Strade, responsabilità da custodia del comune
  • EMISSIONI IN ATMOSFERA in assenza di autorizzazione e responsabilità penale.
  • ABUSIVISMO EDILIZIO RESPONSABILITÀ DEL PROPRIETARIO O COMPROPRIETARIO DEL TERRENO (o della superficie).
  • " /> Strade, responsabilità da custodia del comune
  • EMISSIONI IN ATMOSFERA in assenza di autorizzazione e responsabilità penale.
  • ABUSIVISMO EDILIZIO RESPONSABILITÀ DEL PROPRIETARIO O COMPROPRIETARIO DEL TERRENO (o della superficie).
  • "/>
    You Are Here: Home » Giurisprudenza » Responsabilità dell’imprenditore per esposizione all’amianto

    Responsabilità dell’imprenditore per esposizione all’amianto

    Responsabilità dell’imprenditore per esposizione all’amianto

    di Luca Palladini. Il proprietario di una ditta risponde di omicidio colposo per non aver adottato le misure necessarie per impedire la dissipazione delle polveri di amianto provenienti dalla fabbrica procurando, così, la morte di qualche dipendente e di alcuni residenti nella zona attigua al proprio stabilimento. In questo senso, si è espressa la Corte di Cassazione con la sentenza n. 46428 depositata il 30 novembre 2012.

    Il titolare della ditta non avendo adoperato tutte le cautele e le misure di prevenzione necessarie a limitare la diffusione delle sopracitate sostanze dannose è stato considerato come penalmente responsabile dai giudici di legittimità che hanno, pertanto, respinto il suo ricorso condannandolo a cinque mesi di reclusione per omicidio colposo ex art. 589 c.p.. Sulla base di valutazioni scientifiche e dei rilievi peritali, infatti, il (non) contegno dell’imprenditore è stato riconosciuto come determinante per lo sviluppo della malattia, sboccata nel mesotelioma pleurico ed, infine, nel decisivo arresto cardiaco per grave insufficienza respiratoria. Invero, il titolare della ditta è stato individuato quale reo per non aver adottato alcuna forma precauzione: non avendo condotto, in primis, un’appropriata campagna informativa nei confronti dei suoi dipendenti; in secundis, non ponendo attenzione alla fornitura e alla cura del materiale ed, infine, non contenendo i (noti) rischi per la salute scaturenti dall’esposizione all’asbesto quale malattia “dose-correlata” (la quantità e la pericolosità dell’asbesto inalato sono legate alla durata dell’esposizione). Infatti, con particolare riguardo a quest’ultimo aspetto, attraverso questa decisione gli Ermellini hanno avuto occasione di confermare che «la pericolosità dell’amianto ha una stretta correlazione esistente tra l’esposizione a tale sostanza e talune patologie tumorali, nota fin dagli anni sessanta, tanto che persino alcune scritte apposte sui sacchi adoperati dall’azienda avvertivano della presenza di fibre di asbesto ed invitavano a porre attenzione al fine di evitare la formazione di polveri e di respirarne, poiché l’assunzione di esse avrebbe potuto provocare il cancro e altre gravi malattie. Di qui la prova della prevedibilità dell’evento e della evitabilità dello stesso ove fossero state rispettate le norme prevenzionali».

    QR Code – Take this post Mobile!
    Use this unique QR (Quick Response) code with your smart device. The code will save the url of this webpage to the device for mobile sharing and storage.

    Info sul autore

    Laureato a pieni voti in Giurisprudenza presso l'Università Cattolica di Milano con tesi in Diritto processuale civile dal titolo "La condanna generica". Dopo uno stage in qualità di collaboratore di un Magistrato del Tribunale Ordinario di Milano attualmente lavoro nell'ambito dell'editoria professionale per una nota casa editrice specializzata in testi di diritto.

    Articoli Scritti : 17

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1