Umbria: Un clic per controlli sulle discariche e gestione rifiuti
  • Abusivismo: omessa accettazione della nomina di custode giudiziario prosecuzione lavori reato ex art. 349 cod. pen.
  • TARES: Tassa sui rifiuti differita al 1° luglio 2013.
  • " /> Umbria: Un clic per controlli sulle discariche e gestione rifiuti
  • Abusivismo: omessa accettazione della nomina di custode giudiziario prosecuzione lavori reato ex art. 349 cod. pen.
  • TARES: Tassa sui rifiuti differita al 1° luglio 2013.
  • "/>
    You Are Here: Home » Giurisprudenza » RIFIUTI: Gestione illecita ed omessa vigilanza del titolare di impresa.

    RIFIUTI: Gestione illecita ed omessa vigilanza del titolare di impresa.

    RIFIUTI: Gestione illecita ed omessa vigilanza del titolare di impresa.
    RIFIUTI – Gestione illecita ed omessa vigilanza del titolare di impresa – Artt. 256 c.1 lett. a) e 260  D. L.vo n. 152/06.
    Il reato di attività di gestione di rifiuti non autorizzata contenuto nell’art. 256 c.1 lett. a) D. L.vo n. 152/06, è ascrivibile (anche) al titolare dell’impresa sotto il profilo dell’omessa vigilanza sull’operato dei dipendenti che hanno posto in essere la condotta vietata (Cass., Sez. 3^ 25.5.2011 n. 23971, Graniero; idem, 18.5.2007 n. 2476, Sorce). Inoltre, si configura il reato di trasporto non autorizzato di rifiuti anche in caso di condotta occasionale in contrapposizione all’art. 260 del D.L.vo 152/06che punisce la condotta continuativa dell’attività illecita.
    (conferma ordinanza n. 287/2012 TRIB. LIBERTA’ di MILANO, del 03/12/2012 ) Pres. Gentile, Est. Grillo, Ric. Manti

    Info sul autore

    Articoli Scritti : 903

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1