Lavoro: Responsabile della sicurezza, compiti e responsabilità.
  • Oneri sociali e costo del lavoro
  • CORTE DEI CONTI: Depositata la relazione 2012 sul COSTO DEL LAVORO PUBBLICO (art.60 d.l.vo n.165/2001)
  • " /> Lavoro: Responsabile della sicurezza, compiti e responsabilità.
  • Oneri sociali e costo del lavoro
  • CORTE DEI CONTI: Depositata la relazione 2012 sul COSTO DEL LAVORO PUBBLICO (art.60 d.l.vo n.165/2001)
  • "/>
    You Are Here: Home » Dottrina » Diritto del Lavoro » Riforma del mercato del lavoro: ecco come la vede il Governo.

    Riforma del mercato del lavoro: ecco come la vede il Governo.

    Riforma del mercato del lavoro: ecco come la vede il Governo.

    Il Parlamento italiano ha approvato la riforma del mercato del lavoro che dovrebbe porre le basi per una maggiore produttività, crescita economica e occupazionale, almeno si spera.

    “La riforma – si legge nel comunicato stampa diramato dal governo – crea un mercato del lavoro più flessibile  meno segmentato, in particolare, grazie

    Fornero Monti Riforma mercato del lavoro

    Fornero e Monti – Riforma mercato del lavoro

    all’introduzione di un sistema di assicurazione contro la disoccupazione, che fornisce supporto anche a quelli più interessati dalla maggiore flessibilità. Esso consente alle imprese di far fronte a temporanee sviluppi negativi congiunturali taglio di ore lavorate invece di spargimento del lavoro, preservando così prezioso capitale umano. La riforma è completata da politiche attive del mercato del lavoro per aiutare i giovani nel loro primo lavoro e assistere coloro che temporaneamente disoccupati a trovare un altro lavoro rapidamente. L’attuazione e l’impatto della riforma sarà attentamente e regolarmente monitorati, anche al fine di adottare misure supplementari se e quando necessario. L’utilizzo di contratti temporanei è facilitato dalla riduzione della burocrazia, consentendo alle aziende di affrontare meglio gli andamenti ciclici. Una persona occupata e addestrati per un periodo di tempo adeguato è, tuttavia, dovrebbe essere offerto un contratto a tempo indeterminato.

    Contratti a tempo indeterminato sono generalmente resi più attraente per i datori di lavoro. In primo luogo, ampliando la portata per l’assunzione con contratti di apprendistato, dando maggiori opportunità di schermo e formare i lavoratori giovani. In un paese come l’Italia, che è la seconda nazione manifatturiera dell’Unione europea dopo la Germania, tali contratti deve diventare la porta principale di ingresso nel mercato del lavoro. In secondo luogo, lo standard open-end contratto diviene più flessibile, in quanto sarà più facile per i datori di lavoro di adeguare la propria forza lavoro in risposta alle loro esigenze specifiche.

    La riforma introduce una veloce, obbligatoria, out-of-court la procedura di regolamento a livello locale a gestire licenziamenti contestati per ragioni obiettive, economici o di altro. Se la conciliazione non riesce, il lavoratore può ovviamente portare il caso a un giudice, come in Francia, Germania o altri paesi. Solo quando le ragioni oggettive economiche o di altro tipo di licenziamento sono stati trovati ‘manifestamente inesistente’, sarà un giudice in grado di decidere per il ripristino, più un compenso massimo di 12 mesi i salari, che dovrebbe avvenire solo in casi estremi. Prima che ci fosse alcun limite alla compensazione finanziaria. In tutti gli altri casi in cui un giudice accerti che il licenziamento non è semplicemente economica è stata giustificata, l’indennizzo sarà limitato a 24 salari mensili. Anche in questo caso non vi era alcun limite prima.

    L’introduzione di tappi di compensazione ha lo scopo di spingere le parti in un insediamento piuttosto che prendere il caso alla Corte. Inoltre, le imprese non saranno più soggetti ad alcuna sanzione amministrativa per i pagamenti degli arretrati contributi sociali.

    La riforma mira inoltre a contenere l’abuso di ‘Partite IVA’ o falso lavoro autonomo, come una persona che lavora per più di sei mesi in una società da cui deriva la maggior parte del suo fatturato dovrebbe essere – con la esclusione di prestatori di servizi professionali – un dipendente di tale società fino a prova contraria.

    Questi aspetti della riforma ridurrà il dualismo del mercato, che era ingiusto e un fattore determinante potenziale di evoluzione della produttività più deboli, nonché abusi e elusione fiscale. Ma conserva e valorizza l’elevato grado di flessibilità del mercato del lavoro, che è essenziale in un ambiente competitivo e innovativo esterna

    Una rete di sicurezza sociale coerente con un mercato del lavoro più flessibile

    La riforma prevede una prestazione universale contro la disoccupazione (Assicurazione Sociale per l’Impiego-Aspi) a cui tutte le aziende contribuiranno. Con la riforma, una frazione molto più grande della forza lavoro avrà diritto all’assicurazione contro la disoccupazione in caso di perdita di posti di lavoro, compresi i lavoratori con brevi possessi che, nel sistema attuale, sono spesso sprovvisti dei requisiti di ammissibilità. Anche se la durata delle prestazioni sarà più lungo per la maggior parte dei lavoratori (12 mesi per quelli sotto i 55, 18 mesi per i lavoratori più anziani), gli altri attualmente autorizzati a durate più lunghe, spesso utilizzati per colmare il divario tra la perdita di posti di lavoro e il pensionamento – vedrà la copertura potenziale ridotta.

    La revisione del sistema tocca anche il suo finanziamento. Mentre i contributi determinati non sarà più dovuto a causa dei relativi strumenti vengono eliminati e sostituiti da Aspi, contratti a tempo determinato stipulati per ragioni diverse la sostituzione di lavoratori stagionali o caratteristiche dell’attività economica, saranno oggetto di un ulteriore 1,4% sociale sicurezza contributo. Questo è giusto, perché contratti a tempo determinato costerà di più per la società – una persona su un contratto fisso è più probabilità di essere disoccupati e di essere sulle prestazioni di uno in un contratto a tempo indeterminato. Ciò è anche in linea con la prassi internazionale. Le aziende potranno richiedere fino a sei mesi del prelievo supplementare se il lavoratore viene dato un contratto stabile.

    All’inizio della crisi economica e finanziaria, la Banca d’Italia ha avvertito che ben 1,6 milioni i lavoratori non avrebbero diritto ad alcun sussidio di disoccupazione in caso hanno perso il loro lavoro, la copertura, per i lavoratori rimanenti, varierebbero tra 1 e 22 mesi, a seconda su una serie di elementi, quali il tipo di accordo di lavoro, appartenenza settoriale, dimensione d’impresa, anzianità presso lo studio specifico. Questa segmentazione riflette le innumerevoli interventi marginali sul sistema negli ultimi anni e, oltre ad essere ingiusto, potrebbe rallentare la mobilità dei lavoratori e generano inefficienze significative

    Politiche attive del lavoro

    Il disoccupato riceverà anche ulteriori consigli e contribuire a garantire il ritorno rapido al mercato del lavoro, nell’ambito di una politica che proteggono gli individui in contrasto con il lavoro in attesa in qualsiasi momento della loro vita lavorativa.

    La riforma, in particolare, aiuta i giovani ad acquisire le competenze necessarie per entrare nel mercato. Coloro che, giovane o più anziano, che perdono il lavoro riceverà anche di aiuto per ritrovare rapidamente nel mondo del lavoro, come parte di politiche attive del lavoro di essere messe in atto. Questo è un compito per lo Stato e le Regioni complessivamente.

    Oltre alla maggiore qualificazione dei giovani, le politiche comportano life-long learning e la formazione, una migliore valutazione delle esigenze di lavoro delle imprese; migliore rispondenza dell’offerta e della domanda e delle altre politiche attive.

    Per finanziare queste politiche lo Stato e le Regioni faranno un uso più efficiente delle risorse disponibili, nonché dei fondi europei, che vengono ri-diretti a promuovere la creazione di posti di lavoro e di lavoro più efficiente mercato del lavoro.

    Per ulteriori informazioni sulla riforma consultare il sito dell’ufficio del Primo Ministro e quello del Ministero del Lavoro”.

    Funzionerà?

    QR Code – Take this post Mobile!
    Use this unique QR (Quick Response) code with your smart device. The code will save the url of this webpage to the device for mobile sharing and storage.

    Info sul autore

    Articoli Scritti : 1022

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1