Silenzio inadempimento della P.A.: responsabilità, poteri sostitutivi e comunicazione alla Corte dei Conti. La circolare n. 5/2012 chiarisce le novelle apportate dal decreto semplificazioni.
  • ABUSIVISMO EDILIZIO RESPONSABILITÀ DEL PROPRIETARIO O COMPROPRIETARIO DEL TERRENO (o della superficie).
  • Piani Cave: negli atti complessi ineguali le modifiche dell’organo che approva il piano devono essere nuovamente sottoposte all’ente che lo ha adottato.
  • " /> Silenzio inadempimento della P.A.: responsabilità, poteri sostitutivi e comunicazione alla Corte dei Conti. La circolare n. 5/2012 chiarisce le novelle apportate dal decreto semplificazioni.
  • ABUSIVISMO EDILIZIO RESPONSABILITÀ DEL PROPRIETARIO O COMPROPRIETARIO DEL TERRENO (o della superficie).
  • Piani Cave: negli atti complessi ineguali le modifiche dell’organo che approva il piano devono essere nuovamente sottoposte all’ente che lo ha adottato.
  • "/>
    You Are Here: Home » Dottrina » Diritto del Lavoro » RESPONSABILITÀ SOLIDALE PER I VERSAMENTI FISCALI NEGLI APPALTI

    RESPONSABILITÀ SOLIDALE PER I VERSAMENTI FISCALI NEGLI APPALTI

    RESPONSABILITÀ SOLIDALE PER I VERSAMENTI FISCALI NEGLI APPALTI

    Le nuove regole fiscali sulla responsabilità solidale negli appalti si applicano ai contratti stipulati a partire dal 12 agosto 2012. Si tratta della norma introdotta dall’articolo 13-ter del Dl n. 83 del 2012, che stabilisce rispettivamente per il committente e per l’appaltatore l’obbligo di verificare l’esecuzione del corretto versamento delle ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente e dell’Iva da parte dell’appaltatore o del subappaltatore.

    E’ quanto chiarisce l’Agenzia delle Entrate con la circolare 40/E, precisando, in considerazione di quanto previsto dallo Statuto del contribuente, che questi adempimenti sono richiesti solo dopo 60 giorni dall’entrata in vigore delle disposizioni di legge.

    Quando è necessario controllare la certificazione dei versamenti – La norma prevede la responsabilità dell’appaltatore e del committente per il versamento delle ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente e sul pagamento dell’Iva da parte, rispettivamente, dell’appaltatore o del subappaltatore nell’ambito del contratto, ma allo stesso tempo esclude dalla responsabilità l’appaltatore/committente che acquisisce la documentazione fiscale relativa a questi versamenti.

    Dato che gli adempimenti previsti sono esigibili solo dopo il sessantesimo giorno dall’entrata in vigore della norma, la certificazione deve essere richiesta solamente per i pagamenti fatti a partire dall’11 ottobre 2012 e esclusivamente in relazione ai contratti stipulati a partire dal 12 agosto di quest’anno.

    Valide anche le dichiarazioni sostitutive – Come afferma la norma, gli adempimenti fiscali in questione possono essere certificati dai Centri di assistenza fiscale o da un professionista abilitato. In alternativa, precisa il documento di prassi, è valida anche una dichiarazione sostitutiva ai sensi del DPR n. 445/2000, con cui l’appaltatore/subappaltatore garantisce l’adempimento degli obblighi previsti dalla legge.

    Info sul autore

    Articoli Scritti : 946

    Commenti (1)

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1