DECRETO 2/07/2012. PATROCINIO A SPESE DELLO STATO. Aggiornato il limiti di reddito.
  • DECRETO-LEGGE 15 maggio 2012, n. 59: Disposizioni urgenti per il riordino della protezione civile.
  • Il futuro delle autonomie tra scandali e inchieste sui costi della politica regionale
  • " /> DECRETO 2/07/2012. PATROCINIO A SPESE DELLO STATO. Aggiornato il limiti di reddito.
  • DECRETO-LEGGE 15 maggio 2012, n. 59: Disposizioni urgenti per il riordino della protezione civile.
  • Il futuro delle autonomie tra scandali e inchieste sui costi della politica regionale
  • "/>
    You Are Here: Home » Normativa » Nazionale » Fermo pesca arriva il decreto: misura necessaria per il futuro dei nostri mari.

    Fermo pesca arriva il decreto: misura necessaria per il futuro dei nostri mari.

    Fermo pesca arriva il decreto: misura necessaria per il futuro dei nostri mari.

    Firmato il decreto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali che stabilisce i periodi per l’arresto temporaneo della attività di pesca per il 2013.

    “Attraverso successivi provvedimenti saranno determinati i criteri e le modalità di erogazione degli aiuti alle imprese di pesca che effettuano l’interruzione temporanea obbligatoria”.

    Per il “fermo pesca” del 2013 sono previsti i seguenti periodi di interruzione dell’attività:

    – dal compartimento marittimo di Trieste al compartimento marittimo di Rimini: dal 22 luglio al 1° settembre (42 giorni);

    – dal compartimento marittimo di Pesaro al compartimento marittimo di Bari: dal 5 agosto al 15 settembre (42 giorni);

    – dal compartimento marittimo di Brindisi al compartimento marittimo di Imperia: dal 30 settembre al 29 ottobre (30 giorni);

    – imbarcazioni facenti base logistico-operativa nel Porto di Pescara dal 5 agosto al 3 settembre (30 giorni);

    – per le unità da pesca iscritte nei compartimenti marittimi della regione Sardegna e della regione Sicilia, il fermo ha durata di almeno trenta giorni consecutivi, nel rispetto dei periodi di cui ai piani di gestione, la cui decorrenza è disposta con provvedimento regionale.

    La Regione Abruzzo, in relazione alle problematiche connesse all’insabbiamento del Porto di Pescara che hanno determinato l’impossibilità di esercitare l’attività di pesca a partire da luglio 2012, ha chiesto la possibilità di derogare all’imminente Fermo Biologico 2013 per le imbarcazioni della Marineria di Pescara.

    Il fermo biologico è diventata una misura necessaria per garantire il futuro della pesca nel Mediterraneo diretta alla tutela delle risorse dei nostri mari, con l’obiettivo della conservazione degli stock ittici e dell’ecosistema marino anche per le generazioni che verranno.

    QR Code – Take this post Mobile!
    Use this unique QR (Quick Response) code with your smart device. The code will save the url of this webpage to the device for mobile sharing and storage.

    Info sul autore

    Articoli Scritti : 1022

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1