Rivista Giuridica on line – ISSN 1974-9562

Newsletter  aprile 2019 n.7 – ANNO XIX n.7/2019

Seguici su:        

Giurisprudenza
AMBIENTE IN GENERE – Illeciti amministrativi e penali in materia ambientale – Art. 318-septies – Oblazione extraprocessuale – Previsione di una somma più elevata rispetto all’oblazione prevista per le contravvenzioni in materia di sicurezza sul lavoro – Questione di legittimità costituzionale – Infondatezza. CORTE COSTITUZIONALE – 9 aprile 2019, n. 76

* APPALTI – Criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa – Separazione tra la fase di valutazione dell’offerta tecnica e quella dell’offerta economica – Principio di segretezza – Mero rischio di pregiudizio – Bene giuridico protetto. TAR CAMPANIA, Salerno – 8 aprile 2019

* APPALTI – Giudizio di anomalia – Rispetto del principio del contraddittorio – Plurime richieste di chiarimenti – Corollari del principio di effettività del contraddittorio. TAR CAMPANIA, Salerno – 8 aprile 2019

APPALTI – Illecito professionale di cui all’art. 80, c. 5, lett. c) d.lgs. n. 50/2016 – Principi di tipicità e tassatività della causa ostativa- Inadempimenti e condotte negligenti poste in essere nell’esecuzione del contratto – Irrilevanza dei fatti occorsi nella prodromica procedura di affidamento – Distinzione tra requisiti soggettivi di prequalificazione e criteri di valutazione dell’offerta – Divieto di commistione – Potenziale idoneità dei requisiti soggettivi a riverberarsi sull’efficienza della prestazione – Iscrizione camerale – Requisito di idoneità professionale – Art. 83, c. 1, lett. a) e 3 d.lgs. n. 50/2016 – Congruenza contenutistica tra  le risultanze descrittive del certificato camerale e l’oggetto del contratto d’appalto –  Criterio di rispondenza alla finalità di verifica della richiesta idoneità professionale – Raggruppamento temporaneo di imprese verticale – Art. 48, c. 2 d.lgs. n. 50/2016 – Preventiva individuazione delle prestazioni principali e secondarie – Necessità. TAR LIGURIA – 28 marzo 2019

* BENI CULTURALI E AMBIENTALI – APPALTI – Art. 5 d.m. 154/2017 – requisiti di qualificazione per lavori su beni tutelati ai sensi del d.lgs. n. 42/2004 – Disposizioni formali destinate a soccombere a fronte di quelle previste dal bando di gara – Inconfigurabilità – Necessaria ostensione dell’abilità maturata – Certificazione camerale. TAR LIGURIA – 2 aprile 2019

DIRITTO DELL’ENERGIA – Cd. Deposito fiscale – Nozione – Art. 1, c. 2, lett. e) d.lgs. n. 504/1995 – Distinzione tra stabilimenti di produzione, depositi fiscali soprasoglia e depositi fiscali sottosoglia – Ricorrenza dei requisiti alternativi di cui all’art. 23, c. 4 d.lgs. n. 504/1995 – Estensione strumentale dell’attività esercitata dal deposito principale. TAR LIGURIA – 1 aprile 2019

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Reati edilizi – Desistenza dalla prosecuzione dell’intervento edilizio abusivo – Presupposti – Definitività e dimostrabilità – Onere della prova – Artt. 25, 44, D.P.R. n. 380/2001 – Reato urbanistico – Natura di reato permanente – Consumazione inizio e termine – Ultimazione dell’opera, requisiti e valutate nel loro complesso – Immobile abusivo – Prova della concreta ed effettiva funzionalità – Datazione dell’intervento edilizio abusivo – Riferimento all’attivazione delle utenze – Esclusione – Dimostrazione della definitiva cessazione dei lavori – Necessità – Responsabilità per abuso edilizio del proprietario (o comproprietario) dell’area non formalmente committente – Onere della prova – Principio del “cui prodest” – Giurisprudenza – Rapporto di coniugio e compartecipazione di un coniuge nel reato edilizio – Elementi indizianti e prova – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Limiti al riconoscimento delle circostanze attenuanti generiche – Dosimetria della pena – Gravità del fatto – Corretto esercizio del potere discrezionale di determinazione della pena e dei criteri di valutazione – Artt. 62-bis e 133 cod. pen..  CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 28/03/2019, Sentenza n.13607

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO – Permesso di costruire convenzionato – Emanazione – Concorso di molteplici organi comunali – Annullamento s’ufficio da parte del solo dirigente del settore territorio e ambiente – Illegittimità – Principio del contrarius actus. TAR CAMPANIA, Salerno – 5 aprile 2019

 

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Convenzione urbanistica – Previsione della realizzazione di un edificio scolastico – Modifica della destinazione da scuola primaria a scuola secondaria – Irrilevanza ai fini dell’attuazione della convenzione – Valutazioni discrezionali del Comune sull’interesse pubblico – Convenzione urbanistica – Scelte discrezionali del Comune – Aggravamento degli obblighi assunti contrattualmente – Necessità di salvaguardare l’equilibrio economico originario – Rimodulazione per equivalente delle obbligazioni. TAR LOMBARDIA, Brescia, Sez. 1^ – 8 aprile 2019, n. 320

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Violazione dell’obbligo formale di trasmissione della dichiarazione di fine lavori – Decadenza del titolo edilizio – Inconfigurabilità – Ragioni. TAR LOMBARDIA, Brescia, Sez. 1^ – 1 aprile 2019, n. 296

PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO – Istanza di accesso – Differenza tra richieste esplorative e richieste generiche o ad ampio spettro – Ammissibilità delle richieste generiche – Fondamento.TAR LOMBARDIA, Brescia – 12 aprile 2019

RIFIUTI – Assenza di contaminazione del sito, come definita dall’art. 240 e ss. del T.U.A. – Abbandono di rifiuti – Inapplicabilità delle procedure di cui agli artt. 242 e ss. TUA – Esclusione della possibilità di applicazione della normativa sulla bonifica dei siti contaminati all’abbandono di rifiuti – Art. 239, c. 2 d.lgs. n. 152/2006 – Terre e rocce da scavo – Qualificazione come sottoprodotti anziché come rifiuti – Presupposti – Art. 183, c. 1, lett. qq) d.lgs. n. 152/2006. TAR LOMBARDIA, Brescia – 8 aprile 2019

VIA, VAS E AIA – RIFIUTI – Modifica delle prescrizioni tecniche racchiuse nell’AIA – Presenza di situazioni ambientali valutate come particolarmente critiche – Introduzione d’ufficio di questioni problematiche, anche in corso di procedimento – Artt. 8, c. 3 l.r. Lombardia n. 24/2006 e 208, c. 12, d.lgs. n. 152/2006 – Limiti al rilascio di sostanze perlfuoroalchiliche dai rifiuti – Disciplina – Principio di precauzione – Tutela anticipata – ACQUA E INQUINAMENTO IDRICO – PFAS – Procedura per l’autorizzazione di attività di trattamento di rifiuti speciali – Valori di concentrazione per le acque destinate al consumo umano, per le acque superficiali e per le acque sotterranee. TAR LOMBARDIA, Brescia, Sez. 1^ – 26 marzo 2019, n. 278

Dottrina
INDEROGABILITÀ DA PARTE DELLE REGIONI DELLA LEGISLAZIONE STATALE IN MATERIA DI PROTEZIONE DELLA FAUNA SELVATICA. Nota a Corte Cost. n. 217/2018. MATTEO PRESSI
Riviste Ipsoa

Urbanistica e appalti

6/2018

Legittimazione all’impugnazione della lex specialis

Risarcimento del danno e interdittive antimafia

La confisca urbanistica dinnanzi alla CEDU

Il Foro Italiano
Anno CXLIII – n. 12 – dicembre 2018Si segnalano all’attenzione dei lettori:
Cons. Stato. ad. plen., ord. 30 agosto 2018, n. 12 in tema di contributo di costruzione

Cons. Stato. sez. IV, 23 maggio 2018, n. 3075: termine per impugnare e piena conoscenza dell’atto

QuotidianoLegale

URBANISTICA: Rapporto di coniugio e compartecipazione di un coniuge nel reato edilizio.

Impianti di telefonia mobile: Criteri localizzativi.

APPALTI: Coordinamento delle procedure di aggiudicazione.

Illeciti amministrativi e penali in materia ambientale.

Greta Thunberg Diritto Emergenze Ambientali (part.2°)

Newsletter del 9 aprile 2019 n.6 – ANNO XIX n. 6/2019
Giurisprudenza

ACQUA – INQUINAMENTO IDRICO – Fertirrigazione su terreni in condizioni non idonei all’utilizzo agronomico – Violazione delle prescrizioni – Mancata tenuta dei registri di fertirrigazione – AGRICOLTURA E ZOOTECNIA – Utilizzazione degli effluenti derivanti dall’attività di allevamento – Art. 137 c.14 d.lgs n. 152/2006 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Principio di correlazione tra accusa e sentenza – Fatto contestato mutato nei suoi elementi essenziali – Verifica del giudice – Garanzia dei diritti di difesa – Nozione di “fatto” – Effetti dell’inammissibilità del ricorso per cassazione e art. 129 c.p.p. – Giurisprudenza – Cause di non punibilità a norma – Prescrizione del reato – Rilievi e preclusioni. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 20/03/2019, Sentenza n.12264

AMBIENTE IN GENERE – LEGITTIMAZIONE AD AGIRE – Provvedimento di approvazione di progetti di opere ed impianti potenzialmente impattanti sul territorio – Dimostrazione puntule della concreta dannosità – Non è richiesta – Ragioni.CONSIGLIO DI STATO – 2 aprile 2019

APPALTI – Coordinamento delle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di lavori, di forniture e di servizi -Interpretazione dell’art. 45, par. 2, 1°, lett. b) Direttiva 2004/18/CE – Situazione personale del candidato o dell’offerente – Possibilità per gli Stati membri di escludere la partecipazione all’appalto pubblico di ogni operatore a carico del quale è in corso un procedimento di concordato preventivo – Normativa nazionale che prevede l’esclusione dei soggetti nei confronti dei quali è “in corso” un procedimento per la dichiarazione di concordato preventivo, salvo nel caso in cui il piano di concordato preveda la prosecuzione dell’attività – Operatore che ha presentato un ricorso di concordato preventivo, riservandosi di presentare un piano che prevede la prosecuzione dell’attività – Rinvio pregiudiziale. CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 10^, 28/03/2019 Sentenza C-101/18

* APPALTI – Art. 80, c. 4 d.lgs. n. 50/2016 – Violazioni gravi e definitivamente accertate rispetto agli obblighi di pagamento di imposte, tasse o contributi previdenziali – Nozione di “gravi violazioni” e di “violazioni definitivamente accertate” – Elisione degli effetti interdittivi nel caso di pagamento o impegno vincolante prima della scadenza del termine per la presentazione della domanda – Revoca del credito di imposta – Esclusione dalla procedura di gara – Illegittimità – Non autosufficienza dell’avviso di accertamento – Mancanza del requisito della certezza e definitività del credito.CONSIGLIO DI STATO – 2 aprile 2019

APPALTI – Art. 86 d.lgs. n. 50/2016 – Presentazione di idonee referenze bancarie – Temperamenti – Principio della massima partecipazione alle gare d’appalto – Valutazione delle offerte e attribuzione dei punteggi – Ampia discrezionalità tecnica riconosciuta alla commissione giudicatrice – Censure – Dimostrazione della palese inattendibilità e dell’evidente insostenibilità del giudizio tecnico.TAR PUGLIA, Lecce – 4 aprile 2019

* APPALTI – Avvalimento  – Nozione di “esperienze professionali pertinenti” di cui all’art. 89, c. 1 d.lgs. n. 50/2016 – Crietri relativi alle indicazioni dei titoli di studio e professionali o delle esperienze professionali pertinenti – Esecuzione diretta dei lavori o servizi.CONSIGLIO DI STATO – 3 aprile 2019

* APPALTI – Errore materiale dell’offerta – Nozione – Stazione appaltante – Ricerca dell’effettiva volontà del concorrente – Riconoscibilità dell’errore – Requisiti di ammissione alla procedura – Stazione appaltante – Qualificazione espressa dell’elemento dell’offerta come requisito di ammissione – Principio di tassatività.TAR VENETO – 29 marzo 2019

APPALTI – Penali superiori all’1% del valore lordo di appalto – Linee Guida ANAC pubblicate nella G.U.  n. 2/2017 – Natura di prassi dettata da un’autorità amministrativa – Sanzione espulsiva – Illegittimità  – Principio del clare loqui (sentenza C.G.U.E. 2 giugno 2016, causa C-27/15).TAR PUGLIA, Lecce – 28 marzo 2019

APPALTI – Rinegoziazione dei prezzi ai sensi dell’art. 9 ter del d.l. n. 78/2015 – Controversie – Giurisdizione del giudice ordinario.CONSIGLIO DI STATO, Sez. 3^ – 25 marzo 2019, n. 1937

* AREE PROTETTE – Valutazione di incidenza – Parere dell’Ente Parco – Natura – Art. 5, c. 7 DPR n. 357/1997 – Mancata acquisizione – Vizio del procedimento – Fattispecie – Fase istruttoria – Attività di tipo ricognitivo e conoscitivo – Valutazione dell’interesse del privato alla luce di tutti gli interessi legislativamente coinvolti – Art. 17, c. 2, l. n. 241/1990.TAR SARDEGNA – 27 marzo 2019

* BENI CULTURALI E AMBIENTALI – Ritrovamento fortuito di reperti archeologici – Premio di ritrovamento – Rispetto delle condizioni di cui all’art. 90 d.lgs. n. 42/2004 – Segnalazione formale della scoperta effettuata da un dipendente della Soprintendenza – Diritto dello scopritore al premio – Sussistenza.TAR PUGLIA, Lecce – 4 aprile 2019

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Rilascio dell’autorizzazione paesaggistica in sanatoria – Casi di speciale protezione e iter – Legge sul condono edilizio – Inapplicabilità – Art. 146, d.lgs n. 42/2004 – D.P.R. n. 380/2001 – DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Legge sul condono edilizio e sanatoria su beni paesaggistici – Procedimento per il rilascio del provvedimento in sanatoria – Soprintendenza e spatium deliberandi – Decorso del termine – Silenzio-rifiuto impugnabile in sede di giustizia amministrativa – Differente contesto dei beni che vengono in rilievo – Iter procedimentale più gravoso –  Art. 10-bis L. 7 agosto 1990, n. 241.CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 12/03/2019, Sentenza n.10799

DIRITTO DELL’ENERGIA – Art. 42 d.lgs. n. 28/2011 – Ammssione alle tariffe incentivanti – Atti prodromici di competenza di altre amministrazioni – Controllo operato dal GSE – Natura meramente formale – Verifica della legittimità – Esclusione – Controlli sulla PAS e verifica della compatibilità del progetto con gli strumenti urbanistici – Competenza dell’amministrazione comunale – PAS – Realizzazione di un impianto di potenza inferiore a quella iscritta e ammessa al Registro – Possibilità.CONSIGLIO DI STATO, Sez. 4^ – 29 marzo 2019, n. 2085

DIRITTO DELL’ENERGIA – Disciplina “spalmaincentivi” – Art- 26, cc. 2 e 3 d.l. n. 91/2014 – Ritardo significativo o riduzione degli incentivi già concessi per legge – Principi di affidamento, certezza del diritto, leale collaborazione ed effetto utile – Questione pregiudiziale – Remissione alla CGUE.TAR LAZIO, Roma, Sez. 3^ ter – 27 marzo 2019, ordinanza n. 4054

* DIRITTO DELL’ENERGIA – Installazione di pannelli solari con serbatoio esterno – L.r. Umbria n. 1/2004, come modificata dalla l.r. n. 8/2011 – Attività edilizia libera – Differenza rispetto agli impianti solari termici senza serbatoio di accumulo esterno di cui all’art. 7bis, c. 1 l.r. Umbria n. 1/2004.CONSIGLIO DI STATO – 3 aprile 2019

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Reati edilizi – Intervento effettuato su una costruzione realizzata abusivamente da precedente proprietario – Ripetizione delle caratteristiche di illegittimità dall’opera principale – Nuovo reato edilizio – Configurabilità. Art. 44, 83, 95 d.P.R. 380/2001 – Reato urbanistico – Costruzione abusiva – Natura di reato permanente – Consumazione e cessazione della permanenza – Giurisprudenza.  CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 22/03/2019, Sentenza n.

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Contributo per oneri di urbanizzazione e costo di costruzione – Concessione in variante – Computo.TAR MOLISE – 14 marzo 2019

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Domanda di proroga dell’efficacia del permesso di costruire – Silenzio assenso – Inconfigurabilità – Art. 15, cc. 2 e 4 d.P.R. n. 380/2001 – Ragioni che consentono la proroga – Interpretazione restrittiva.TAR BASILICATA – 30 marzo 2019

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Lotto urbanisticamente unitario oggetto di uno o più interventi edilizi – Volumetria residua – Decurtamento di quella in precedenza realizzata – Successivi frazionamenti catastali – Irrilevanza – Edificio preesistente realizzato in epoca anteriore all’adozione del primo PRG di un Comune – Asservimento cd. pertinenziale – Limiti di volumetria imposti dalla normativa urbanistica – Vincolo ope legis – Vincolo di asservimento di fonte negoziale. CONSIGLIO DI STATO – 3 aprile 2019

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Piano di lottizzazione – Natura – Discrezionalità del potere comunale di pianificazione – Artt. 6 e 11 l. n. 241/1990 – Amministrazione – Obbligo di indicare eventuali modifiche prima di negare l’approvazione.TAR MOLISE – 5 aprile 2019

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Repressione degli abusi edilizi – Pluralità di disposizioni incriminatrici – Autonome fattispecie di illecito  – Descrizione degli abusi insufficiente a qualificare l’illecito contestato – Riespansione dell’obbligo di motivazione.TAR PUGLIA, Lecce – 28 marzo 2019

DIRITTO VENATORIO – Caccia e tabellazione delle aree protette – Mancanza di tabellazione o sua inadeguatezza – Consapevolezza del divieto – Reato di esercizio illecito della caccia – Configurabilità – Onere della prova – Legge n. 157/1992. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 13/03/2019, Sentenza n.10926

FAUNA E FLORA – Tutela, benessere e salute degli animali – Competenza comunale – L. n. 281/1991 – Accordo Stato, Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano, Province, Comuni e Comunità montane del 24 gennaio 2013 – Ordinanza a tutela del benessere psico-fisico di un cane – Competenza del dirigente.TAR UMBRIA – 3 aprile 2019

INQUINAMENTO ATMOSFERICO – AUA – Modifiche che possano produrre effetti sull’ambiente – Obbligo di comunicazione – D.P.R. n. 59/2013 – Valutazione della rilevanza rimessa al soggetto istante – Inconfigurabilità – Ragioni – Autorizzazione alle emissioni in atmosfera – Art. 278 d.lgs. n. 152/2006 – Prescrizioni contenute nell’autorizzazione – Distinzione tra AIA e AUA, ai fini dell’applicabilità della norma – Esclusione – Fattispecie.TAR PUGLIA, Lecce – 2 aprile 2019

* INQUINAMENTO DEL SUOLO – Siti di interesse nazionale – Competenza ministeriale ex art. 252 d.lgs. n. 152/2006 –  Misure di prevenzione e messa in sicurezza d’emergenza – Competenza della Provincia – Inquinamento risalente a data anteriore all’entrata in vigore del d.lgs. n. 22/1997 – Condotta omissiva rispetto al sopravvenuto obbligo di bonifica – Ordine amministrativo di ripristino – Superamento dei limiti di accettabilità o delle concentrazioni soglia – Carattere illecito e permanente – Posizione del proprietario dell’immobile abusivo e  del proprietario del sito inquinato – Comparazione – Art. 22 d.lgs. n. 22/1997 e art. 244 d.lgs. n. 152/2006 – Continuità normativa – Applicabilità dell’art. 244 agli inquinamenti prodotti prima dell’entrata in vigore del d.lgs. n. 22/97 – Presupposto dell’esistenza alla data di entrata in vigore del decreto Ronchi – Adozione dell’ordinanza ex art. 244 d.lgs. n. 152/2006 – Nesso di causalità – Canone civilistico del più probabile che non – Presunzioni semplici ex art- 2727 c.c. – Giurisprudenza europea – Riorganizzazioni societarie infragruppo – Responsabilità ambientale – Applicabilità della concezione sostanzialistica di impresa fatta propria  dalla giurisprudenza comunitaria in tema di concorrenza – Proprietario del sito – Obbligo di facere con riferimento all’adozione delle misure di prevenzione di cui all’art. 242 d.lgs. n. 152/2006. TAR ABRUZZO, Pescara – 20 marzo 2019

INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO – Stazioni radio base – Limiti di distanze dalle strade – Inapplicabilità – Opere assimilate alle infrastrutture di urbanizzazione primaria.TAR BASILICATA – 27 marzo 2019

* RIFIUTI –  Fresato d’asfalto – Attività di scarifica del manto stradale – Sottoprodotto – Casi di esclusione ed eccezioni – Mancanza del processo lavorativo funzionale alla sua produzione – Necessità di lavorazione con altri componenti vergini – Esclusione – Codice CER – Trattamento come sottoprodotto – Inserimento nel ciclo produttivo e utilizzazione senza alcun trattamento nell’impianto – Assenza di operazioni di stoccaggio a tempo indefinito – Inclusione – Artt. 184 bis, 256 d.lgs n.152/2006 – INQUINAMENTO ATMOSFERICO – Emissioni in aria prodotte dall’attività di manutenzione autostradale – Stabilimento realizzato in difetto di autorizzazione – Natura di reato permanente di pericolo – Sottrazione delle attività al controllo preventivo degli organi di vigilanza – ASSOCIAZIONI E COMITATI – Associazioni ambientaliste e comitati per la tutela della salute e dell’ambiente – LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE – Costituzioni parti civili  “iure proprio” nel processo per reati ambientali – Perseguimento delle finalità statutarie DANNO AMBIENTALE – Risarcimento del danno – Fattispecie. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 14/03/2019, Sentenza n.

RIFIUTI – Deposito e smaltimento illecito di rifiuti su beni demaniali (aree di golena dei fiumi) – DIRITTO DEMANIALE – Sequestro penale di un’area golenale – Richiesta di dissequestro – Diritto alla restituzione – Esclusione – Assenza di un titolo legittimante – Buona fede e possesso ventennale – Ininfluenza – Reato di occupazione abusiva – Art. 256 d.lgs. n.152/2006. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 12/03/2019, Sentenza n.10804

RIFIUTI – APPALTI – Contratto di appalto per il servizio di gestione dei rifiuti urbani – Applicazione delle penalità previste per il mancato raggiungimento degli obiettivi prefissati per la raccolta differenziata – Impugnazione – Giurisdizione del giudice ordinario.TAR PUGLIA, Lecce – 5 aprile 2019

QuotidianoLegale

Greta Thunberg Diritto Emergenze Ambientali (part.1°)

Reati contro la pubblica amministrazione. Ordine di carcerazione per l’espiazione della pena della reclusione.

TUTELA DEI CONSUMATORI: Clausole abusive nei contratti stipulati con i consumatori. Fulvio Graziotto

Abbandono dei rifiuti sulle strade, obblighi di manutenzione, pulizia e controllo.

Per abbonamenti alla rivista AmbienteDiritto.it: http://www.ambientediritto.it/home/abbonamenti


NEWSLETTER
di AmbienteDiritto.it (Testata Reg. presso il Tribunale di Patti Reg. n. 197 del 19 luglio 2006 – ISSN 1974-9562). Direttore responsabile: Fulvio Conti Guglia. Direzione e redazione: AmbienteDiritto.it, Via Filangeri, 19 – 98078 Tortorici ME – Tel +39 0941421391 – Fax +39 1782724258 – Gsm +39 3383702058 – info@ambientediritto.it – Le novita’ sono consultabili su Internet all’indirizzo: http://www.AmbienteDiritto.it

Pubblicita’ su questa news letter o sul sito AmbienteDiritto.it:marketing@ambientediritto.it


Se non vuoi piu’ ricevere questa newsletter, this link

Per aggiornare i tuoi dati e per cancellare la tua iscrizione visita this link

Inoltra il messaggio a un amico this link


Reg. 2016/679/UE (GDPR)

Si ricorda che, ai sensi del nuovo Regolamento UE 2016/679 in materia di protezione dei dati personali (GDPR), si possono, autonomamente, modificare le proprie preferenze sulla iscrizione o cancellazione in qualsiasi momento, semplicemente cliccando sugli appositi link presenti nella newsletter a piè pagina o dall’indirizzo Web da cui è stata effettuata l’iscrizione. Oppure, inviando una mail a: info (at) ambientediritto .it