LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE: Processi per reati ambientali e costituzione di parte civile. Domanda di condono effetti derivanti da false dichiarazioni.
  • Diritto Tributario: reati tributari e sequestro preventivo funzionale alla confisca per equivalente.
  • INQUINAMENTO DEL SUOLO: Area inquinata imposizione degli obblighi di bonifica ai proprietari. Responsabilità oggettiva esclusione.
  • " /> LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE: Processi per reati ambientali e costituzione di parte civile. Domanda di condono effetti derivanti da false dichiarazioni.
  • Diritto Tributario: reati tributari e sequestro preventivo funzionale alla confisca per equivalente.
  • INQUINAMENTO DEL SUOLO: Area inquinata imposizione degli obblighi di bonifica ai proprietari. Responsabilità oggettiva esclusione.
  • "/>
    You Are Here: Home » Giurisprudenza » Reati ambientali: D.L.vo n.231/01 e responsabilità degli enti collettivi.

    Reati ambientali: D.L.vo n.231/01 e responsabilità degli enti collettivi.

    Reati ambientali: D.L.vo n.231/01 e responsabilità degli enti collettivi.
    di Fulvio Conti Guglia. Reati ambientali ex D. L.vo n. 231/01 – Responsabilità degli enti collettivi – Confisca di valore, cd. “profitto da risparmio” – Fattispecie – Artt. 2, 5, 19 24-ter, c.2, 30, 39 e 53 D. Lgs. n. 231/01 – Art. 29-bis ss. del D. Lgs. n. 152/2006.
    La responsabilità dell’Ente ai sensi del decreto Legislativo n. 321/01 per i reati ambientali ex art. 25 undecies, consente (ai sensi degli artt. 19 e 53 del d.lgs. n. 231/01) il sequestro e, poi, la confisca per equivalente del profitto cd. “da risparmio” previa verifica di una diretta correlazione causale con i reati-presupposto e accertamento dell’eventuale determinazione di un risultato economico positivo ricavato dall’Ente per effetto della realizzazione delle ipotesi di reato contestate. Nella specie è stato annullato senza rinvio il decreto di sequestro per equivalente non essendo stati esplicitati elementi per ritenere che le conseguenze economiche generate dagli eventi – di danno o di pericolo – tipizzati nei reati contestati potessero essere assimilate a profitto inteso come diretto risparmio dei costi d’impresa, risultando, invece una integrale equiparazione dell’entità del profitto con i costi non sostenuti per l’adeguamento degli impianti – nella specie siderurgici – per evitare danni ambientali.
    (annulla senza rinvio ordinanza n. 94/2013 TRIB. LIBERTA’ di TARANTO, del 15/06/2013) Pres. Agrò, Est. De Amicis, Riva Fi.Re. SPA e altro.
    RIFIUTI – D. L.vo n.231/01 responsabilità sanzionatoria degli Enti – Reati ambientali – Nozione di profitto aggredibile con una misura ablativa – Correlazione diretta del profitto col reato – Necessità –  Confisca del profitto del reato.
    Nell’operazione di verifica del “profitto assoggettabile a sequestro” in funzione della confisca prevista dall’art. 19 del D. Lgs. n. 231/01, il riferimento al principio di diritto stabilito in ordine alla corretta delimitazione della nozione di profitto aggredibile con una misura ablativa nel sistema della responsabilità sanzionatoria degli enti, a norma degli artt. 19 e 53 del D. Lgs. n. 231/01, si sostanzia nel “complesso dei vantaggi economici tratti dall’illecito e a questo strettamente pertinenti”, quale sua conseguenza economica immediata, richiedendo pertanto una diretta derivazione eziologica del profitto dalla condotta penalmente rilevante commessa nell’interesse o a vantaggio dell’ente collettivo (Cass. Sez. Un., n. 26654 del 27/03/2008, dep. 02/07/2008, Fisia Italimpianti s.p.a. e altri). Occorre, dunque, “una correlazione diretta del profitto col reato e una stretta affinità con l’oggetto di questo, escludendosi qualsiasi estensione indiscriminata o dilatazione indefinita ad ogni e qualsiasi vantaggio patrimoniale, che possa comunque scaturire, pur in difetto di un nesso diretto di causalità, dall’illecito”. Inoltre, la confisca del profitto del reato prevista dagli artt. 9 e 19 del D. Lgs. n. 231 del 2001 si configura come sanzione principale, obbligatoria ed autonoma rispetto alle altre previste a carico dell’ente, e si differenzia da quella configurata dall’art. 6, comma quinto, del medesimo decreto, applicabile solo nel caso in cui difetti la responsabilità della persona giuridica, la quale costituisce invece uno strumento volto a ristabilire l’equilibrio economico alterato dal reato presupposto, i cui effetti sono comunque andati a vantaggio dell’ente.
    (annulla senza rinvio ordinanza n. 94/2013 TRIB. LIBERTA’ di TARANTO, del 15/06/2013) Pres. Agrò, Est. De Amicis, Riva Fi.Re. SPA e altro.
    Per le altre massime e sentenza per esteso vedi AmbienteDiritto.it

    QR Code – Take this post Mobile!
    Use this unique QR (Quick Response) code with your smart device. The code will save the url of this webpage to the device for mobile sharing and storage.

    Info sul autore

    Articoli Scritti : 56

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1