Consiglio dei ministri: il piano per la gestione straordinaria dell’Ilva di Taranto.
  • Bocciato il piano dell’Ilva di risanamento degli impianti inquinanti.
  • Conflitti di attribuzione per il caso dell’Ilva di Taranto
  • " /> Consiglio dei ministri: il piano per la gestione straordinaria dell’Ilva di Taranto.
  • Bocciato il piano dell’Ilva di risanamento degli impianti inquinanti.
  • Conflitti di attribuzione per il caso dell’Ilva di Taranto
  • "/>
    You Are Here: Home » Notizie » PIANO AMBIENTALE DELL’ILVA DI TARANTO

    PIANO AMBIENTALE DELL’ILVA DI TARANTO

    PIANO AMBIENTALE DELL’ILVA DI TARANTO

    Aggiornamento del Piano di misure ambientali per lo stabilimento ILVA di Taranto (decreto del Presidente del Consiglio dei ministri)

    Il Consiglio dei ministri, ha approvato il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri (DPCM) che modifica il “Piano delle misure e delle attività di tutela ambientale e sanitaria” di cui al DPCM del 14 marzo 2014, ai fini della completa attuazione delle prescrizioni contenute nell’autorizzazione integrata ambientale (AIA) dello stabilimento ILVA S.p.a. di Taranto.

    Con questo atto si conclude il complesso procedimento di esame e approvazione del piano ambientale presentato da Am InvestCo Italy S.r.l., nell’ambito della cessione dell’ILVA al nuovo soggetto privato.

    Il decreto prevede la limitazione della produzione di acciaio a sei milioni di tonnellate/anno, rispetto alle otto autorizzate dalla legge, fino alla completa realizzazione di tutti gli interventi di ambientalizzazione.

    Il nuovo provvedimento mantiene tutte le prescrizioni del piano originario, anticipando la copertura dei parchi minerali da completare entro e non oltre il 30 settembre 2021, rispetto al termine del 2023 previsto dalla normativa vigente. L’intervento assicura le maggiori garanzie di tutela ambientale, andando oltre le previsioni delle migliori tecniche adottate a livello comunitario (BAT).

    Nell’articolato iter sono state prese in esame le molte osservazioni giunte da vari soggetti, quali la Regione e gli enti locali, i sindacati e le associazioni ambientaliste, osservazioni in parte recepite dal provvedimento. Per garantire il compiuto monitoraggio degli interventi si prevede l’istituzione di un “Osservatorio permanente per il monitoraggio del piano ambientale” con la partecipazione di tutti i soggetti coinvolti.

    QR Code – Take this post Mobile!
    Use this unique QR (Quick Response) code with your smart device. The code will save the url of this webpage to the device for mobile sharing and storage.

    Info sul autore

    Articoli Scritti : 1027

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1