Martedì 17 settembre 2013 una data da tenere a mente, nella mattinata alle 4 la rotazione della Concordia è conclusa, il relitto è tornato in asse. Il capo della Protezione civile Franco Gabrielli lo ha comunicato ‘al mondo’ insieme ai responsabili del progetto per la Costa, Franco Porcellacchia, e per il consorzio Micoperi, Sergio Girotto.

Poco dopo la rotazion Nick Sloane insieme al suo team è sbarcato sull’isola, l’uomo chiave che ha diretto le operazioni di rotazione della Concordia, gestendole da una control room galleggiante a pochi metri dal relitto. “Provo sollievo e sono orgoglioso, così come il mio team – ha detto appena varcate le transenne del porto – e sono un po’ stanco, mi vado a fare una birra e vado a dormire. “Ci sono molti danni sulla nave e bisogna fare un censimento”.

Sembra che non ci siano componenti inquinanti di particolare rilievo, dichiara il capo della Protezione Civile, rassicurando in particolare sull’assenza di sversamenti in mare: “L’acqua è limpida”.

naufragio