REATO DI LOTTIZZAZIONE ABUSIVA: Mutamento di destinazione d’uso e parcellizzazione dell’immobile.
  • Abusivismo: omessa accettazione della nomina di custode giudiziario prosecuzione lavori reato ex art. 349 cod. pen.
  • L’intervento di manutenzione o di ristrutturazione su un immobile abusivo configura un nuovo reato edilizio.
  • " /> REATO DI LOTTIZZAZIONE ABUSIVA: Mutamento di destinazione d’uso e parcellizzazione dell’immobile.
  • Abusivismo: omessa accettazione della nomina di custode giudiziario prosecuzione lavori reato ex art. 349 cod. pen.
  • L’intervento di manutenzione o di ristrutturazione su un immobile abusivo configura un nuovo reato edilizio.
  • "/>
    You Are Here: Home » Giurisprudenza » Rifiuti: reato di abbandono, presupposti per la configurabilità.

    Rifiuti: reato di abbandono, presupposti per la configurabilità.

    RIFIUTI – Reato di abbandono di rifiuti – Presupposti per la configurabilità – Incidenza della condotta sull’integrità dell’ambiente – Necessità – Esclusione – Fattispecie: immissione di rifiuti, allo stato solido o liquido, nelle acque superficiali e sotterranee – Artt. 192 c.1 e 2, e 256, c.2 d.lgs. n.152/2006.
    Per la configurabilità del reato di abbandono di rifiuti da parte dei titolari di imprese e responsabili di enti, art. 256, comma 2 d.lgs. n.152/06, non è necessaria alcuna incidenza della condotta sulla integrità dell’ambiente, in quanto la condotta viene sanzionata perché posta in essere in violazione del divieto di cui all’art. 192 commi 1 e 2 d.lgs. n.152/06. Detta disposizione prevede, un generale divieto di abbandono di rifiuti che può concretarsi attraverso l’abbandono sul suolo e nel suolo, il deposito incontrollato sul suolo e nel suolo e, come nel caso in esame, nell’immissione di rifiuti, allo stato solido o liquido, nelle acque superficiali e sotterranee. Inoltre, la violazione è caratterizzata proprio dall’occasionalità e discontinuità di dette attività che consentono di distinguerla dal quella, pianificata ed abituale, che connota la discarica abusiva (Cass. Sez. III n. 25463, 15/04/2004).
    CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez.3^, 8 Marzo 2013 (Ud. 22/01/2013) Sentenza n.  (conferma sentenza n. 626/2011 TRIBUNALE di AOSTA, del 09/03/2012)
    La sentenza per esteso e le altre massime su www.AmbienteDiritto.it

    QR Code – Take this post Mobile!
    Use this unique QR (Quick Response) code with your smart device. The code will save the url of this webpage to the device for mobile sharing and storage.

    Info sul autore

    Articoli Scritti : 990

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1