Rifiuti-Tares rinvio a luglio della prima rata. Imprese d’igiene ambientale a rischio default?
  • Rifiuti TARES: Rischio raccolta bloccata, sarà emergenza rifiuti in tutta Italia.
  • TARES: Tassa sui rifiuti differita al 1° luglio 2013.
  • " /> Rifiuti-Tares rinvio a luglio della prima rata. Imprese d’igiene ambientale a rischio default?
  • Rifiuti TARES: Rischio raccolta bloccata, sarà emergenza rifiuti in tutta Italia.
  • TARES: Tassa sui rifiuti differita al 1° luglio 2013.
  • "/>
    You Are Here: Home » Notizie » TASSE 5 miliardi di rincari in arrivo: Imu, Iva, Tares…

    TASSE 5 miliardi di rincari in arrivo: Imu, Iva, Tares…

    Per le aziende italiane non c’è mai pace, oltre la gravissima crisi in atto, sono in arrivo le “previste nuove” tasse contenute nella legge di stabilità e nella manovra “salva-Italia” (Imu, Iva e Tares).

    Un pacchetto di misure calcolato in circa 5 miliardi nel 2013, metterà l’Italia in ginocchio. Attraverso l’imu reinventata e l’aliquota ordinaria dell’Iva che passerà dal 21 al 22 per cento dal 1° luglio. Mentre la Tares su rifiuti e servizi costerà a cittadini e aziende un miliardo in più rispetto a Tarsu e Tia.

    Senza il peso del fisco le imprese italiane di medie dimensioni sarebbero solide come quelle tedesche. E’ uno degli elementi che emerge dall’indagine Confindustria, R&S Mediobanca e Unioncamere sulle imprese europee. Basterebbe una tassazione più favorevole, pari a quella della grandi aziende, per portarle al primo posto in Europa per solidità patrimoniale dall’ultimo in cui si trovano. Ma lo Stato italiano con tutti i suoi sprechi resta il socio maggioritario (il 65-78% delle entrate sono “requisite” dalle Tasse statali, regionali e locali), adesso sembra arrivato il momento di cambiare.

    QR Code – Take this post Mobile!
    Use this unique QR (Quick Response) code with your smart device. The code will save the url of this webpage to the device for mobile sharing and storage.

    Info sul autore

    Articoli Scritti : 989

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1