione svolta a vantaggio della controparte – Determinazione dei “costi vivi” sostenuti dall’ente e/o impresa – Poteri del giudice – Profitto assoggettabile a sequestro preventivo finalizzato alla confisca – Determinazione del valore della utilitas conseguita – Ablazione in caso di esecuzione della prestazione parziale o in parte non conforme – Responsabilità da reato degli enti collettivi – Profitto confiscabile – Vantaggio economico diretto e immediato – Nesso causale del reato presupposto – Ambito di un rapporto sinallagmatico – Utilità eventualmente conseguita dal danneggiato – C.d. “reato in contratto” – Reato di truffa o frode nelle pubbliche forniture. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.2^ 28/05/2018, Sentenza n.23896

* PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – APPALTI – Affidamento dell’incarico di responsabile della sicurezza dei dati (GDPR) – Certificazione di Auditor ISO/IEC/27001 – Requisito di ammissione – Illegittimità – Mero titolo curriculare. TAR FRIULI VENEZIA GIULIA – 13 settembre 2018

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO – DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – P.R.G. – Convenzioni di lottizzazione e perfezionamento del procedimento amministrativo – Modi di attuazione della disciplina urbanistica – Potestà pubblicistica del Comune e facoltà di liberarsi dal vincolo contrattuale – Attuazione dei piani regolatori – Lottizzazione di aree fabbricabili – Convenzioni di lottizzazione – Natura – Rapporti tra le reciproche prestazioni – Compensazione – Esclusione – “Datio in solutum” – Configurabilità – Conseguenze – Riferimenti normativi: Cod. Civ. art. 1197, Cod. Civ. art. 1242, Cod. Civ. art. 1443, Legge 17/08/1942 num. 1150 art. 28 COST., Legge 06/08/1967 num. 765, DPR 26/10/1972 num. 633 art. 6 com. 3 – Qualificazione giuridica delle convenzioni di urbanizzazione – Contratti con oggetto pubblico – Negoziazione conclusa in condizioni di disparità – Convenzione urbanistica ed esclusione di parità formale tra i contraenti – Dottrina e giurisprudenza – APPALTI – Obbligazione del committente di pagare il corrispettivo – Appalti di opere pubbliche soltanto all’esito del collaudo dell’opera – Fattispecie: disciplina sull’IVA e limiti alla disciplina sanzionatoria. CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.5^ 22/06/2018, Sentenza n.16533

* RIFIUTI – Gestione dei rifiuti plastici – Spedizione in Cina di container – Qualificazione come sottoprodotto – L’onere della prova incombe sull’interessato – Disciplina eccezionale e derogatoria rispetto a quella ordinaria – Artt. 183, 184, 184bis e 256 d.lgs n.152/2006 – Nozione di rifiuto – Nozione di sottoprodotto. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 03/09/2018

* RIFIUTI – Gestione non autorizzata di rifiuti – Condotta sanzionata – Assenza del prescritto titolo abilitativo – Reato istantaneo – Configurabilità in un unico trasporto abusivo di rifiuti – Presupposti per l’assoluta occasionalità – Art. 256, c.1 e 208, 209, 210, 211, 212, 214, 215, 216 d.lgs. n. 152/06 – Disciplina emergenziale- Art. 6, lett. d) d.l. n.172/2008, conv. l. n.210/2008 – Giurisprudenza – Assoluta occasionalità della condotta – Criteri di individuazione o esclusione – Elementi significativi della natura non occasionale del trasporto. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. FERIALE 02/08/2018

* RIFIUTI – AMIANTO – Curatore fallimentare – Qualifica di “detentore di rifiuti” – Esclusione – Ordinanze sindacali dirette alla tutela dell’ambiente – Individuazione del curatore quale destinatario a titolo di responsabilità di posizione, per effetto del precedente comportamento omissivo o commissivo dell’impresa fallita – Illegittimità – Applicabilità dei medesimi principi con riferimento alla rimozione dell’amianto. TAR SICILIA, Catania – 5 settembre 2018

RIFIUTI – Confisca del mezzo di trasporto di proprietà del terzo estraneo – Uso del mezzo ignoto o non collegabile al reato – Necessità della negligenza – Limiti alla buona fede – Giurisprudenza – Artt. 256 e 259 d. lgs. n.152/2006 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Cosa utilizzata per la consumazione del reato – Revoca del sequestro preventivo – Cessazione delle esigenze cautelari – Sequestro e confisca – Artt. 321 e 323, cod. proc. pen. – Confisca facoltativa in capo ad un soggetto estraneo al reato – Onere della prova – Art. 240 cod. pen.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 23/08/2018, Sentenza n.38851

* RIFIUTI – Consorzio per lo svolgimento delle funzioni di governo di bacino relative al servizio di raccolta die rifiuti urbani – Amministrazioni aderenti – Criterio di riparto dei costi – Criteri di determinazione della tariffa del servizio addebitata all’utenza – Diversità. TAR PIEMONTE – 11 settembre 2018

RIFIUTI – Gestione dei rifiuti – Materiale di risulta da demolizioni – Differenza tra rifiuto e sottoprodotto – Applicazione di un regime giuridico più favorevole – Presupposti di legge – Onere della prova – Artt. 183, 184, 184bis e 256 d.lgs n.152/2006 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Inammissibilità del ricorso per Cassazione – Effetti e preclusioni – Cause di non punibilità – Art. 129 cod. proc. pen. – Fattispecie: prescrizione del reato maturata successivamente alla sentenza impugnata con il ricorso. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.7^ 24/07/2018, Ordinanza n.35042

RIFIUTI – Gestione di rifiuti – Trasporto di ingenti quantità di rifiuti speciali, pericolosi e non – Assenza delle autorizzazioni, iscrizioni, comunicazioni – Registri di carico e scarico, F.I.R. e iscrizione all’Albo nazionale dei gestori – Sequestro preventivo e confisca obbligatoria dei mezzi – Mero possesso della licenza d’ambulante – Esclusione dell’applicabilità della deroga – Artt. 188, 252, 256, 259, 260 e 266 d.lgs n.152/2006 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Pronuncia ai sensi dell’art. 444 cod. proc. pen. – Giurisprudenza – Art. 321 c.p.p. – Cosa sequestrata appartenente a terzo estraneo al reato – Onere della Prova. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 21/08/2018, Sentenza n.38670

RIFIUTI – Molitura delle olive e produzione di sansa – Conferimento all’interno di un invaso artificiale – Smaltimento di rifiuti speciali non pericolosi allo stato liquido – Acque di vegetazione delle olive – Attività di lagunaggio – Caratteristica di sottoprodotto – Esclusione – Artt. 183, 184-bis, 256 c.1, lett. a) e 2 d.lgs. 152/06 – Nozione di rifiuto – Esclusione della valutazione soggettiva sulla natura dei materiali da classificare o meno quali rifiuti – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Difensore non iscritto nell’albo speciale – Effetti – Inammissibilità originaria dell’impugnazione – Art. 613 cod. proc. pen. – Diniego delle attenuanti generiche – Obbligo di motivazione – Elementi considerati prevalente – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 26/09/2018, Sentenza n.41674

RIFIUTI – Obbligo di rimozione dei rifiuti – Responsabilità penale e obbligati in solido – Sussistenza di dolo o colpa – Soggetti destinatari dell’ordinanza sindacale – Annullamento – Artt. 192, 255 e 256 d.lgs. n.152/2006 – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Abbandono dei rifiuti e ripristino dello stato dei luoghi – Procedura amministrativa – Operazioni finalizzate all’adempimento degli obblighi conseguenti alla violazione del divieto – Effetti dell’inutile decorso del termine – Recupero delle somme anticipate – Ordine di bonifica dei terreni contaminati – Reato di mancata ottemperanza all’ordine sindacale – Natura di reato permanente – Artt. 244 e 245 d.lgs. 152/2006. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 03/09/2018, Sentenza n.39430

RIFIUTI – Qualificazione di una sostanza o un oggetto quale rifiuto – Verifica dei dati obiettivi – Condotta del detentore o obblighi – Riutilizzazione economica – Ininfluenza – Sequestro preventivo – Artt. 183 e 256, comma 2 d.lgs.152/2006 – Natura di rifiuto di un determinato materiale – Effetti dell’accordo di cessione a terzi – La riutilizzazione economica non esclude necessariamente la natura di rifiuto – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 13/09/2018, Sentenza n.40687

RIFIUTI – Realizzazione o gestione di discarica abusiva – Caratteristiche – Accumulo dei rifiuti e spazio occupato – Confisca del terreno di proprietà di una società a responsabilità limitata – Qualità di legale rappresentante – Posizione a quella di un terzo estraneo – Esclusione. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 28/08/2018, Sentenza n.39027

* RIFIUTI – Reato di abusiva gestione di rifiuti – Attività di demolizione – Materiale misto di rifiuti non pericolosi – Disciplina sui rifiuti – Esclusione – Presupposti normativi – Sottoprodotto – Deposito temporaneo – Artt. 183, 184, 184bis e 256 d.lgs n.152/2006 – Onere della prova – T.U. Ambientale – Giurisprudenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Inammissibilità del ricorso per Cassazione – Motivi non specifici – Fattispecie: motivi generici ed indeterminati. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.7^ 24/07/2018

VIA VAS AIA – Autorizzazione integrata ambientale (A.I.A.) – Inosservanza delle prescrizioni – Casi di depenalizzazione – RIFIUTI – Reati ambientali – Artt. 29 quattorduocies e 256 d.lgs n.152/2006 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Assunzione di nuove prove – Esercizio positivo del potere da parte del giudice – Effetti – Giurisprudenza – Art. 507 cod. proc. pen.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 16/04/2018, Sentenza n.16673

QuotidianoLegale

Testata giornalistica online: rientra nella nozione di stampa e responsabilità direttore. Fulvio Graziotto

OMESSO VERSAMENTO IVA: Reato e domanda di concordato preventivo. Fulvio Graziotto

VERIFICA TRIBUTARIA: legittima anche presso gli uffici dei verificatori.

DECRETO SICUREZZA: Contenuto e novità.

Dichiarazioni spontanee dell’indagato: utilizzabili anche se rese senza garanzia. Fulvio Graziotto

GRATIS DropBox: Porta sempre con te i documenti, le foto i files e utilizzali ogni volta che ne avrai bisogno sia dal pc sia dal telefono. Registrati gratuitamente!

Dropbox – installa il programma sul desktop dalla News Letter di AmbienteDiritto e riceverai 500 MB di spazio extra.

Diritto certificato AD

Per abbonamenti alla rivista AmbienteDiritto.it: http://www.ambientediritto.it/home/abbonamenti


NEWSLETTER
di AmbienteDiritto.it (Testata Reg. presso il Tribunale di Patti Reg. n. 197 del 19 luglio 2006 – ISSN 1974-9562). Direttore responsabile: Fulvio Conti Guglia. Direzione e redazione: AmbienteDiritto.it, Via Filangeri, 19 – 98078 Tortorici ME – Tel +39 0941421391 – Fax +39 1782724258 – Gsm +39 3383702058 – info@ambientediritto.it – Le novita’ sono consultabili su Internet all’indirizzo: http://www.AmbienteDiritto.it

Pubblicita’ su questa news letter o sul sito AmbienteDiritto.it:marketing@ambientediritto.it


Se non vuoi piu’ ricevere questa newsletter, this link

Per aggiornare i tuoi dati e per cancellare la tua iscrizione visita this link

Inoltra il messaggio a un amico this link


Reg. 2016/679/UE (GDPR)

Si ricorda che, ai sensi del nuovo Regolamento UE 2016/679 in materia di protezione dei dati personali (GDPR), si possono, autonomamente, modificare le proprie preferenze sulla iscrizione o cancellazione in qualsiasi momento, semplicemente cliccando sugli appositi link presenti nella newsletter a piè pagina o dall’indirizzo Web da cui è stata effettuata l’iscrizione. Oppure, inviando una mail a: info (at) ambientediritto .it