AMBIENTE: La Commissione deferisce nuovamente l’Italia alla Corte di giustizia e propone sanzioni.
  • I chiarimenti della Corte di Giustizia UE sulle limitazioni alla coltivazione di OGM
  • CORTE DI GIUSTIZIA UE: Zucchero – Calcolo del contributo alla produzione.
  • " /> AMBIENTE: La Commissione deferisce nuovamente l’Italia alla Corte di giustizia e propone sanzioni.
  • I chiarimenti della Corte di Giustizia UE sulle limitazioni alla coltivazione di OGM
  • CORTE DI GIUSTIZIA UE: Zucchero – Calcolo del contributo alla produzione.
  • "/>
    You Are Here: Home » Enti Locali e P.A. » Infrazioni: rifiuti, la Commissione deferisce l’Italia alla Corte di giustizia UE.

    Infrazioni: rifiuti, la Commissione deferisce l’Italia alla Corte di giustizia UE.

    Infrazioni: rifiuti, la Commissione deferisce l’Italia alla Corte di giustizia UE.

    Infrazioni: rifiuti, la Commissione deferisce l’Italia alla Corte per non aver bonificato o chiuso 44 discariche

    La Commissione europea ha deciso di deferire l’Italia alla Corte di giustizia dell’UE per la mancata bonifica o chiusura di 44 discariche che costituiscono un grave rischio per la salute umana e l’ambiente.

    Malgrado i precedenti ammonimenti della Commissione, l’Italia ha omesso di adottare misure per bonificare o chiudere 44 discariche non conformi, come prescritto dall’articolo 14 della direttiva relativa alle discariche di rifiuti (direttiva 1999/31/CE del Consiglio). Come altri Stati membri, l’Italia era tenuta a bonificare entro il 16 luglio 2009 le discariche che avevano ottenuto un’autorizzazione o che erano già in funzione prima del 16 luglio 2001 (“discariche esistenti”), adeguandole alle norme di sicurezza stabilite in tale direttiva oppure a chiuderle.

    Considerata l’insufficienza dei progressi in quest’ambito, la Commissione ha trasmesso un parere motivato supplementare nel giugno 2015, nel quale si esortava l’Italia a trattare adeguatamente 50 siti che rappresentavano ancora una minaccia per la salute e l’ambiente. Nonostante alcuni progressi, nel maggio 2017 non erano ancora state adottate le misure necessarie per adeguare o chiudere 44 discariche. Nell’intento di accelerare il processo la Commissione ha deciso di deferire l’Italia alla Corte di giustizia dell’Unione europea.

    Contesto

    A norma del diritto dell’UE, gli Stati membri sono tenuti a recuperare e smaltire i rifiuti in modo tale da non mettere in pericolo la salute umana e l’ambiente, vietando l’abbandono, lo scarico e lo smaltimento incontrollato dei rifiuti. In Europa si dovrebbero svolgere solo attività di discarica sicure e controllate. La direttiva sulle discariche (direttiva 1999/31/CE del Consiglio) stabilisce norme per proteggere la salute umana e l’ambiente, in particolare le acque superficiali, le acque freatiche, il suolo e l’atmosfera dagli effetti negativi della raccolta, del trasporto, del deposito, del trattamento e dello smaltimento e mira a prevenire o a ridurre il più possibile le ripercussioni negative delle discariche di rifiuti, durante l’intero ciclo di vita della discarica.

    Esistono molti modi per smaltire i rifiuti. L’interramento nel suolo, ossia nella discarica, è il modo meno sostenibile dal punto di vista ambientale e dovrebbe essere limitato al minimo assoluto.

    Questa causa fa parte di un esercizio orizzontale che interessa altri sei Stati membri: Bulgaria, Cipro, Spagna, Romania, Slovenia e Slovacchia. La Corte ha già pronunciato sentenze di condanna nei confronti di Bulgaria, Cipro e Spagna.

    Per ulteriori informazioni

    – Informazioni generali sui procedimenti di infrazione in materia di ambiente.

    – Sull’attuazione delle politiche ambientali dell’UE e delle leggi negli Stati membri, si veda il riesame dell’attuazione delle norme ambientali.

    – Sulle decisioni principali del pacchetto infrazioni di maggio 2017, si veda il MEMO/17/1280 (integrale).

    – Sul pacchetto infrazioni di maggio 2017 (solo lettere di costituzione in mora), si veda il MEMO/17/1281.

    – Informazioni generali sulle procedure d’infrazione, MEMO/12/12 e infografica;

    – Informazioni generali sulla procedura d’infrazione dell’UE.

    QR Code – Take this post Mobile!
    Use this unique QR (Quick Response) code with your smart device. The code will save the url of this webpage to the device for mobile sharing and storage.

    Info sul autore

    Articoli Scritti : 1007

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1