Legge delega, questione di fiducia e l’equilibrio dei poteri nel nostro sistema costituzionale
  • CONSIGLIO DEI MINISTRI: Ponte sullo stretto di Messina, zone colpite dal sisma e impugnazione di leggi dinanzi alla Corte Costituzionale.
  • Capotosti, Presidente emerito della Corte Costituzionale: “riordino Province non convince”
  • " /> Legge delega, questione di fiducia e l’equilibrio dei poteri nel nostro sistema costituzionale
  • CONSIGLIO DEI MINISTRI: Ponte sullo stretto di Messina, zone colpite dal sisma e impugnazione di leggi dinanzi alla Corte Costituzionale.
  • Capotosti, Presidente emerito della Corte Costituzionale: “riordino Province non convince”
  • "/>
    You Are Here: Home » Dottrina » Diritto Costituzionale » Corte Costituzionale: “È la garanzia dei diritti incomprimibili ad incidere sul bilancio, e non l’equilibrio di questo a condizionarne la doverosa erogazione”

    Corte Costituzionale: “È la garanzia dei diritti incomprimibili ad incidere sul bilancio, e non l’equilibrio di questo a condizionarne la doverosa erogazione”

    di Carlo Rapicavoli –

    La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 275/2016, afferma un principio fondamentale:

    È la garanzia dei diritti incomprimibili ad incidere sul bilancio, e non l’equilibrio di questo a condizionarne la doverosa erogazione”.

    Nella materia finanziaria – sottolinea la Corte – non esiste «un limite assoluto alla cognizione del giudice di costituzionalità delle leggi». Al contrario, ritenere che il sindacato sulla materia sia riconosciuto in Costituzione «non può avere altro significato che affermare che esso rientra nella tavola complessiva dei valori costituzionali», cosicché «non si può ipotizzare che la legge di approvazione del bilancio o qualsiasi altra legge incidente sulla stessa costituiscano una zona franca sfuggente a qualsiasi sindacato del giudice di costituzionalità, dal momento che non vi può essere alcun valore costituzionale la cui attuazione possa essere ritenuta esente dalla inviolabile garanzia rappresentata dal giudizio di legittimità costituzionale».

    Con la sentenza in questione, la Corte ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 6, comma 2-bis, della legge della Regione Abruzzo 15 dicembre 1978, n. 78 (Interventi per l’attuazione del diritto allo studio), aggiunto dall’art. 88, comma 4, della legge della Regione Abruzzo 26 aprile 2004, n. 15, recante «Disposizioni finanziarie per la redazione del bilancio annuale 2004 e pluriennale 2004-2006 della Regione Abruzzo (Legge finanziaria regionale 2004)», nella parte in cui non ha assicurato l’integrale copertura finanziaria del servizio di assistenza scolastica dei disabili sensoriali erogato dalle Province.

    Info sul autore

    Direttore Generale e Coordinatore dell'Area Gestione del Territorio della Provincia di Treviso - Avvocato e giornalista

    Articoli Scritti : 115

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1