AmbienteDiritto.it

Rivista Giuridica on line – ISSN 1974-9562

Newsletter dell’8 ottobre 2018 n.24 – ANNO XVIII n. 24/2018

Giurisprudenza

* ACQUA – INQUINAMENTO IDRICO – Autorizzazione allo scarico – Art. 101, c. 1 d.gs. n. 152/2006 – Idonee prescrizioni per periodi di avviamento, arresto o guasti – Inosservanza – Rigetto dell’autorizzazione. TAR SICILIA, Catania – 5 settembre 2018

* APPALTI – Offerta in perdita – Inattendibilità – Utile pari a zero – Differenza. TAR CALABRIA, Reggio Calabria – 14 agosto 2018

* APPALTI – Difformità dell’offerta tecnica rispetto alla lex specialis – Esclusione dalla gara – Legittimità – Soccorso istruttorio – Non è dovuto. TAR VENETO – 11 settembre 2018

* APPALTI – Indicazione dello sconto massimo possibile praticabile dal procuratore speciale – Violazione del principio di segretezza dell’offerta economica – Inconfigurabilità – Confronto a coppie – Comparazione tra i risultati dei singoli confronti a coppie – Non è contemplata – Regola della proprietà transitiva – Inapplicabilità. TAR FRIULI VENEZIA GIULIA – 14 settembre 2018

* APPALTI – Obblighi di assunzione previsti dalla l. n. 68/1999 – Requisito generale di partecipazione alla procedura – Soccorso istruttorio – Art. 83, c. 9 d.lgs. n. 50/2016. TAR LOMBARDIA, Milano – 7 settembre 2018

* APPALTI – Proposte migliorative – Nozione – Gara da aggiudicarsi con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa – Margine di discrezionalità della stazione appaltante – Valutazione delle offerte – Valutazione dell’incertezza assoluta – Attribuzione dei punteggi – Censure – Sindacato sostitutorio – Inammissibilità. TAR PUGLIA, Lecce – 17 settembre 2018

* APPALTI – Raggruppamenti d’impresa – Art. 83, c. 8 d.lgs. n. 50/2016 – Specificazione nel bando della misura di partecipazione – Dato eventuale – Mancata previsione – Conseguenza – Modifica della percentuale di partecipazione – Ipotesi di modifica soggettiva del concorrente – Inconfigurabilità – Dichiarazione correttiva – Soccorso istruttorio. TAR CAMPANIA, Salerno – 27 settembre 2018

* APPALTI – Categorie scorporabili – Categorie specializzate e superspecializzate – Attestazione SOA – Possibilità di eseguire i lavori senza attestazione al di sotto della soglia di € 150.000 – Disciplina di favore applicabile anche alle categorie specializzate. TAR LOMBARDIA, Brescia – 17 settembre 2018

* APPALTI – Commissione giudicatrice – Art. 77 d.lgs. n. 50/2016 – Scelta dei commissari – Requisito dell’esperienza – Significato – Commissario di gara – Cause ostative alla nomina e di incompatibilità – Interpretazione estensiva o per principi – Preclusione – Concessione di servizi – Criteri di aggiudicazione – Art. 95 d.lgs. n. 50/2016 – Inapplicabilità. TAR BASILICATA – 18 settembre 2018

* APPALTI – Fase esecutiva del rapporto negoziale – Controversie – Giurisdizione – Giudice ordinario. TAR MOLISE – 25 settembre 2018

* APPALTI – Modalità di chiusura dei plichi contemplate dal disciplinare di gara – Inosservanza – Apposizione di timbri e controfirma sul lembo di chiusura invece che della ceralacca – Esclusione – Illegittimità – Principio di tassatività delle cause di esclusione – Art. 83, c. 8 d.lgs. n. 50/2016. TAR CAMPANIA, Napoli – 2 ottobre 2018

* APPALTI – Procedure ristrette – Art. 61 d.lgs. n. 50/2016 – Possibilità per i soli operatori invitati di presentare un’offerta – Art. 48, c. 11 – Facoltà per l’operatore invitato di coinvolgere altre imprese mandanti temporaneamente riunite – R.T.I. – Obbligo di specificare le parti del servizio che saranno eseguite dai singoli operatori – Indicazione descrittiva o quantitativa – Principio di continuità delle operazioni di gara – Derogabilità. TAR UMBRIA – 6 settembre 2018

* APPALTI – PROCESSO AMMINISTRATIVO – Procedura di gara – Contratti destinati ad essere eseguiti all’interno del perimetro territoriale di singole regioni – Competenza territoriale del TAR LAZIO – Difetto. TAR LAZIO, Roma – 12 settembre 2018

* APPALTI – Requisiti di partecipazione – Art. 87 d.lgs. n. 50/2016 – Dimostrazione – Strumenti – Disciplinare di gara – Indicazione della facoltà di provare i requisiti prescritti tramite produzione di certificato rilasciato da organismo stabilito in altro Stato membro – Omissione – Produzione del certificato di organismo non accreditato – Esclusione – Illegittimità. TAR BASILICATA – 22 settembre 2018

* APPALTI – Senato della Repubblica – Tutela giurisdizionale – Cd. Giurisdizione domestica – Inapplicabilità alle controversie in materia di appalti – Principio di rotazione – Corollario – Eccezionalità dell’invito all’affidatario uscente – Conseguenze in tema di motivazione. TAR LAZIO, Roma – 11 settembre 2018

APPALTI – SICUREZZA SUL LAVORO – Appalto di lavori di tipo domestico, quali ristrutturazioni, pitturazione, ecc. – Responsabilità del committente dei lavori – Onere di vigilanza – Dovere di sicurezza gravante sul datore di lavoro – Assenza della redazione di un documento di valutazione dei rischi o della nomina di un responsabile dei lavori – Configurabilità della responsabilità – Valutazione dei rischi e organizzazione delle opere – Committente corresponsabile con l’appaltatore – Giurisprudenza – Art. 26 e 90 d.lgs. 81/2008. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.4^ 24/09/2018, Sentenza n.40922

* BENI CULTURALI E AMBIENTALI – Trasferimento di immobile vincolato – Denuncia – Esercizio del diritto di prelazione da parte delle amministrazioni pubbliche – Termine perentorio di sessanta giorni – Violazione della Soprintendenza del dovere di comunicazione agli enti pubblici territoriali ex art. 62 d.lgs. n. 42/2004 – Effetti. TAR PUGLIA, Lecce – 17 settembre 2018

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Realizzazione di manufatti precari e facilmente amovibili su area vincolata – Intervento eseguito in assenza di titolo abilitativo – DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Nozione di precarietà di un intervento – Nozione di opera precaria – Art. 181, c.1-bis d.lgs. 42\2004 e 30, co.1 e 8 legge 394\1991 – AREE PROTETTE – Parco naturale regionale – Disciplina per le opere precarie – Artt. 44 lett. e). 65, 72, 93, 94 e 95 d.P.R. 380\2001. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 03/09/2018, Sentenza n.39429

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Realizzazione di una pista e parco tematico di motocross con ristorante – Mancanza o illegittimità dell’autorizzazione paesaggistica – VIA VAS AIA – Assenza della valutazione di impatto ambientale – Verifica dell’impatto urbanistico e ambientale dell’intero complesso – Necessità – Piano Territoriale Provinciale (PTP) Art. 181, c.1, d.lgs. n.42/2004 – Esame del giudice penale – Giurisprudenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Ricorso in tema di misure cautelari reali – Sequestro. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 23/08/2018, Sentenza n.38856

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Zone gravate da usi civici e vincolo paesaggistico – Procedura di “quotizzazione” e uso collettivo – Sdemanializzazione del bene – Assegnazione, retrocessione e affrancazione del fondo – Occupazioni sine titulo dei terreni gravati dagli usi civici – CAVE E MINIERE – Cava e attività di coltivazione – Provvedimento di sequestro preventivo – Fattispecie: area interessata ad attività estrattiva autorizza dal Comune ma in assenza della preventiva autorizzazione degli organi preposti alla tutela del vincolo paesaggistico – Artt. 142 e 181 dlgs n.42/2004. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 17/07/2018, Sentenza n.32925

* BOSCHI E MACCHIA MEDITERRANEA – Taglio boschivo in assenza della prescritta autorizzazione – Pena prevista pecuniaria e detentiva – BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Reati di cui agli artt. 142, 146 e 181 d. lgs. 42/2004 – Art. 44, c.1, lett. C), d.P.R. n.380/2001- DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Sentenza di patteggiamento – Applicazione della sola pena pecuniaria – Pena illegale. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 12/09/2018

* CACCIA – Controllo delle specie di fauna selvatica – Ricorso massiccio ai piani di abbattimento, con ruolo marginale per i metodi ecologici – Impostazione contraria suggerita dall’ISPRA – Art. 19 , c. 2 L. n. 157/1992 e 20, c. 1 l.r. Piemonte, n, 5/2018 – Sospensione del programma per il contenimento del cinghiale. TAR PIEMONTE – 4 ottobre 2018

CACCIA – Parere dell’ISPRA sullo schema di calendario venatorio – Atto obbligatorio ma non vincolante – Scelta dell’amministrazione in sostanziale contrasto – Serie ragioni giustificative esposte con congrua e adeguata motivazione – Necessità. TAR SICILIA, Palermo, Sez. 2^ – 19 settembre 2018, ordinanza n. 847

* CAVE E MINIERE – RIFIUTI – Regione Campania – Impianti di trattamento di materiali inerti da demolizione – Localizzazione entro i perimetri di cava – Possibilità – Ratio. TAR CAMPANIA, Salerno – 6 settembre 2018

* DIRITTO DELL’ENERGIA – BENI CULTURALI E AMBIENTALI – Installazione di pannelli fotovoltaici – Diniego di autorizzazione paesaggistica – Puntuali e analitiche ragioni del diniego – Favor legislativo per gli impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile – Salvaguardia indiretta dei valori paesaggistici TAR TOSCANA – 18 settembre 2018

DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Decreto di citazione a giudizio e avviso di conclusione delle indagini preliminari – Inosservanza – Effetti. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 31/08/2018, Sentenza n.39346

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Ampliamento di un balcone – Manutenzione straordinaria – Esclusione – Art. 3, c. 1, lett. b), d.P.R. n. 380/2001. TAR LOMBARDIA, Milano – 6 settembre 2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Art. 5, cc. 9 e ss. d.l. n. 70/2011 – Permesso di costruire in deroga – Presupposti – Esistenza di “aree urbane degradate” – Interesse pubblico alla riqualificazione – Valutazione circa la sussistenza dei presupposti – Consiglio Comunale. TAR PIEMONTE – 18 settembre 2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Lotto edificabile – Nozione – Profilo dominicale – Irrilevanza – Rilascio della concessione edilizia – Concreta delimitazione – Esercizio della pianificazione – Funzione perequativa – Ampio potere discrezionale – Aspettativa qualificata del privato a mantenere la volumetria preesistente – Esclusione – VIA, VAS E AIA – Vas – Procedimento autonomo rispetto alla procedura di pianificazione – Esclusione – Autorità competente – Organo o ufficio interno alla stessa autorità procedente – Legittimità. TAR LOMBARDIA, Milano – 27 settembre 2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Opere abusive – Revoca o la sospensione dell’ordine di demolizione – Sentenza di condanna – Presentazione di istanza di condono o sanatoria successivamente al passaggio in giudicato – Art. 31, c.9, d.P.R. 380/2001 – Giurisprudenza – Reati edilizi – Ordine di demolizione impartito dal giudice – Natura di sanzione amministrativa – Revoca della sentenza di condanna – Verifica della legittimità dell’atto concessorio – Potere-dovere del giudice dell’esecuzione – Requisiti di forma e di sostanza – Manufatto abusivo – Ordine di demolizione indipendente al rapporto col bene – Ragioni di tutela del territorio – Natura di sanzione amministrativa a carattere ripristinatorio – Inapplicabilità della disciplina generale della prescrizione – Giurisprudenza della Corte EDU – BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Giurisprudenza – Zona vincolata di tipologia 1 del d.lgs. 42/2004 – Esclusione della condonabilità dell’opera – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Impugnazioni nel procedimento di esecuzione – Censura manifestamente infondate – Mancato esame da parte del giudice di merito – Annullamento del provvedimento – Esclusione. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 12/09/2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Ordinanza di demolizione – Estraneità all’abuso e avvenuta alienazione dell’immobile prima dell’adozione dell’ordinanza – Illegittima individuazione del destinatario. TAR TOSCANA,18 settembre 2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Reati edilizi – Sospensione del processo con messa alla prova passa – Applicazione e limiti – Art. 168-ter cod. pen. – Ordine di demolizione dell’opera edilizia abusiva – Declaratoria di estinzione del reato per esito positivo della messa alla prova – Applicazione delle sanzioni amministrative accessorie – Art. 168-ter cod. pen. – Artt. 31 e 44 d.P.R. n. 380/2001 – Art. 181, d. lgs. n. 42/2004 – Ordine di demolizione del manufatto abusivo – Natura di sanzione amministrativa – Procedimento di sospensione con messa alla prova – Giurisprudenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – La messa alla prova nei reati edilizi – Eliminazione delle conseguenze dannose o pericolose del reato – Cd. sanatoria di (doppia) conformità – Funzione deflattiva, ripristinatoria e risarcitoria. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 12/09/2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Regione Lazio – Trasformazione di un capannone industriale in magazzino destinato alla vendita all’ingrosso – Categoria omogenea “produttiva” – Scia – Sufficienza. TAR LAZIO, Roma – 11 settembre 2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Annullamento d’ufficio – Art. 21 nonies, c. 1 l. n. 241/1990 – Termine di 18 mesi – Applicabilità alla DIA – Atti adottati anteriormente alla novella ci cui alla l. n. 124/2015 – Decorrenza del termine – Operatività del “termine ragionevole” – Sforamento – Motivazione rafforzata – Contrasto tra planimetrie/grafici e relazioni descrittive di un piano o di un titolo edilizio – Preminenza – Individuazione. TAR CAMPANIA, Napoli – 24 settembre 2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – AREE PROTETTE – Piano di lottizzazione in area SIC – Limiti e divieti introdotti dalle misure di conservazione per la tutela dei siti della Rete natura 2000 – Inosservanza – Illegittimità. TAR ABRUZZO, L’Aquila – 10 settembre 2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Edificazione in zona agricola e sottoposta a vincolo paesaggistico – Oggettiva correlazione tra immobile realizzato e conduzione del fondo – Elementi di conformità ai fini del rilascio della sanatoria – Artt. 15, 31, 34 e 44, lett. b) e c) d.P.R. 380/2001 e 181, comma 1 d.lgs. 42/2004 – Suddivisione dell’attività edificatoria finale nelle singole opere – Regime dei titoli abilitativi edilizi – Opera considerata unitariamente nel suo complesso – Indicazione dei termini di inizio e di ultimazione dei lavori – Inosservanza dei termini – Effetti – Decadenza del permesso di costruire – Opere abusive e sanatoria c.d. condizionata – Condizioni e limiti – Doppia conformità – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Attività vincolata della P.A. e provvedimenti di rilascio illegittimi – Giurisprudenza – Reato urbanistico – Natura di reato permanente – Momento della consumazione e cessazione della permanenza – Fattispecie – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Demolizione delle opere abusive e rimessione in pristino dello stato dei luoghi – Subordine della sospensione condizionale della pena – Funzione direttamente ripristinatoria del bene offeso – Obbligo di specifica motivazione – Esclusione – Motivazione implicita – Natura di provvedimento accessorio alla condanna – Ostinata inottemperanza all’esecuzione dell’ordine di demolizione – Effetti – Revoca della sospensione condizionale della pena. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 31/08/2018, Sentenza n.39339

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Cessione di cubatura – Requisito della contiguità dei fondi – Fattispecie. TAR CAMPANIA, Napoli – 2 ottobre 2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Computo dell’altezza del sottotetto – Elementi strutturali – Elementi architettonici di finitura. TAR CAMPANIA, Napoli – 3 ottobre 2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Disciplina antisismica e singoli interventi – Valutazione di un’opera con riferimento al suo complesso – Artt. 36, 44, 83, 93 e 95 d.P.R. 380\2001 – articolo 181, comma 1-quinquies d.lgs. 42\2004 – Regime dei titoli abilitativi edilizi – Sanatoria degli abusi edilizi – Opere considerate unitariamente nel suo complesso – Sanatoria c.d. parziale – Sanatoria condizionata all’esecuzione di interventi – Sanatoria giurisprudenziale” o “impropria – Sanatoria postuma – Costruzioni in zone sismiche – Giurisprudenza – Opere edilizie soggette alla normativa antisismica – Assenza della prescritta autorizzazione antisismica – Ininfluenza delle disposizioni regionali – Pericolo la pubblica incolumità – Procedimento autonomo – Controllo preventivo della pubblica amministrazione – Natura di reato permanente – Momento della essazione della permanenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Mancata assunzione di prove decisive – Onere della prova della decisività della prova non ammessa – Principio di specificità. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 03/09/2018, Sentenza n.39428

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Dissequestro temporaneo di opere edilizie – Autorizzazione al temporaneo accesso ai luoghi in sequestro – Modalità esecutive del sequestro – Controllo diretto della polizia giudiziaria – Atti impugnabili con la procedura dell’incidente di esecuzione – Fattispecie: sequestro di opere edilizie in assenza dei titoli abilitativi volto ad impedire la prosecuzione dei reati – Artt. 44 lett. e), 64, 71, 93, 94 e 95 d.P.R. 380/2001; 181 d.lgs. 42/2004; 734 cod. pen.; 13 e 30 legge 394/1991 – Giurisprudenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Polizia giudiziaria – Qualificazione come probatorio o preventivo del sequestro – Finalità – Circoscrizione normativa – Riesame avverso il decreto genetico del sequestro – Verifica delle condizioni originarie di applicabilità della stessa misura reale – Art. 321 e 322-bis cod. proc. pen.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 30/08/2018, Sentenza n.39275

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Istanza di repressione degli abusi edilizi formulata dal vicino – Legittimazione differenziata – Silenzio – Azione ex art. 31 C.P.A. TAR CAMPANIA, Salerno – 27 settembre 2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Lottizzazione abusiva e confisca – Restituzione del terreno – Lottizzazione – Beni confiscati – Disposizioni urbanistiche – Tutela delle zone di particolare interesse ambientale – Edificabilità dei suoli – Sanzioni amministrative e penali, recupero e sanatoria delle opere edilizie – Reato di lottizzazione abusiva. CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO, 28/06/2018, Sentenza n.1828/06

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Notai – Trasferimento di beni immobili abusivi e verifica in concreto della gravità dell’irregolarità urbanistica – Notaio abusivismo edilizio e doverosa assunzione di responsabilità – Commercio giuridico degli immobili e nullità urbanistica – Nullità di un contratto di compravendita – Rimessione della questione alle sezioni unite – Art. 46 d.p.r. 380/2001 – Principio generale della nullità (di carattere sostanziale) – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez. 2^ 30/07/2018, Ordinanza n.20061

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Reati edilizi – Effetti del patteggiamento – Art. 444 cod. proc. pen. – Dissequestro e restituzione dei beni in sequestro – Omessa disposizione della demolizione delle opere abusive – Artt. 31, 44, 64. 65 71, 93, 94 e 95 d.P.R. 380/2001 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Opere abusive – Sentenza di condanna e pena concordata dalle parti – Effetti nei reati edilizi – Art. 445 cod. proc. pen.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 21/08/2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Reati edilizi – Varianti in senso proprio e varianti essenziali – Caratteristiche e differenze – Artt. 22, 23 ter, 29, 31, 32, 34, 37 e 44 dpr n. 380/2001 – Giurisprudenza – Cessione di cubatura – Natura negoziale – Asservimento di un terreno – Presupposti e condizioni – Modifica di destinazione d’uso – Configurabilità e consumazione del reato – Nozione di “variante” – Titoli autorizzatori – Incidenza dell’aspetto qualitativo e quantitativo rispetto all’originario progetto – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Circostanze attenuanti generiche – Applicazione e diniego – Obbligo di analitica motivazione – Presupposti e limiti – Art. 133 c.p.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 20/07/2018, Sentenza n.34148

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Reati edilizi in zona sismica – Sequestro delle opere abusive – Potenziali rischi per l’incolumità fisica dei terzi – Fattispecie: Bar, ampliamento l’attività commerciale costruendo in adiacenza un manufatto, in assenza di qualsiasi progettazione e titolo abilitativo – Artt.3, 6, 44, 71, 72 e 95 d.P.R. 380/01. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 10/09/2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Responsabilità dell’esecutore dei lavori edilizi (in concorso con il committente e il direttore dei lavori) – Obbligo di verifica delle prescritte autorizzazioni – Elemento soggettivo del reato – Rilevanza del dolo o della colpa – Art. 44 lett. B) d.P.R. 380/2001 – Giurisprudenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Prescrizione del reato sollevata in cassazione – Data di consumazione antecedente rispetto a quella contestata – Onere della prova – Elementi incontrovertibili non smentiti né smentibili. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 16/07/2018, Sentenza n.32478

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Ristrutturazione e caratteristiche preesistente edificio crollato o demolito – Limiti e vincoli della discrezionalità tecnica – Provvedimenti autorizzativi falsi – Configurabilità del reato di falso ideologico – Art. 3, c.1, lett. d) d.P.R. n.380/2001 – BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Ristrutturazione edilizia – Provvedimenti autorizzativi rilasciati su presupposti urbanistici e paesaggistici falsi – Procedura – Esclusione degli apprezzamenti meramente soggettivi – Criterio oggettivo della preesistente “consistenza” – Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Rilascio di un parere paesaggistico sulla base una relazione tecnica falsa – Mancata attività ricognitiva – Concorso nel reato di falso – Responsabile dell’ufficio tecnico – Sussistenza dei presupposti giuridico¬fattuali – Obblighi di verifica – Falso ideologico nella valutazione tecnica – Pubblico ufficiale libero nella scelta dei criteri di valutazione – Parametri normativamente predeterminati o tecnicamente indiscussi – Configurabilità del reato – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 31/08/2018, Sentenza n.39340

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Strumento urbanistico adottato – Istanza di permesso di costruire presentata anteriormente alla data di adozione dello strumento urbanistico – Applicabilità delle misure di salvaguardia. TAR LOMBARDIA, Brescia – 3 settembre 2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Tutela dell’aspetto architettonico di un fabbricato – Nozioni di aspetto architettonico e di decoro architettonico – Diversità e complementarietà – Qualifiche e limiti alle sopraelevazioni – Distonia con i ritmi architettonici del fabbricato – Fattispecie: Demolizione di una veranda costruita sul terrazzo di copertura – Giurisprudenza – Artt. 1120 e 1127 c.c.. CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.6^ 12/09/2018, Ordinanza n.22156

* FAUNA E FLORA – Animali d’affezione – Guardie particolari giurate – Svolgimento di funzioni di polizia giudiziaria – Art. 6 l. n. 189/2004 – Limiti – Associazioni “riconosciute” – Individuazione – Riconoscimento del M.A.T.T.M. ex art. 13 L. n. 349/1986. TAR PUGLIA, Lecce – 17 settembre 2018

INQUINAMENTO ACUSTICO – Immissione rumorose – Dovere d’impedire gli strepiti degli animali a prescindere dal formale titolo di proprietà – Concorso nel reato ex art. 659 cod. pen. – Disturbo del riposo, occupazioni e della pubblica quiete delle persone – Superamento della soglia della normale tollerabilità – Verifica del fenomeno – Conferma del compendio probatorio – Disturbo di un numero indeterminato di persone – Diffusività del rumore – Necessità. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 24/08/2018, Sentenza n.38901

INQUINAMENTO ACUSTICO – Laboratorio di panificazione – Svolgimento di attività rumorosa – Condotta idonea ad arrecare disturbo ad un numero indeterminato di persone – Mancata redazione della valutazione di impatto acustico (c.d. VIAC) – Natura di reato di pericolo – Art. 659 commi 1 e 2 cod.pen. (capo A), art. 674 cod.pen. (capo B) – Attività o mestieri rumorosi – Ambito di operatività dell’art. 659 cod. pen. – Violazione di disposizioni di legge o prescrizioni dell’autorità – Superamento dei limiti di emissione fissati – Effettiva idoneità delle emissioni sonore ad arrecare pregiudizio ad un numero indeterminato di persone – Accertamento di fatto – Competenza del giudice di merito – INQUINAMENTO ATMOSFERICO – Art. 279 d.lgs n. 152/2005 – Esclusione – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Provvedimenti cautelari reali – Ricorso per cassazione – Presupposti – Art. 325 cod. proc. pen.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 30/08/2018, Sentenza n.39261

* INQUINAMENTO ATMOSFERICO – Attività di lavorazione di materiale lapideo – Immissione di materiali in atmosfera – Assenza di autorizzazione amministrativa – Atteggiamento psicologico dell’agente – Ipotesi di colpa qualificata – Flagranza del reato permanente – Momento della cessazione della permanenza – Art. 279 dlgs n. 152/2006 – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 16/04/2018

* INQUINAMENTO ATMOSFERICO – ACQUA E INQUINAMENTO IDRICO – Autorizzazione Unica Ambientale – Valutazione di ordine urbanistico-edilizio – Art. 269, c. 3 d.lgs. n. 152/2006 – Esame degli interessi coinvolti – Conferenza di servizi. TAR CAMPANIA, Salerno – 6 settembre 2018

INQUINAMENTO ATMOSFERICO – Emissioni in atmosfera – Art. 279 D.lgs n. 152/2006 – Inosservanza delle prescrizioni autorizzatorie e mancata comunicazione preventiva – DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO – Violazione del principio del ne bis in idem ex art. 4, prot. 7, CEDU – Verifiche e criteri alternativi e non cumulativi – Convenzione Europea per i diritti dell’uomo e art. 50 della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea – Carta nel Trattato di Lisbona. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 28/08/2018, Sentenza n.39036

PESCA – Pesce di taglia inferiore a quella consentita – Novellame di sarda (bianchetto) – Detenzione a fini commerciali – Nuova disciplina – Depenalizzazione – Disposizioni che sostituiscono sanzioni penali con sanzioni amministrative – Effetti anche sulla sentenza di patteggiamento – Giurisprudenza – d.lgs. n. 4/2012 – L. n.154/2016. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 28/08/2018, Sentenza n.39055

* PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO – Annullamento in autotutela – Termine di diciotto mesi – Art. 21 nonies l. n. 241/1990 – Applicabilità ai soli provvedimenti successivi all’entrata in vigore della nuova disposizione. TAR LOMBARDIA, Milano – 3 ottobre 2018

* PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO – Diritto di accesso e obblighi di trasparenza amministrativa – Gestori di servizi di telefonia e telecomunicazione – Applicabilità – Art. 23 l. n. 241/1990. TAR CALABRIA, Reggio Calabria – 26 settembre 2018

* PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO – PROCESSO AMMINISTRATIVO – Accesso – Rito accelerato – Richiesta di misure cautelari monocratiche e ante causam – Compatibilità – Accesso generalizzato agli atti amministrativi – Esplicitazione della motivazione – Non è richiesta – Bisogni conoscitivi privati, egoistici o emulativi – Preclusione – Opposizione del controinteressato – Valutazione della P.A – Trattamento dei dati – G.D.P.R. – Nozione di dato personale – Riferimento a persone giuridiche – Esclusione. TAR SICILIA, Palermo – 1 ottobre 2018

* PROCESSO AMMINISTRATIVO – Annullamento giurisdizionale per difetto di motivazione – Effetto conformativo – Integrità dell’ambito discrezionale affidato all’amministrazione – Nuovo esito negativo – Legittimità – BENI CULTURALI E AMBIENTALI – Tutela del paesaggio e dei beni culturali – Amministrazione competente alla gestione dei vincoli – Comparazione e bilanciamento dell’interesse paesaggistico con interessi da altra natura e spettanza – Non è dovuta. TAR VENETO – 7 settembre 2018

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – 231 – APPALTI – RIFIUTI – Reato di truffa aggravata a danno di enti pubblici – Confisca fino a concorrenza dell’illecito profitto – Commisurazione del valore della “utilità conseguita dal danneggiato” – contratto a prestazioni corrispettive – Artt. 1, 5, 6, 7, 19, 24, 24-ter, 25-undecies, 53 d.lgs. 231\2001 in relazione ai reati di cui agli artt. 81 cod. pen. 256, c.1, lett. a) e 260 d.lgs. 152\06, art. 416, c.1 e 2, 452-bis, 640 c.1 e 2 cod. pen. – Fattispecie: operazioni di compostaggio e biostabilizzazione in realtà mai effettuate – Esecuzione del contratto sinallagmatico – Prestazione svolta a vantaggio della controparte – Determinazione dei “costi vivi” sostenuti dall’ente e/o impresa – Poteri del giudice – Profitto assoggettabile a sequestro preventivo finalizzato alla confisca – Determinazione del valore della utilitas conseguita – Ablazione in caso di esecuzione della prestazione parziale o in parte non conforme – Responsabilità da reato degli enti collettivi – Profitto confiscabile – Vantaggio economico diretto e immediato – Nesso causale del reato presupposto – Ambito di un rapporto sinallagmatico – Utilità eventualmente conseguita dal danneggiato – C.d. “reato in contratto” – Reato di truffa o frode nelle pubbliche forniture. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.2^ 28/05/2018, Sentenza n.23896

* PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – APPALTI – Affidamento dell’incarico di responsabile della sicurezza dei dati (GDPR) – Certificazione di Auditor ISO/IEC/27001 – Requisito di ammissione – Illegittimità – Mero titolo curriculare. TAR FRIULI VENEZIA GIULIA – 13 settembre 2018

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO – DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – P.R.G. – Convenzioni di lottizzazione e perfezionamento del procedimento amministrativo – Modi di attuazione della disciplina urbanistica – Potestà pubblicistica del Comune e facoltà di liberarsi dal vincolo contrattuale – Attuazione dei piani regolatori – Lottizzazione di aree fabbricabili – Convenzioni di lottizzazione – Natura – Rapporti tra le reciproche prestazioni – Compensazione – Esclusione – “Datio in solutum” – Configurabilità – Conseguenze – Riferimenti normativi: Cod. Civ. art. 1197, Cod. Civ. art. 1242, Cod. Civ. art. 1443, Legge 17/08/1942 num. 1150 art. 28 COST., Legge 06/08/1967 num. 765, DPR 26/10/1972 num. 633 art. 6 com. 3 – Qualificazione giuridica delle convenzioni di urbanizzazione – Contratti con oggetto pubblico – Negoziazione conclusa in condizioni di disparità – Convenzione urbanistica ed esclusione di parità formale tra i contraenti – Dottrina e giurisprudenza – APPALTI – Obbligazione del committente di pagare il corrispettivo – Appalti di opere pubbliche soltanto all’esito del collaudo dell’opera – Fattispecie: disciplina sull’IVA e limiti alla disciplina sanzionatoria. CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez.5^ 22/06/2018, Sentenza n.16533

* RIFIUTI – Gestione dei rifiuti plastici – Spedizione in Cina di container – Qualificazione come sottoprodotto – L’onere della prova incombe sull’interessato – Disciplina eccezionale e derogatoria rispetto a quella ordinaria – Artt. 183, 184, 184bis e 256 d.lgs n.152/2006 – Nozione di rifiuto – Nozione di sottoprodotto. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 03/09/2018

* RIFIUTI – Gestione non autorizzata di rifiuti – Condotta sanzionata – Assenza del prescritto titolo abilitativo – Reato istantaneo – Configurabilità in un unico trasporto abusivo di rifiuti – Presupposti per l’assoluta occasionalità – Art. 256, c.1 e 208, 209, 210, 211, 212, 214, 215, 216 d.lgs. n. 152/06 – Disciplina emergenziale- Art. 6, lett. d) d.l. n.172/2008, conv. l. n.210/2008 – Giurisprudenza – Assoluta occasionalità della condotta – Criteri di individuazione o esclusione – Elementi significativi della natura non occasionale del trasporto. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. FERIALE 02/08/2018

* RIFIUTI – AMIANTO – Curatore fallimentare – Qualifica di “detentore di rifiuti” – Esclusione – Ordinanze sindacali dirette alla tutela dell’ambiente – Individuazione del curatore quale destinatario a titolo di responsabilità di posizione, per effetto del precedente comportamento omissivo o commissivo dell’impresa fallita – Illegittimità – Applicabilità dei medesimi principi con riferimento alla rimozione dell’amianto. TAR SICILIA, Catania – 5 settembre 2018

RIFIUTI – Confisca del mezzo di trasporto di proprietà del terzo estraneo – Uso del mezzo ignoto o non collegabile al reato – Necessità della negligenza – Limiti alla buona fede – Giurisprudenza – Artt. 256 e 259 d. lgs. n.152/2006 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Cosa utilizzata per la consumazione del reato – Revoca del sequestro preventivo – Cessazione delle esigenze cautelari – Sequestro e confisca – Artt. 321 e 323, cod. proc. pen. – Confisca facoltativa in capo ad un soggetto estraneo al reato – Onere della prova – Art. 240 cod. pen.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 23/08/2018, Sentenza n.38851

* RIFIUTI – Consorzio per lo svolgimento delle funzioni di governo di bacino relative al servizio di raccolta die rifiuti urbani – Amministrazioni aderenti – Criterio di riparto dei costi – Criteri di determinazione della tariffa del servizio addebitata all’utenza – Diversità. TAR PIEMONTE – 11 settembre 2018

RIFIUTI – Gestione dei rifiuti – Materiale di risulta da demolizioni – Differenza tra rifiuto e sottoprodotto – Applicazione di un regime giuridico più favorevole – Presupposti di legge – Onere della prova – Artt. 183, 184, 184bis e 256 d.lgs n.152/2006 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Inammissibilità del ricorso per Cassazione – Effetti e preclusioni – Cause di non punibilità – Art. 129 cod. proc. pen. – Fattispecie: prescrizione del reato maturata successivamente alla sentenza impugnata con il ricorso. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.7^ 24/07/2018, Ordinanza n.35042

RIFIUTI – Gestione di rifiuti – Trasporto di ingenti quantità di rifiuti speciali, pericolosi e non – Assenza delle autorizzazioni, iscrizioni, comunicazioni – Registri di carico e scarico, F.I.R. e iscrizione all’Albo nazionale dei gestori – Sequestro preventivo e confisca obbligatoria dei mezzi – Mero possesso della licenza d’ambulante – Esclusione dell’applicabilità della deroga – Artt. 188, 252, 256, 259, 260 e 266 d.lgs n.152/2006 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Pronuncia ai sensi dell’art. 444 cod. proc. pen. – Giurisprudenza – Art. 321 c.p.p. – Cosa sequestrata appartenente a terzo estraneo al reato – Onere della Prova. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 21/08/2018, Sentenza n.38670

RIFIUTI – Molitura delle olive e produzione di sansa – Conferimento all’interno di un invaso artificiale – Smaltimento di rifiuti speciali non pericolosi allo stato liquido – Acque di vegetazione delle olive – Attività di lagunaggio – Caratteristica di sottoprodotto – Esclusione – Artt. 183, 184-bis, 256 c.1, lett. a) e 2 d.lgs. 152/06 – Nozione di rifiuto – Esclusione della valutazione soggettiva sulla natura dei materiali da classificare o meno quali rifiuti – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Difensore non iscritto nell’albo speciale – Effetti – Inammissibilità originaria dell’impugnazione – Art. 613 cod. proc. pen. – Diniego delle attenuanti generiche – Obbligo di motivazione – Elementi considerati prevalente – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 26/09/2018, Sentenza n.41674

RIFIUTI – Obbligo di rimozione dei rifiuti – Responsabilità penale e obbligati in solido – Sussistenza di dolo o colpa – Soggetti destinatari dell’ordinanza sindacale – Annullamento – Artt. 192, 255 e 256 d.lgs. n.152/2006 – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Abbandono dei rifiuti e ripristino dello stato dei luoghi – Procedura amministrativa – Operazioni finalizzate all’adempimento degli obblighi conseguenti alla violazione del divieto – Effetti dell’inutile decorso del termine – Recupero delle somme anticipate – Ordine di bonifica dei terreni contaminati – Reato di mancata ottemperanza all’ordine sindacale – Natura di reato permanente – Artt. 244 e 245 d.lgs. 152/2006. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 03/09/2018, Sentenza n.39430

RIFIUTI – Qualificazione di una sostanza o un oggetto quale rifiuto – Verifica dei dati obiettivi – Condotta del detentore o obblighi – Riutilizzazione economica – Ininfluenza – Sequestro preventivo – Artt. 183 e 256, comma 2 d.lgs.152/2006 – Natura di rifiuto di un determinato materiale – Effetti dell’accordo di cessione a terzi – La riutilizzazione economica non esclude necessariamente la natura di rifiuto – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 13/09/2018, Sentenza n.40687

RIFIUTI – Realizzazione o gestione di discarica abusiva – Caratteristiche – Accumulo dei rifiuti e spazio occupato – Confisca del terreno di proprietà di una società a responsabilità limitata – Qualità di legale rappresentante – Posizione a quella di un terzo estraneo – Esclusione. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 28/08/2018, Sentenza n.39027

* RIFIUTI – Reato di abusiva gestione di rifiuti – Attività di demolizione – Materiale misto di rifiuti non pericolosi – Disciplina sui rifiuti – Esclusione – Presupposti normativi – Sottoprodotto – Deposito temporaneo – Artt. 183, 184, 184bis e 256 d.lgs n.152/2006 – Onere della prova – T.U. Ambientale – Giurisprudenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Inammissibilità del ricorso per Cassazione – Motivi non specifici – Fattispecie: motivi generici ed indeterminati. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.7^ 24/07/2018

VIA VAS AIA – Autorizzazione integrata ambientale (A.I.A.) – Inosservanza delle prescrizioni – Casi di depenalizzazione – RIFIUTI – Reati ambientali – Artt. 29 quattorduocies e 256 d.lgs n.152/2006 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Assunzione di nuove prove – Esercizio positivo del potere da parte del giudice – Effetti – Giurisprudenza – Art. 507 cod. proc. pen.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 16/04/2018, Sentenza n.16673

Dottrina

I SERVIZI FORNITI NEL SISTEMA DI TRASPORTO PUBBLICO. Questioni relative alla soddisfazione, alla salute, all’ambiente e alla mobilità urbana dei cittadini. SANDRA R. OLIVEIRA PASSOS DE BRAGANÇA FERRO – DANTE F. OLIVEIRA PASSOS

PIATTAFORME ELETTRONICHE DI NEGOZIAZIONE, PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2.0 MARCO TERREI

 

QuotidianoLegale

L’inventario notarile dell’asse ereditario ha valore di prova sulla consistenza effettiva. Fulvio Graziotto

NUOVI PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI ORDINAMENTO PENALE.

Risarcibilità del danno da mobbing non continuativo ovvero straining. Fulvio Graziotto

Procura alle liti rilasciata all’estero invalida ma non inesistente.  Fulvio Graziotto

RIFIUTI: Responsabilità del titolare dell’impresa sul fatto dei propri dipendente.

SCUOLA: mappatura satellitare e dati sul patrimonio edilizio scolastico.

T.A.R.: Il silenzio assenso per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili.

Assegnazione della casa, requisiti reddituale e occupazione sine titulo o comunque abusiva.

PENALE: Nuovi provvedimenti su intercettazione e casellario giudiziale.

URBANISTICA: Nuova nozione di ristrutturazione non ha portata retroattiva.

Tra 10 anni addio alle auto a benzina, gasolio e alle ibride convenzionali.

Contrasto alla corruzione: il modello italiano.

LA MESSA ALLA PROVA NEI REATI EDILIZI.

DECRETO EMERGENZE: Genova e sicurezza rete nazionale infrastrutture e trasporti.

LEGGE n.100/2018: Commissione parlamentare di inchiesta su ciclo dei rifiuti e illeciti ambientali.

INTERNET: servizi di locazione e registrazione di indirizzi IP anonimi.

Newsletter del 7 agosto 2018 n.23 – ANNO XVIII n. 23/2018
Giurisprudenza 

* ACQUA – INQUINAMENTO IDRICO E DEL SUOLO – Natura del reato di avvelenamento – Differenza tra reato istantaneo ad effetti permanenti e reato istantaneo a condotta perdurante – Momento della consumazione del reato – Art. 439 cod. pen. – Art. 674 cod. pen. – Artt. 101, 103, 104, 256 e 257 d.lgs. n. 152/2006 – DIRITTO DEGLI ALIMENTI – Avvelenamento di acque o di sostanze alimentari – Condotte di “inquinamento” e configurabilità del delitto di avvelenamento di acque o di sostanze alimentari – Qualità e quantità dell’inquinante – Valutazione del giudice di merito – Pericolo presunto per la salute pubblica potenzialmente idoneo a produrre effetti tossico-nocivi – Mero superamento di “limiti – soglia” – Valenza precauzionale – Nozione di pericolosità – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Ricorso a competenze specialistiche con l’obiettivo di integrare i saperi del giudice – Conferimento dell’incarico a periti e consulenti e procedimentalizzazione di atti – Impiego della prova scientifica e affidabilità delle informazioni – Ricorso in cassazione e limiti del giudice di legittimità – Valutare della correttezza metodologica dell’approccio del giudice di merito al sapere tecnico-scientifico – Onere della compiuta motivazione del giudice di merito – Contrapposte teorie scientifiche – Esamina delle argomentazioni del perito o consulente da parte del giudice di merito – Motivazione sull’interpretazione dei dati fattuali disponibili – Fattispecie – Immediata dichiarazione di una causa di non punibilità e proscioglimento nel merito – Presenza della parte civile – RISARCIMENTO DEL DANNO – Valutazione del compendio probatorio ai fini delle statuizioni civili – Il giudice di secondo grado deve procedere ad esaminare funditus i motivi di doglianza senza limitarsi al criterio di economia processuale ex art. 129, cod. proc. pen.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 4^ 06/06/2018

* ACQUA – INQUINAMENTO IDRICO – Spargimento incontrollato di liquami provenienti da allevamento – Obbligo di raccolta e smaltimento corretto – Spargimento incontrollato di liquami da parte di terzi – Responsabilità del titolare dell’impresa – Obbligato di vigilanza sul terzo – INQUINAMENTO DEL SUOLO – Utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento – Creazione di abbondanti ristagni – Art. 137, c.14, d.lgs. 152/2006. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 04/06/2018

* ACQUA – INQUINAMENTO IDRICO – Utilizzazione delle acque di produzione del frantoio oleario al di fuori dei casi previsti dalla normativa vigente – Autorizzazione allo spandimento delle acque – Eccezionale piovosità – Condizione impeditiva allo spandimento – AGRICOLTURA – INQUINAMENTO DEL SUOLO – Accumulo idro-agricolo e stoccaggio temporaneo – Spandimento su terreno inidoneo – Responsabilità del legale rappresentante – Sussiste – Reato di cui all’art. 137, c.14, d.lgs. n. 152/2006. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 7^ 22/06/2018

ACQUA – Prelievo di acqua pubblica da un punto di sbocco della rete idrica comunale (fontana pubblica) – Configurabilità del furto aggravato o dell’illecito amministrativo – Legge Galli n. 36/1994 – Art. 17 R.D. n. 1775/1933 – Art. 23 D.lgs. n. 152/1999 – Art. 96, c.4, D.lgs. n. 152/2006 – Impossessamento abusivo delle acque sotterranee e di quelle superficiali – Giurisprudenza – C. Cost., sentenza n. 273/2010. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.5^ 20/07/2018, Sentenza n.34455

* ACQUA E INQUINAMENTO IDRICO – Reflui misti – Art. 74 d.lgs. n. 152/2006 – Criterio per stabilire la natura della risultante nel caso di miscelazione di reflui di diversa natura – Individuazione – Luogo in cui avviene la miscelazione – Irrilevanza. TAR SARDEGNA – 27 luglio 2018

* APPALTI – Clausola sociale – Interpretazione in termini elastici – Annullamento dell’aggiudicazione – Rinnovo del procedimento di gara – Riconvocazione della medesima commissione – Presupposti – Art. 77, c. 1 d.lgs. n. 50/2016. TAR SARDEGNA – 13 luglio 2018

* APPALTI – Controversie concernenti procedure ad evidenza pubblica – Competenza territoriale – Luogo di esecuzione dei lavori o dei servizi – Art. 120, c. 2 bis c.p.a. – Impugnazione del provvedimento di ammissione – Questioni attinenti la valutazione dei requisiti – Possesso della certificazione di qualità – Condizione per la stipulazione del contratto – PASSOE – Nozione – Mancata produzione – Mera carenza documentale. TAR PUGLIA, Lecce – 17 luglio 2018

* APPALTI – Espressione “idonee referenze bancarie” riportata nei bandi di gara – Istituti bancari – Interpretazione. CONSIGLIO DI STATO – 3 agosto 2018

* APPALTI – Informativa antimafia – Termine di validità di 12 mesi – Art. 86, c. 2 d.lgs. n. 159/2011 – Riferimento alle sole informative che attestano l’assenza del pericolo di infiltrazione mafiosa – Controllo giudiziario – Inapplicabilità delle cause di esclusione previste dall’art. 80 del d.lgs. n. 50/2016 – Limiti – Interdittiva antimafia – Art. 32, c. 10 d.l. n. 90/2014 – Possibilità, in caso di urgente necessità, di continuare l’esecuzione dell’appalto – Possibilità di stipulare il contratto di appalto – Inconfigurabilità. TAR BASILICATA – 18 luglio 2018

* APPALTI – Lex specialis – Pregresso svolgimento di servizi analoghi – Assimilazione con il concetto di “servizi identici” – Illegittimità – Ragioni – Iscrizione del partecipante presso la camera di commercio – Coerenza rispetto al contenuto contrattuale – Perfetta e assoluta sovrapponibilità – Non è richiesta. TAR PUGLIA, Bari – 19 luglio 2018

* APPALTI – Project financing – Delibera di approvazione del progetto di iniziativa privata – Legittimazione all’impugnazione – Soggetti in grado di esercitare il ruolo di proponente-promotore- Opere pubbliche – Inserimento di un’opera nel programma triennale delle opere pubbliche – Effetti diretti per la comunità interessata – Suscettibilità di impugnazione – Art. 183, c. 15 d.lgs. n. 50/2016 – Interventi non presenti negli strumenti di programmazione approvati dall’amministrazione aggiudicatrice – Intepretazione – Rischio economico a carico della società – Traslazione in capo alla parte pubblica – Inammissibilità. TAR MARCHE – 24 luglio 2018

* APPALTI – Project financing – Dichiarazione di pubblico interesse della proposta – Successivo abbandono – Diritto all’indizione della procedura o pretese risarcitorie o indennitarie – Inconfigurabilità – Discrezionalità della P.A. TAR MOLISE – 20 luglio 2018

* APPALTI – Ricorso incidentale avverso l’ammissione di altra concorrente – Dies a quo – Decorrenza – Individuazione – Atto di ammissione di altro concorrente – Impugnazione – Censure riguardanti il difetto del fatturato specifico richiesto – Mancanza dello stesso requisito in capo al ricorrente – Legittimazione all’impugnazione – Fonti della procedura di gara – Chiarimenti auto-interpretativi della stazione appaltante – Limiti. CONSIGLIO DI STATO – 2 agosto 2018

* APPALTI – Soccorso istruttorio – Salvaguardia della partecipazione alla procedura di affidamento in caso di irregolarità essenziali – Limiti – Soccorso istruttorio – Omessa attivazione – Rilevabilità d’ufficio – Esclusione – Dimostrazione della natura meramente formale dell’errore – Prova di resistenza. TAR CAMPANIA, Napoli – 21 luglio 2018

APPALTI – Art. 53 d.lgs n. 50/2016 – Accesso agli atti di gara e post-gara – Accesso civico generalizzato – Inapplicabilità. TAR EMILIA ROMAGNA, Parma, Sez. 1^ – 18 luglio 2018, n. 197

* APPALTI – Capacità economico-finanziaria – Capacità tecnico-professionale – Differenza – Fatturazione – Criterio principale per la dimostrazione del requisito di capacità finanziaria – Criterio solo presuntivo per saggiare il requisito di capacità tecnica – Triennio da considerarsi per la verifica della capacità tecnica – Individuazione – Diverso requisito della capacità economica finanziaria – Periodo solare/esercizio finanziario dal 1° gennaio. TAR PUGLIA, Bari – 9 luglio 2018

* APPALTI – Falso innocuo – Nozione – Inapplicabilità alla materia degli appalti pubblici – Ragioni – Sentenze di applicazione della pena su richiesta – Dichiarazione di estinzione del reato – Decorso del tempo – Esonero dell’obbligo dichiarativo nella procedura di affidamento di appalti pubblici – Presupposti – Art. 80, c. 3 d.lgs. n. 50/2016. TAR TOSCANA – 17 luglio 2018

* APPALTI – Indicazione separata del costo della manodopera – Art. 95, c. 10 d.lgs. n. 50/2016 – Necessità sia ai fini della verifica di anomalia, sia in sede di predisposizione dell’offerta – Omessa indicazione – Esclusione – Inammissibilità del soccorso istruttorio. TAR SARDEGNA – 27 luglio 2018

* APPALTI – Mancato rispetto di un adempimento non risultante dalla lex specialis – Esclusione dell’operatore – Violazione del principio di parità di trattamento e dell’obbligo di trasparenza. CONSIGLIO DI STATO – 2 agosto 2018

* APPALTI – Obbligo di versamento del contributo ANAC – Condizione di ammissibilità dell’offerta – Mancata dimostrazione dell’avvenuto versamento – Causa di esclusione – Sanatoria dopo il temine di presentazione delle offerte – Inconfigurabilità. TAR PUGLIA, Bari – 10 luglio 2018

* APPALTI – Offerte – Bando di gara – Termini “pagina”, “facciata” e “foglio” – Significato – Cumulo, nella stessa persona, delle funzioni di presidente di commissione e responsabile del procedimento e soggetto aggiudicatore – Violazione dei principi di imparzialità e buona amministrazione – Inconfigurabilità – Fasi salienti della gara – Operazioni di accoppiamento tra partecipanti e offerte e di controllo della documentazione – Seduta pubblica – Successiva fase di valutazione – Seduta riservata. TAR PIEMONTE – 20 luglio 2018

* APPALTI – Poste italiane – Fornitura e montaggio di arredi per il Back office degli uffici postali – Riconducibilità ai settori speciali – Giurisdizione del TAR – Provvedimento di ammissione – Termine di trenta giorni per l’impugnazione – Dies a quo – Individuazione – Certificati EMAS o altri sistemi di gestione ambientale – Art. 87 d.lgs. n. 50/2016 – Impossibilità di esibire i certificati – Prove documentali ammesse – Dichiarazione sottoscritta da un professionista privato -Non riconducibilità alla categoria dei certificati ammessi dall’art. 87. TAR LAZIO, Roma – 27 luglio 2018

* APPALTI – Raggruppamenti di imprese – Principio di necessaria corrispondenza tra quote di partecipazione e quote di esecuzione – E’ venuto meno – Volontà legislativa di privilegiare il dato sostanziale dell’effettivo possesso dei requisiti – Erronea ripartizione tra le imprese raggruppate – Soccorso istruttorio – Applicabilità – Soccorso istruttorio – Art. 83, c. 9 d.lgs. n. 50/2016 – Inapplicabilità agli elementi relativi all’offerta economica e all’offerta tecnica – Interpretazione. TAR TOSCANA – 17 luglio 2018

* APPALTI – Revoca, ritiro o annullamento dell’aggiudicazione provvisoria – Previa comunicazione di avvio del procedimento – Non è richiesta. TAR PUGLIA, Lecce – 26 luglio 2018

* APPALTI – Verifica facoltativa di congruità dell’offerta – Art. 97, c. 6 d.lgs. n. 50/2016 – Discrezionalità della stazione appaltante – Offerte cd. “di confine”. TAR VENETO – 5 luglio 2018

* AREE PROTETTE – Regione siciliana – Art. 24 l.r. Sicilia n. 14/1988 – Aree rientranti nei parchi e nelle riserve – Nulla osta – Competenza della Soprintendenza relativamente alla tutela paesaggistica – Esclusione. TAR SICILIA, Catania – 27 luglio 2018

AREE PROTETTE – Aree protette e sequestro preventivo – BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Danneggiamento del patrimonio archeologico, storico o artistico nazionale e distruzione o deturpamento di bellezze naturali – Concorso tra i reati sanzionati dalla legge quadro e le due contravvenzioni contenute nel codice penale – Art. 30, c.3 L. n.394/1991 – Artt. 733 e 734 cod. pen. – Giurisprudenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Tribunale del riesame – Ruolo di garanzia – Valutazione delle allegazioni probatorie e delle confutazioni – Allegazioni di immediata evidenza ed oggettivamente determinante in relazione al “fumus commissi delicti” – Sequestro preventivo – Periculum in mora – Criteri per l’individuazione – Caratteri della concretezza e della attualità – Probabilità di danno futuro – Art. 321 cod. proc. pen.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 21/06/2018, Sentenza n.28736

AREE PROTETTE – DIRITTO VENATORIO – Caccia in aree naturali protette – Differenza tra mancanza di tabellazione e regolare tabellazione – Presunzione di conoscenza a carico del trasgressore – Consapevolezza del divieto – Normale diligenza – Reato di cui 21 c.1 lett. c) e 30 c.1 lett. d) L n. 157/1992 – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 10/07/2018, Sentenza n.31380

* BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Costruzione abusiva di un fabbricato modesto (veranda, tettoia e pergolato) – Collocazione di una roulotte – DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Interventi di terzi anonimi nella costruzione – Onere probatorio – Giurisprudenza – Artt. 10, 44, lett.e), 95, d.P.R. 380/2001 e art. 181, c.1, d. lgs. 42/2004 – Esistenza di un ragionevole dubbio sulla colpevolezza e piena prova della riconducibilità delle opere abusive – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Principio “Al di là di ogni ragionevole dubbio” – Sentenze impugnate in doppia conforme – Fattispecie: dati probatori e fattuali sulla riconducibilità soggettiva delle opere abusive ed ulteriori interessati alla realizzazione dei manufatti abusivi o comunque possessori o compossessori. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 11/07/2018

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Omessa denuncia degli atti di atti traslativi aventi ad oggetto un cd “bene culturale” – Inadempimento all’obbligo di agire – Scadenza del termine – Natura di reato omissivo proprio permanente – Artt. 13, 14, 59, 173, 174 e 178 d. lgs. n. 42/2004 – Mancata denuncia degli atti di atti traslativi di beni protetti – Persistente condotta volontaria del soggetto attivo – Adempimento tardivo dell’atto – Effetti – Cessazione della permanenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Decreto di sequestro probatorio – Durata e rapporto di proporzionalità fra mezzo impiegato (spossessamento del bene) e fine endoprocessuale perseguito (accertamento del fatto reato). CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 04/07/2018, Sentenza n.30062

* CACCIA – Licenza per il porto di fucile ad uso caccia – Lesioni accidentali procurate con il fucile ad un compagno di caccia – Diniego della licenza – Circostanze di fatto legate al concreto verificarsi dell’episodio – Caso fortuito – Irrilevanza. TAR PIEMONTE – 18 luglio 2018

CACCIA E PESCA – Artt. 1 e 2 l.r. Veneto n. 1/2017 – Previsione di sanzioni amministrative a carico di chi ponga in essere atti di ostruzionismo o disturbo all’attività di caccia o pesca – Illegittimità costituzionale. CORTE COSTITUZIONALE – 11 luglio 2018, n. 148

CAVE E MINIERE – RIFIUTI – Interventi di riqualificazione ambientale delle cave – Art. 2, c. 1, lett. c) l.r. Campania n. 22/217 – Questione di legittimità costituzionale – Infondatezza. CORTE COSTITUZIONALE – 23 luglio 2018, n. 176

DIRITTO DEGLI ALIMENTI – Vendita di sostanze alimentari non genuine – TUTELA DEI CONSUMATORI – Reato di adulterazione di sostanze alimentari e valutazione dell’elemento soggettivo – Art. 516 cod. pen. – Giurisprudenza – Fattispecie: macelleria commercializzazione delle salsicce risultate adulterate con l’aggiunta dei solfiti. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 11/07/2018, Sentenza n.31443

* DIRITTO DELL’ENERGIA – BENI CULTURALI E AMBIENTALI – PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO – Tutela del paesaggio – Realizzazione di un parco eolico – Conferenza di servizi – Contrasto tra gli interessi contrapposti – Rimessione al Consiglio dei Ministri ex art. 14 quater l n. 241/1990 – Delibera – Atto di alta amministrazione. TAR MOLISE – 18 luglio 2018

DIRITTO DELL’ENERGIA – Tassazione dei prodotti energetici e dell’elettricità – Entità che produce elettricità per uso proprio – Piccoli produttori di elettricità – Distributore indipendentemente dalla sua importanza – Prodotti energetici utilizzati per produrre elettricità – Obbligo di esenzione – Rinvio pregiudiziale – Direttiva 2003/96/CE. CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 1^, 27 giugno 2018 Sentenza C-90/17

* BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Ordine di demolizione delle opere e rimessione in pristino dello stato dei luoghi a spese del condannato – Effetti della declaratoria di estinzione del reato per prescrizione – Artt. 44, 65, 71, 72, 83 e 95 d.P.R. n. 380/2001 – Lavori abusivamente realizzati in zona sottoposta a vincolo paesaggistico – Sussistenza del delitto di cui all’art. 181, comma 1-bis, d.lgs. n. 42/2004 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Ricorso per cassazione – Denuncia di violazioni di legge non dedotte con i motivi di appello – Questioni rilevabili di ufficio in ogni stato e grado del giudizio o che non sarebbe stato possibile dedurre in precedenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 10/07/2018

* DIRITTO DELL’ENERGIA – Autorizzazione unica ex art. 12 d.lgs. n. 387/2003 – Determinazione della conferenza di servizi – Valenza eondoprocedimentale – Struttura dicotomica – Adozione del provvedimento finale con valenza esoprocedimentale – Rapporti – Esercizio autonomo del potere provvedimentale rimesso all’autorità procedente. TAR CAMPANIA, Salerno – 30 luglio 2018

* DIRITTO DELL’ENERGIA – Impianti minieolici – PAS – Applicabilità dell’art. 10 bis l. n. 241/1990 – Esclusione – Ragioni – Deposito della SCIA – Assenza della documentazione prescritta – Decorso del termine di 30 giorni per l’adozione dei provvedimenti inibitori – Esclusione – Principio di autoresponsabilità del dichiarante – Autosufficienza contenutistica. TAR CAMPANIA, Salerno – 23 luglio 2018

* DIRITTO DELL’ENERGIA – Regione Siciliana – Impianti di produzione di energie rinnovabili – Punto 21 del PEARS – Distanze – Illegittimità. CONSIGLIO DI GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA PER LA REGIONE SICILIANA – 30 luglio 2018

DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Principio di tassatività delle impugnazioni – Atti soggetti a tale strumento di verifica – Decreto di perquisizione da parte del P.M. – Limiti – Inosservanza da parte dell’autorità giudiziaria o della polizia giudiziaria – Effetti – Fattispecie: ispezione di immobili. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 21/06/2018 (Ud. 15/05/2018), Sentenza n.28770

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Confisca da lottizzazione abusiva disposta con sentenza irrevocabile – Restituzione delle cose confiscate – Preclusione del giudicato – DIRITTO DEMANIALE – Area demaniale oggetto di lottizzazione – LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE – Mancanza del titolo di legittimazione ad impugnare. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 13/07/2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Manufatto abusivo – Accertata violazione di norme urbanistiche – Esecuzione dell’ordine di demolizione – Terzo acquirente dell’immobile – Ordine di demolizione impartito con la sentenza di condanna – Presentazione della domanda di condono edilizio – Verifiche del giudice dell’esecuzione – BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Aree sottoposte a vincolo – Sanatoria per interventi edilizi di minore rilevanza – Allegazione dei documenti e valutazione del Giudice dell’esecuzione – Art. 142 c.1 lett. C del d. lgs. 42/2004. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 13/07/2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Opere abusive – Demolizione – Sospensione o revoca dell’ordine di esecuzione – Atti amministrativi o giurisdizionali – Altra destinazione all’immobile o sanatoria – Giurisprudenza – Reati edilizi – Istanza di condono o di sanatoria – Revoca o sospensione dell’ordine di demolizione delle opere abusive – Criteri e presupposti – Verifiche del giudice dell’esecuzione. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 13/07/2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Opere abusive e presenza di una causa di estinzione del reato – Fattispecie: reati edilizi estinti per prescrizione e revoca dell’ordine di demolizione – Artt. 44 lett. b) dpr n. 380/2001 (capo a), 71 d.P.R. n. 380/2001 – Giurisprudenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Notificazione all’imputato del decreto di citazione in appello eseguita presso il difensore d’ufficio – Omessa notificazione del decreto di citazione per il giudizio di appello al difensore di fiducia – Nullità d’ordine generale insanabile. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 10/07/2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Ordine di demolizione di un manufatto abusivo disposto con la sentenza di condanna – Revoca in sede esecutiva in conseguenza del rilascio al proprietario dell’autorizzazione a demolire con contestuale permesso a ricostruire – Esclusione – C.d. doppia conformità era errata – Demolizioni necessarie all’efficacia della sospensione condizionale della pena – Fattispecie: subordinazione del permesso in sanatoria alla demolizione di opere non compatibili – Art. 36 d.P.R. 380/2001. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 13/07/2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Delibera approvativa di un atto di pianificazione – Termine per l’impugnazione – Pubblicazione sul bollettino ufficiale – Pubblicazione successiva sull’albo pretorio – Effetti – Distanze tra edifici – Realizzazione di una passerella a quota superiore rispetto al colmo di un’abitazione – Art. 9 d.m. n. 1444/1968 – Applicabilità – Esclusione. TAR TOSCANA – 25 luglio 2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Demolizione degli immobili abusivi acquisiti al patrimonio del Comune – Principio fondamentale della legislazione statale – Art. 2, c. 2 l.r. Campania n. 19/2017 – Elusione dell’obbligo – Illegittimità costituzionale. CORTE COSTITUZIONALE – 5 luglio 2018, n. 140

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Immobile realizzato in totale difformità dal titolo abilitativo – Convenzione urbanistica – Previsione di una sanzione amministrativa pecuniaria sostitutiva dell’acquisizione al patrimonio del Comune – Illegittimità. TAR LAZIO, Latina – 11 luglio 2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Installazione di prefabbricato in legno su basamento in cemento – Interventi c.d. precari – Esclusione – Permesso di costruire – Necessità – Destinazione funzionale – Esigenze contingenti e temporanee – Nuova disciplina – Termine non superiore a novanta giorni – Comunicazione di avvio lavori – Necessità – Disciplina antisismica – Interventi edilizi soggetti a permesso di costruire – Realizzazione di volumi e trasformazione in via permanente del suolo inedificato – Testo Unico Edilizia (T.U.E.) – Interventi da considerare di nuova costruzione soggetti a permesso di costruire (es. roulottes, campers, case mobili, imbarcazioni) se destinate ad una stabile utilizzazione, non meramente transitoria – Nozione di costruzione urbanistica – Manufatti che comportano una trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio – Giurisprudenza di merito e amministrativa – Funzione assegnata dal costruttore all’opera edilizia – Ininfluenza – Nozione di manufatti precari – Opere precarie – Nozione – Specifiche caratteristiche – Artt. 3, 6, 10, 31, 44, lett. b), 64, 65, 71, 72, 93, 94 e 95 d.P.R. 380/2001 – Giurisprudenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Subordine della concessione della sospensione condizionale della pena alla demolizione dell’opera abusiva – Obbligo di specifica motivazione – Esclusione. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 10/07/2018, Sentenza n.31388

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Mutamenti di destinazione d’uso senza opere – Stessa categoria urbanistica DIA (ora Cila) – Trasformazione di un immobile destinato ad uso non residenziale in immobile residenziale – Passaggio di categoria o cambio d’uso eseguito nei centri storici – Art. 23-ter del dPR n. 380/2001. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 21/06/2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Mutamento di destinazione d’uso senza opere nell’ambito della stessa categoria urbanistica – Modifiche di destinazione che comportino il passaggio di categoria – Cambio d’uso eseguito nei centri storici – Reato urbanistico e reato paesaggistico – Natura permanente – Cessazione dell’attività – Reati contravvenzionale – Termine quinquennale di prescrizione – Giurisprudenza – Artt. 10, 22, 44, 93 e 95 d.P.R. n. 380/2001 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Ricorso per cassazione inammissibile per manifesta infondatezza dei motivi o per altra ragione – Effetti e preclusioni. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/07/2018, Sentenza n.30919

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Opere edilizie soggette a permesso di costruire – Piattaforma in cemento armato con struttura intelaiata – Trasformazione urbanistica – Permesso di costruire – Necessità – Artt. 3 e 10, lett. a) del d.P.R. 380/01 – Giurisprudenza – Opera abusiva – Subordine della concessione della sospensione condizionale della pena alla demolizione – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Riconoscimento o diniego delle attenuanti generiche – Assenza di validi elementi di valutazione. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 10/07/2018, Sentenza n.31399

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Opere precarie – Criterio funzionale – Cessazione della necessità – Immediata rimozione – Termine di 90 giorni – Superamento – Idoneo titolo edilizio – Rilascio di concessione edilizia – Rilevanza giuridica del mezzo tecnico con cui è assicurata la stabilità del manufatto – Esclusione – Manufatto infisso o appoggiato al suolo – Stabilità e irremovibilità – Differenza. TAR CAMPANIA, Napoli – 23 luglio 2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Ordine di demolizione – Sentenza irrevocabile – Revoca o sospensione – Istanza di condono o di sanatoria – Onere del giudice dell’esecuzione – Definizione del procedimento amministrativo – Sospensione dell’esecuzione solo in prospettiva di un rapido esaurimento – Art. 31 del d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 – Ordine di demolizione adottato dal giudice – Natura di provvedimento giurisdizionale – Organo promotore dell’esecuzione – Pubblico ministero – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Circolare interpretativa – Natura di atto interno alla pubblica amministrazione – Non esplica alcun effetto vincolante – Giurisprudenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Pubblico ministero – Status di indipendenza esterna. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 21/06/2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Privato destinatario di un ordine di demolizione – Termine di 90 giorni dalla notifica dell’ordinanza – Scadenza – Richiesta di sanatoria ex art. 36 d.P.R. n. 380/2001 – Possibilità. TAR PIEMONTE – 20 luglio 2018

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Realizzazione di un consistente incremento della superficie – Assenza di permesso a costruire e di autorizzazione paesaggistica – BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Rimodellamento della sagoma di un lago artificiale – Sospensione condizionale alla remissione in pristino dello stato dei luoghi – Artt. 44 lett. c) d.P.R. n. 380/2001 – Art.181, c.1, d.lgs. n.42/2004. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 13/07/2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Reati edilizi – Tettoia abusiva – Sequestro – Proprietario e custode del manufatto abusivo – Violazione dei sigilli e prosecuzione delle opere abusive – Effetti – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Controllo della motivazione – Evidente interesse al compimento delle opere abusive – Unico complessivo corpo argomentativo – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 13/07/2018, Sentenza n.32181

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Riscossione mediante cartella di pagamento degli oneri di urbanizzazione e applicazione delle relative sanzioni – Controversie – Giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo – Valore corrispondente alle opere di urbanizzazione primaria realizzate dal lottizzante – Scomputabilità dall’importo dovuto a titolo di oneri di urbanizzazione secondaria – Esonero dal costo di costruzione per gli immobili adibiti all’attività industriale – Magazzini di merci da trasferire ai negozi di una catena commerciale – Edificio a destinazione commerciale – Estensione dell’esonero – Esclusione – Mutamento di destinazione d’uso senza opere – Incremento del carico urbanistico – Debenza degli oneri concessori. TAR TOSCANA – 26 luglio 2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Sanatoria – Giudizio di revisione – Valutazione delle cause di estinzione del reato – Fattispecie – Artt.36, 44 e 45 del d.P.R. n.380/2001. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 20/06/2018, Sentenza n.28530

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Servitù di luce irregolare – Usucapibilità – Esclusione – Possibilità per il confinante di chiedere la regolarizzazione o la chiusura – Artt. 902 e 904 c.c. – Richiesta di sanatoria – Diniego opposto senza riscontrare il riconoscimento della servitù nei titoli di proprietà – Illegittimità. TAR CAMPANIA, Salerno – 25 luglio 2018

DIRITTO VENATORIO – Caccia e abbattimento di specie non cacciabile (sturnus vulgaris) – Elemento soggettivo del reato e accertamento della penale responsabilità – Fattispecie – Art. 30, c.1, lett.h), L. n. 157/1992. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 12/07/2018, Sentenza n.31829

DIRITTO VENATORIO – Caccia e esemplari protetti o minacciati di estinzione – Convenzione di Berna – Direttive comunitarie e convenzioni internazionali – Caccia ai fringillidi – Configurabilità della violazione – L. n.157/1992 – Specie cacciabile – Differenza tra divieto assoluto e cd. caccia in deroga – Configurabilità della violazione – Giurisprudenza – Disciplina delle armi e disciplina venatoria – Principio di specialità – Diverse ipotesi di reato – Casi di confisca obbligatoria e casi di confisca non consentita. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/07/2018, Sentenza n.30921

FAUNA E FLORA – Conservazione degli uccelli selvatici – CACCIA – Cattura e detenzione di esemplari vivi – Specie appartenenti alla famiglia dei fringillidi – Divieto – Regime derogatorio nazionale – Potere di deroga degli Stati membri – Presupposti – Direttiva 2009/147/CE. CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 3^, 21 giugno 2018 Sentenza C-557/15

* FAUNA E FLORA – Randagismo – Ordinanza di divieto di alimentare cani randagi – Illegittimità – L. n. 281/1991 – L.r. Puglia n. 12/1995. TAR PUGLIA, Bari – 16 luglio 2018

INQUINAMENTO ATMOSFERICO – Superamento dei limiti di emissione in atmosfera – Campionamento e analisi – Inizio del procedimento di analisi – Mancanza dell’avviso e violazione del contraddittorio – Prova della tempestiva deduzione – Necessità – Art. 279, c.2, d.lgs. n.152/2006 – Art. 180 cod. proc. pen. – Giurisprudenza – Divieto di alimentare un impianto termico con rifiuti – Violazione della prescrizione – Responsabilità del legale rappresentante dello stabilimento – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Ricorso in Cassazione e difetto di specificità – Art. 581 cod. proc. pen.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/07/2018, Sentenza n.30884

* PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO – Accesso – Cd. accesso diffuso – Diritto alla conversione di una domanda presentata ai sensi degli artt. 22 e ss. l. n. 241/1990 in domanda di accesso ai sensi del d.lgs. n. 97/2016 – Insussistenza – Ragioni. TAR SARDEGNA – 13 luglio 2018

* PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO – Domanda o dichiarazione presentata alla P.A. – Art. 38 d.P.R. n. 445/2000 – Copia fotostatica del documento di identità – Documento scaduto – Mera irregolarità – Regolarizzazione. TAR CAMPANIA, Salerno – 3 agosto 2018

* PROCESSO AMMINISTRATIVO – Processo amministrativo telematico – Deposito – Ultimo giorno utile – Termine delle ore 12.00 – Termine di garanzia del contraddittorio e della corretta organizzazione del lavoro del collegio giudicante – APPALTI – Integrazione del DGUE – Documento redatto in forma analogica, sottoscritto e corredato da copia della carta di identità e trasformato in pdf – Conformità al disposto degli artt. 38, cc. 1, 2 e 47 e c. 1 d.P.R. n. 445/2000 e 65, c. 1 lett. c) d.lgs. n. 82/2005. TAR CALABRIA, Catanzaro – 29 giugno 2018

* PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Reato di abuso d’ufficio – Responsabile dell’Ufficio Tecnico – Art. 323 c.p. – Violazione dell’art. 31 del d.P.R. 380/2001 – Modifica del piano particolareggiato – Carenza probatoria relativa al dolo specifico del reato – DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Ordinanza di demolizione emessa dal Comune ineseguita – Attivazione delle procedure di demolizione – Gare andate deserte per mancanza di offerenti – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Ricorso in cassazione sulla motivazione della sentenza di non luogo a procedere – Valutazione di effettiva consistenza del materiale probatorio posto a fondamento dell’accusa da parte del G.U.P. – Prova della colpevolezza e impossibilità di sostenere l’accusa in giudizio – Prognosi dell’inutilità del dibattimento in ordine alla completabilità degli atti di indagine sulla prova positiva dell’innocenza o mancanza di prova della colpevolezza – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 13/07/2018

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Ente locale – Distinzione tra ruolo politico e ruolo amministrativo – Attribuzioni e funzioni dei dirigenti – Funzioni di indirizzo e controllo politico-amministrativo degli organi di governo – Art. 107 d.lgs. n.267/2000 – SICUREZZA SUL LAVORO – Datore di lavoro nelle pubbliche amministrazioni – Dirigente con poteri di gestione – Funzionario non avente qualifica dirigenziale ma preposto ad un ufficio avente autonomia gestionale – Omessa o non conforme individuazione – Responsabilità del sindaco quale organo di vertice – Impianti non dotati di certificato di conformità – Art. art. 2, c.1, lett. b), e art.70, c.1, in relazione all’art. 87, c.2, lett. a) d.lgs. n. 81/2008 – Fattispecie: impianti elettrici, degli edifici scolastici non a norma. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 05/07/2018, Sentenza n.30170

* PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – ENTI LOCALI – Contabilità- Art. 162 d.lgs. n. 267/2000 – Entrate finalizzate esclusivamente a fronteggiare l’onere di spese specificamente determinate – Deroga al principio generale – Limiti – Fattispecie: comune in dissesto e destinazione di somme ex art. 6 l.r. Sicilia n. 5/2014 alla liquidazione dei debiti. TAR SICILIA, Catania – 26 luglio 2018

* RIFIUTI – Attività di recupero – Comunicazione di rinnovo – Dichiarazione di inefficacia non preceduta da diffida – Violazione dell’art. 216, c. 4 d.lgs. n. 152/2006 TAR LOMBARDIA, Milano – 16 luglio 2018

* RIFIUTI – Discarica abusiva di rifiuti – Reato estinto per prescrizione – Condanna al risarcimento del danno patito dalle costituite parti civili – DANNO AMBIENTALE – Risarcimento del danno – Condanna degli imputati in via solidale al risarcimento dei danni – Azione di regresso – Dati fattuali probatori – Art. 2043 cod. civ. – d.lg. n. 138/2002 – Artt. 256 e 300 d.lgs. n.152/06. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 13/07/2018

* RIFIUTI – Gestione rifiuti e natura personale dell’autorizzazione – Società subentrante e carenza di autorizzazione ambientale – Causa di esonero da responsabilità – Buona fede ed obbligo di acquisire informazioni circa la specifica normativa applicabile – Onere della prova – Art. 256, c.1, lett. a) d.lgs. n.152/2006 – Personalità dell’autorizzazione – Inevitabilità dell’errore – Scusabilità dell’ignoranza della legge penale – Limiti – Agente svolge una attività in uno specifico settore – Comportamento della pubblica amministrazione – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 12/07/2018

* RIFIUTI – Interdittiva antimafia – Causa impeditiva dell’iscrizione all’Albo Nazionale dei Gestori Ambientali – Traffico illecito di rifiuti – Estinzione del reato – Margini di apprezzamento della misura interdittiva in capo all’Albo – Esclusione. TAR CAMPANIA, Napoli – 11 luglio 2018

* RIFIUTI – Raccolta e trasporto abusivo di rifiuti speciali non pericolosi con mezzi propri – Assenza di autorizzazione – Condotta occasionale – Reato ha natura istantanea – Albo nazionale dei gestori ambientali – Iscrizione – Necessità – Artt. 256 d.lgs. 152/2006, in relazione all’art. 6 L. 210/2008 – Giurisprudenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Inammissibilità originaria del ricorso – Effetti – Causa di estinzione del reato intervenuta successivamente alla decisione impugnata – Preclusione. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 7^ 8/06/2018

* RIFIUTI – Regione siciliana – Comuni che non abbiano raggiunto la soglia d i raccolta differenziata del 30% – Ordinanza del pres. Regione siciliana del 7/06/2018 – Predisposizione degli atti necessari per avviare il trasporto e lo smaltimento fuori del territorio della Regione Siciliana – Sospensione dell’ordinanza con riferimento alla sola decadenza degli organi comunali. TAR SICILIA, Palermo – 25 luglio 2018

* RIFIUTI – Servizio per la gestione dei rifiuti – Artifici e raggiri durante la fase di esecuzione del contratto – Falsa attribuzione dei codici rifiuti – Alterazione dati dei rifiuti trattati – APPALTI – Condotte artificiose e violazione degli obblighi – Poteri di controllo e riduzione del prezzo – Impedimento – Rideterminazione del corrispettivo del servizio erogato – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Reato di truffa aggravata nei confronti della P.A. – Induzione ad errore – Ente – Corrispettivo del servizio erogato – Contratti ad esecuzione differita o sottoposti a condizione – Corretta esecuzione del servizio – Art. 640 cod.pen. – Sequestro preventivo per equivalente finalizzato alla confisca, disposto ex artt. 19 e 53 D.Lgs 231/01 – Determinazione – Servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti – Truffa aggravata commessa ai danni della pubblica amministrazione – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Sequestro preventivo per equivalente finalizzato alla confisca – Reato c.d. in contratto e c.d. reati contratto – Differenza – Determinazione del profitto confiscabile – Prestazioni eseguite con modalità non conformi al contratto – Art. 322 ter cod. pen.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.2^ 17/07/2018

* RIFIUTI – Sottoprodotti di origine animale (SOA) – Smaltimento e riciclaggio di carcasse e residui animale mediante incenerimento da parte di terzi – Autorizzazione ambientale integrata – INQUINAMENTO ATMOSFERICO – Lavorazione dei SOA di categoria 3 – Esalazioni maleodoranti – Reati di cui agli artt. 184, 184 bis, 185 208, 256, 269, d. lgs. 152/2006, 674, cod. pen. – SICUREZZA SUL LAVORO – Contravvenzioni in materia di sicurezza sul lavoro – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Sequestro probatorio e preventivo – Ricorso per cassazione unicamente per motivi di violazione – Sequestro emesso dopo la scadenza del termine delle indagini preliminari – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 03/07/2018

* RIFIUTI – Terre da coltivo derivanti da pulizia di materia vegetali eduli – Pomodori e barbabietole – CER attribuibile – Singolo processo di produzione – Pulizia e primo lavaggio del pomodoro – Fase preliminare rispetto alla trasformazione industriale – Art. 184, c. 2 d.lgs. n. 152/2006 TAR CAMPANIA, Salerno – 20 luglio 2018

* RIFIUTI – APPALTI – Iscrizione all’Albo Nazionale dei Gestori Ambientali – Espletamento delle procedura necessarie per il rinnovo – Imprese certificate UNI EN ISo 14001 – Autocertificazione – Gara d’appalto – Soluzione di continuità nel possesso del requisito – Inconfigurabilità – Iscrizione all’Albo nazionale dei Gestori Ambientali – Termine per la presentazione della domanda di rinnovo – Art. 22 D.M. 120/2014 – Natura ordinatoria. TAR PUGLIA, Lecce – 23 luglio 2018

RIFIUTI – Art. 1, c. 1 l.r. Basilicata n. 19/2016 – Sospensione dei provvedimenti di rilascio di nuove autorizzazioni per la realizzazione di impianti di smaltimento e/o recupero sino all’approvazione del Piano regionale di gestione dei rifiuti – Questione di legittimità costituzionale – Infondatezza. CORTE COSTITUZIONALE – 11 luglio 2018, n. 151

RIFIUTI – Attività di raccolta e trasporto di rifiuti speciali pericolosi (batterie esauste) – Assenza di valido titolo abilitativo – Natura di reato istantaneo – Art. 256, comma 1 d.lgs. 152/06 – Disciplina emergenziale ed occasionalità della condotta – Art. 6, lett. d), c.1 e 2 L. 2010/2008. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 10/07/2018, Sentenza n.31390

RIFIUTI – Classificazione dei rifiuti – L’analisi disposta dal giudice non è sempre necessaria – INQUINAMENTO DEL SUOLO – Sversamento incontrollato al suolo di rifiuti pericolosi – Reflui provenienti da impianto fognario civile – Osservazione diretta degli operanti di P.G. – Art. 256, comma 1, lettera B), d. lgs. 152/2006 – Giurisprudenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Chiusura della fase istruttoria senza che sia stata assunta una prova in precedenza ammessa con acquiescenza delle parti. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 06/07/2018, Sentenza n.30626

RIFIUTI – Discarica abusiva e smaltimento di rifiuti commessi da terzi – Responsabilità proprietario dell’area – Attribuibilità del fatto di reato in presenza di condotta di partecipazione agevolatrice – Art. 256 d. lgs. n.152/2006 – Giurisprudenza – Fattispecie: gestione di rifiuti speciali provenienti da demolizione senza autorizzazione – Attività di gestione, raccolta, trasporto e stoccaggio – Assenza di titolo abilitativo – Natura di reato comune e non di reato proprio – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Entità della pena irrogata e obbligo della motivazione – Espressioni del tipo “pena congrua”, “pena equa” o “congruo aumento” – Misura della pena irrogata applicata in misura inferiore alla mediana – Art. 133 cod. pen.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 09/07/2018, Sentenza n.30905

RIFIUTI – Discariche di rifiuti – Discariche preesistenti – Decisione definitiva sul proseguimento o meno delle operazioni – Procedura di chiusura – Sentenza della Corte che constata un inadempimento – Mancata esecuzione – Articolo 260, paragrafo 2, TFUE – Sanzioni pecuniarie – Penalità e somma forfettaria – Inadempimento di uno Stato – Ambiente – Direttiva 1999/31/CE. CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 4^, 4 luglio 2018 Sentenza C-626/16

RIFIUTI – Ecopiazzole o isole ecologiche – Definizione legislativa nel codice ambientale – Centri comunali di raccolta differenziata dei rifiuti urbani – Gestione di rifiuti non autorizzata – Fattispecie: attività di trasporto, miscelazione e abbandonando sul suolo rifiuti e attivazione di uno scarico di acque reflue industriali in assenza di autorizzazione – Art. 183 lett. mm), e 256 d.lgs. n.152/2006. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 10/07/2018, Sentenza n.31403

* RIFIUTI – Esclusione della tipicità del fatto – Nozione di “condotta assolutamente occasionale” – Rilevanza della “assoluta occasionalità” – Rilievi giurisprudenziali – Presupposti e condotta ai fini della configurabilità del reato previsto dall’art. 256, c.1, lett. a) d.lgs. n. 152/2006 – Valutazione probatoria rimessa al giudice del merito – Nozione di rifiuto – Configurabilità del reato – Onere probatorio dei dati fattuali – Valutazione esclusiva del giudice del merito – Art. 183, comma 1, lett. a) d.lgs. n. 152/2006. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 13/07/2018

RIFIUTI – Gestione dei rifiuti – Condotta sanzionata dall’art. 256, c.1, d.lgs. 152/06 – Assenza del titolo abilitativo – Natura di reato istantaneo – Assenza di assoluta occasionalità – Presupposti – Particolare tenuità del fatto – Applicabilità e limiti – Art. 131-bis cod. pen. – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Giurisprudenza sul tema della abitualità del comportamento rilevante ai fini dell’applicabilità dell’art. 131-bis cod. pen. – Atti contenuti nel fascicolo del P.M. ed acquisiti sull’accordo delle parti al fascicolo per il dibattimento – Dichiarazioni spontanee rese alla polizia giudiziaria – Inutilizzabilità cd. “patologica” – Assunzione “contra legem”.CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 10/07/2018, Sentenza n.31395

RIFIUTI – Gestione di categorie particolari di rifiuti – Rifiuti di amianto – Raccordo della disciplina ordinaria con le discipline speciali – Sussistenza delle condizioni di legge – Onere della prova – Assenza di esecuzione di prove sul coefficiente di dispersione delle fibra – Artt. 183, 227, 256 e 265 d. Lgs. 152/2006 – Definizione di rifiuto – Eterogeneità dei rifiuti – Deposito incontrollato – SICUREZZA SUL LAVORO – Presidi di sicurezza in materia di rifiuti pericolosi contenenti amianto – Abbandono dei rifiuti – Accorgimento tecnico-preventivo – Esclusione della configurabilità del deposito temporaneo – D.M. 29/07/2004, n. 248, D.M. Sanità 6/09/1994, D.M. Sanità 26/10/1995 e D.M. Sanità 20/08/1999. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 10/07/2018, Sentenza n.31398

RIFIUTI – Materiali di dragaggio – Impianto di recupero di fanghi – Tracciabilità del rifiuto – Necessità – Mancata verifica degli specifici adempimenti – Test di cessione – Concentrazioni soglia di contaminazione (Csc) – Artt. 184-ter, 184-quater, 208, 256 d. lgs. n.152/2006 – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^ 02/07/2018, Sentenza n.29652

* RIFIUTI – Qualificazione giuridica di un rifiuto come pericoloso – Criteri – Carattere della pericolosità – Preventiva analisi da parte dell’ARPA – Esclusione – Codice CER Fattispecie: accertamento da parte della polizia giudiziaria – Conferimenti abusivi – Accettazione e ricezione di rifiuti in violazione delle prescrizioni autorizzative e dei requisiti d’ammissibilità – Responsabilità del gestore della discarica – Gestione di discarica abusiva o irregolare nella fase post-operativa – Permanenza del reato – Disponibilità dell’area il gestore – Momento della cessazione della permanenza – Art. 256, co. 3, d. lgs. n. 152 del 2006 – Giurisprudenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Ricorso per cassazione e vizio di travisamento della prova – Ricorso per cassazione e rilettura degli elementi di fatto posti a fondamento della decisione – Preclusione – Ricorso per cassazione e vizio di “travisamento della prova” – Ricorso per cassazione e aspecificità dei motivi. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 04/07/2018

* RIFIUTI – Terra e rocce da scavo di provenienza da altro cantiere – Conferimento in discarica di rifiuti non pericolosi – Assenza della documentazione autorizzativa dello scarico nel cantiere di arrivo – Formulario di identificazione per trasporto rifiuti su strada – Art.256, c.1, lett. a) d.lgs. n. 152/2006 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Ricorso in cassazione e conversione della impugnazione – Principio di conservazione degli atti – Requisiti di sostanza e forma stabiliti ai fini della impugnazione che avrebbe dovuto essere proposta – Art. 568, comma 5, cod. proc.pen.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 04/06/2018

QuotidianoLegale

 

ACQUA: Allaccio abusivo e violazione delle modalità stabilite dall’Ente.

SALUTE: Pericoloso il tappo antirabbocco delle confezioni di olio extravergine.

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: Reato di truffa aggravata nei confronti della P.A..

Imballaggi primari e secondari: attività di riciclaggio dei rifiuti svolta da Conai.

URBANISTICA: Nozione legislativa di opera precaria.

PENALE: subordine della sospensione condizionale alla demolizione delle opere abusive.

Listeriosi e contaminazione alimentare: quali difese per il consumatore? Tommaso Rossi

RIFIUTI: Fibre d’amianto, demolizione e sicurezza.

Il Governo, con il decreto legge “Proroga di termini”, interviene sul rinnovo degli organi delle Province. Carlo Rapicavoli

PROROGA TERMINI previsti da disposizioni legislative.

Il Made Green in Italy: l’impronta ambientale dei prodotti italiani. Tommaso Rossi

PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO: Accesso civico generalizzato.

La sentenza n. 168/2018 della Corte Costituzionale dichiara l’illegittimità della Legge Regionale Siciliana n. 17/2017 su Province e Città Metropolitane. Prime osservazioni critiche. Carlo Rapicavoli

Brexit e tutela della proprietà intellettuale in Dogana. Tommaso Rossi

RIORDINO DELLE FUNZIONI DI GOVERNO.

REGIONE VENETO: Inquinamento da rifiuti chimici pericolosi.

URBANISTICA: Pergotenda nozione e regime urbanistico.

Per abbonamenti alla rivista AmbienteDiritto.it: http://www.ambientediritto.it/home/abbonamenti

 


NEWSLETTER
di AmbienteDiritto.it (Testata Reg. presso il Tribunale di Patti Reg. n. 197 del 19 luglio 2006 – ISSN 1974-9562). Direttore responsabile: Fulvio Conti Guglia. Direzione e redazione: AmbienteDiritto.it, Via Filangeri, 19 – 98078 Tortorici ME – Tel +39 0941421391 – Fax +39 1782724258 – Gsm +39 3383702058 – info@ambientediritto.it – Le novita’ sono consultabili su Internet all’indirizzo: http://www.AmbienteDiritto.it

Pubblicita’ su questa news letter o sul sito AmbienteDiritto.it:marketing@ambientediritto.it


Se non vuoi piu’ ricevere questa newsletter, this link

Per aggiornare i tuoi dati e per cancellare la tua iscrizione visita this link

Inoltra il messaggio a un amico this link


Reg. 2016/679/UE (GDPR)

Si ricorda che, ai sensi del nuovo Regolamento UE 2016/679 in materia di protezione dei dati personali (GDPR), si possono, autonomamente, modificare le proprie preferenze sulla iscrizione o cancellazione in qualsiasi momento, semplicemente cliccando sugli appositi link presenti nella newsletter a piè pagina o dall’indirizzo Web da cui è stata effettuata l’iscrizione. Oppure, inviando una mail a: info (at) ambientediritto .it