Tassazione degli organismi di investimento collettivo. Quote e azioni viaggiano nella UE con il passaporto del gestore.
  • Imposta di registro: Online tutte le regole per la tassazione degli atti notarili.
  • L’Imu cancella l’Irpef sui redditi fondiari degli immobili non locati.
  • " /> Tassazione degli organismi di investimento collettivo. Quote e azioni viaggiano nella UE con il passaporto del gestore.
  • Imposta di registro: Online tutte le regole per la tassazione degli atti notarili.
  • L’Imu cancella l’Irpef sui redditi fondiari degli immobili non locati.
  • "/>
    You Are Here: Home » Dottrina » Diritto Tributario » Tassazione dei redditi di natura finanziaria, nuove aliquote.

    Tassazione dei redditi di natura finanziaria, nuove aliquote.

    Tassazione dei redditi di natura finanziaria, nuove aliquote.

    Con la circolare n. 19/E, l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti sulle misure previste dagli articoli 3 e 4 del Dl n. 66 del 2014, che ha modificato l’aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria, a partire dal 1° luglio 2014.

    Il documento di prassi affronta gli effetti della nuova disciplina in tutti gli ambiti di applicazione fornendo istruzioni ed esempi.
    – Conti correnti, depositi bancari e postali, obbligazioni

    L’aliquota di tassazione passa dal 20% al 26% sugli interessi e altri proventi di conti correnti, depositi bancari e postali, maturati dal 1° luglio 2014. La nuova misura è valida anche per i redditi derivanti da obbligazioni, titoli simili e cambiali finanziarie previste dall’articolo 26 del Dpr n. 600 del 1973 e sugli interessi, premi e altri proventi derivanti dalle obbligazioni, indicate nell’articolo 2, comma 1 del Dlgs n. 239 del 1996, maturati a partire dal 1° luglio 2014, indipendentemente dalla data di emissione dei titoli.
    – Redditi finanziari

    Inoltre, dal 1° luglio 2014, l’aliquota di tassazio ne passa al 26% anche per i redditi diversi di natura finanziaria, con esclusione delle plusvalenze relative a partecipazioni qualificate indicate dalla lettera c) dell’articolo 67 del Tuir.

    Al fine di evitare che l’aumento dell’aliquota incida sui redditi maturati antecedentemente al 1° luglio 2014, è prevista la possibilità di affrancare il costo o il valore di acquisto delle attività finanziarie possedute al 30 giugno 2014, con il versamento di un’imposta sostitutiva del 20% sulle plusvalenze latenti.
    – Deroghe

    Rimane confermata l’aliquota del 12,5% per i titoli pubblici italiani (cometitoli del debito pubblico, Boc, Bor, Bop, buoni fruttiferi postali emessi dalla Cassa Depositi e Prestiti) e titoli equiparati, emessi da organismi internazionali, nonché per le obbligazioni emesse da Stati esteri white list e da loro enti territoriali. Per questi ultimi, l’aliquota di tassazione passa dal 20% al 12,5%, con riferimento agli interessi e ad altri proventi maturati a partire dal 1° luglio 2014 e al le plusvalenze derivanti dalla loro cessione o rimborso realizzate dalla stessa data.
    – Ritenuta su redditi da investimenti e attività estere

    Il documento di prassi si sofferma sull’abrogazione della ritenuta del 20%, prevista dal Dl n. 66 del 2014, che esplica effetti ai fini dell’esonero dall’obbligo di compilazione del quadro RW da parte dei contribuenti e di segnalazione da parte degli intermediari.

     

    QR Code – Take this post Mobile!
    Use this unique QR (Quick Response) code with your smart device. The code will save the url of this webpage to the device for mobile sharing and storage.

    Info sul autore

    Articoli Scritti : 1022

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1