GREENPEACE – PER SALVARE L’AMAZZONIA
  • Commercio legno illegale: Italia ancora fanalino di coda per applicazione del Regolamento Europeo
  • Investimenti nella trasformazione e nella commercializzazione di prodotti agricoli. Regime di aiuto con finalità regionale
  • " /> GREENPEACE – PER SALVARE L’AMAZZONIA
  • Commercio legno illegale: Italia ancora fanalino di coda per applicazione del Regolamento Europeo
  • Investimenti nella trasformazione e nella commercializzazione di prodotti agricoli. Regime di aiuto con finalità regionale
  • "/>
    You Are Here: Home » Notizie » UN’ALTRA VITTIMA NELLA LOTTA CONTRO LA DEFORESTAZIONE IN AMAZZONIA.

    UN’ALTRA VITTIMA NELLA LOTTA CONTRO LA DEFORESTAZIONE IN AMAZZONIA.

    UN’ALTRA VITTIMA NELLA LOTTA CONTRO LA DEFORESTAZIONE IN AMAZZONIA.

    Ancora morte in Amazzonia: domenica scorsa è stato assassinato Eusébio, uno dei leader degli indigeni Ka’apor dell’Alto Turiaçu, nello stato brasiliano del Maranhão. Non è la prima volta che i Ka’apor denunciano alle autorità di aver ricevuto minacce dalle imprese responsabili della deforestazione.

    Dal 2008, se non prima, chiedono interventi contro il taglio illegale, ma sono state condotte solo sporadiche operazioni e non appena gli ispettori se ne sono andati l’attività criminale è ripresa. A partire dal 2013, stanchi di aspettare l’intervento del governo, i Ka’apor hanno iniziato un monitoraggio indipendente delle foreste, cacciando le aziende coinvolte nel taglio illegale, ottenendo in cambio rappresaglie, minacce e persecuzioni.

    “I Ka’apor cercano di difendere il loro territorio, ma sono soli, senza sostegno da parte del governo, che dovrebbe impegnarsi invece a far rispettare la legge” afferma Madalena Borges, del Consiglio Missionario Indigeno di Maranhão.

    L’industria del legname in Amazzonia è fuori controllo, come Greenpeace ha denunciato più volte. “Quello che incoraggia le imprese a rubare il legname dalle terre indigene è il fatto che la refurtiva possa facilmente essere spacciata per prodotto legale e venduta, anche sul mercato internazionale, senza problemi. Questo genera conflitti sociali e talvolta persino omicidi” commenta Chiara Campione, campagna foreste di Greenpeace Italia.

    La terra indigena dell’Alto Turiaçu, ad esempio, nonostante gli sforzi di chi vi abita per proteggerla, ha perso dal 2012 ad oggi 44 mila ettari di foreste (8 per cento dell’area) ed è la quinta zona indigena più colpita dalla deforestazione in Amazzonia.

    Leggi il rapporto “Allarme Amazzonia”: http://www.greenpeace.org/italy/it/ufficiostampa/rapporti/Allarme-Amazzonia-notti-di-terrore-per-le-foreste/

    Info sul autore

    Articoli Scritti : 863

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1