You Are Here: Home » Posts tagged "accertamento"

TRIBUTARIO: Se il contribuente non vigila sul professionista risponde per le inadempienze.

Il contribuente che non vigila adeguatamente sul corretto adempimento dell'incarico affidato al professionista, risponde anche delle sanzioni amministrative irrigate. Decisione: Sentenza n. 6930/2017 Cassazione Civile - Sezione V Classificazione: Tributario   Il caso. L'Agenzia delle Entrate notificava a un contribuente 4 avvisi di accertamento, dei quali 3 per omessa dichiarazione dei redditi, e uno p ...

Read more

TRIBUTARIO: Accertamenti IVA, obbligo di contraddittorio preventivo.

Quando l'accertamento riguarda l'IVA (e, in generale, i tributi armonizzati disciplinati dal diritto dell'Unione Europea), per l'Ufficio sussiste l'obbligo di svolgere il contraddittorio preventivo, pena l'invalidità dell'atto di accertamento purché nel giudizio contenzioso tributario il contribuente assolva l'onere di enunciare le ragioni (non meramente pretestuose) che avrebbe potuto far valere se il cont ...

Read more

TRIBUTARIO: accertamento analitico-induttivo, l’ufficio non può prescindere dai dati contabili.

A differenza del metodo induttivo puro, con il metodo analitico extra-contabile ex art. 39, comma 1, del D.P.R. n. 600/1973, l'Ufficio può solo procedere a un completamento dei dati contabili ricorrendo a presunzioni semplici. Decisione: Sentenza n. 20132/2016 Cassazione Civile - Sezione V Classificazione: Tributario   Il caso. L'Agenzia delle Entrate ricorreva in Cassazione avverso la sentenza della C ...

Read more

TRIBUTARIO: Non bastano i soli controlli bancari per giustificare l’accertamento nei confronti dei professionisti.

  La presunzione che pone, quali ricavi, i prelievi e i versamenti bancari non contabilizzati si riferisce ai soli imprenditori e non ai lavoratori autonomi o ai professionisti intellettuali, essendo venuta meno la modifica normativa a seguito della sentenza n. 228/2014 della Corte Costituzionale. Decisione: Sentenza n. 12779/2016 Cassazione Civile - Sezione V   Classificazione: Tributario Il caso ...

Read more

Accertamento emesso prima dei 60 gg. illegittimo anche se scadono i termini di decadenza

La scadenza imminente dei termini di decadenza per l'azione di accertamento non è un motivo di urgenza che giustifica una deroga al termine dilatorio previsto dall'art. 12 dello statuto del contribuente per il contraddittorio preventivo.   Decisione: Sentenza n. 7598/2016 Cassazione Civile - Sezione VI   Il caso. In seguito a ispezione della Guardia di Finanza, a un contribuente veniva notificato ...

Read more

La prova che un’operazione realizzata all’estero tramite società collegate sia reddito grava sull’Ufficio.

E' l'Agenzia delle entrate che deve dimostrare i maggiori ricavi che presume sulla base di costi di pubblicità maggiori dei ricavi generati in un Paese all'estero.   Decisione: Sentenza n. 6656/2016 Cassazione Civile - Sezione V   Il caso. L'Agenzia delle Entrate contestava a una società di non aver contabilizzato ricavi derivanti da operazioni intercorse con imprese collegate. La ripresa a tassaz ...

Read more

Mandato nel ricorso tributario nullo solo se l’incertezza è assoluta.

Il giudice di merito è tenuto ad accertare se la mancata indicazione in calce al ricorso da parte della società senza indicazione del legale rappresentante costituisca causa di incertezza assoluta. Decisione: Sentenza n. 5413/2016 Cassazione Civile - Sezione V Il caso. Una società impugnava un avviso di accertamento e il ricorso veniva accolto dalla Commissione Tributaria Provinciale. In appello, la Commiss ...

Read more

I confini del contenzioso tributario sono fissati nell’atto di accertamento.

L'Ufficio non può cambiare il presupposto della pretesa impositiva nel corso del giudizio, ma rimane vincolato a quanto originariamente fissato nell'atto di accertamento e non può porre a base della propria pretesa ragioni diverse o modificarle.   Decisione: Sentenza n. 6103/2016 Cassazione Civile - Sezione V   Il caso. L'Agenzia delle Entrate emetteva avviso di accertamento per l'anno 2003 nei co ...

Read more

Costituire un fondo patrimoniale non basta a dimostrare la frode nei confronti dell’Erario.

Non è configurabile il reato di sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte quando il restante patrimonio non conferito nel fondo patrimoniale costituito è sufficiente a coprire la pretesa erariale. Decisione: Sentenza n. 9154/2016 Cassazione Penale - Sezione III Il caso. A una SPA a ristretta base azionaria erano stati notificati due avvisi di accertamento, il primo definito in sede di conciliazione, e ...

Read more

DICHIARAZIONE FRAUDOLENTA: fatture di acquisto emesse in regime di non imponibilità IVA inconfigurabilità del reato.

Per gli acquisti IVA non imponibili non configurabile il reato di dichiarazione fraudolenta L'uso improprio del regime previsto dall'art. 8 bis del D.P.R. n. 633/1972 può rilevare in sede tributaria, ma non attribuisce rilevanza penale per il delitto di dichiarazione fraudolenta perché non vi è stata alcuna attività posta in essere per ostacolare l'accertamento, né indicazione nella dichiarazione IVA di un ...

Read more

Accertamento sintetico dei redditi a persone fisiche e prova dei redditi esenti.

Il caso.   Un contribuente vedeva rideterminato il suo reddito secondo le presunzioni del vecchio redditometro, e nei due giudizi di merito veniva confermata la pretesa tributaria perché non era stata fornita la prova contraria in maniera ritenuta sufficiente. Il contribuente ricorreva quindi in Cassazione, la quale ha accolto il ricorso e ha cassato la decisione di secondo grado, con rinvio per nuova ...

Read more

© AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

Torna in cima
UA-31664323-1