MEDIAZIONE OBBLIGATORIA IL GRANDE FLOP? Il 23 ottobre l’udienza innanzi la Corte Costituzionale.
  • CORTE COSTITUZIONALE E MEDIAZIONE OBBLIGATORIA: video Sentenza del processo.
  • Costituzionalità della Mediazione Obbligatoria udienza della Corte Costituzionale il 23 ottobre 2012
  • " /> MEDIAZIONE OBBLIGATORIA IL GRANDE FLOP? Il 23 ottobre l’udienza innanzi la Corte Costituzionale.
  • CORTE COSTITUZIONALE E MEDIAZIONE OBBLIGATORIA: video Sentenza del processo.
  • Costituzionalità della Mediazione Obbligatoria udienza della Corte Costituzionale il 23 ottobre 2012
  • "/>
    You Are Here: Home » Notizie » MEDIAZIONE OBBLIGATORIA STOP. Guido Alpa, aspettiamo le motivazioni della Corte Costituzionale.

    MEDIAZIONE OBBLIGATORIA STOP. Guido Alpa, aspettiamo le motivazioni della Corte Costituzionale.

    L’eventuale approvazione degli emendamenti volti a reintrodurre l’istituto dell’obbligatorietà della mediazione finalizzata alla conciliazione della lite, in qualsiasi settore fosse prevista, si porrebbe in contrasto con l’orientamento della Corte costituzionale che ha voluto sottolineare la sua contrarietà a questo sistema coattivo addirittura pubblicando il dispositivo della pronuncia prima del deposito della sentenza con relativa motivazione – cosi dichiara in una nota il presidente del Cnf Guido Alpa.

    La reintroduzione della conciliazione obbligatoria potrebbe suonare come una scelta parlamentare indifferente all’orientamento della Corte e sensibile alle richieste di quanti , per ragioni diverse, erano favoriti dal sistema riprovato dalla Corte.

    Non si tratta solo, come è ovvio, di eccesso di delega rispetto ai principi indicati dalla legge delegante, ma si tratta dell’intera organizzazione che deve essere rivista. Proprio per questo, è stata una infelice scelta del Ministero della Giustizia estendere anche al condominio e alla responsabilità per la circolazione stradale una tecnica di conciliazione obbligatoria quando le regole erano già state sottoposte al vaglio della Corte.

    A maggior ragione, sarebbe poco rispettoso delle Istituzioni insistere su questa scelta ancor prima di conoscere le motivazioni della Corte. Sulla base di queste semplici argomentazioni gli emendamenti proposti dovrebbero essere dichiarati inammissibili o comunque respinti. Ed in ogni caso, ogni proposta legislativa in materia dovrebbe essere accantonata in attesa della lettura del testo integrale della pronuncia. Il CNF auspica che la politica rifiuti di farsi interprete dei desiderata di quei poteri adusi a sacrificare i principi di una società solidale e fondata sul principio di eguaglianza, al profitto ed all’interesse di pochi. Ciò più che mai in una fase in cui il cittadino elettore questo pretende e pretenderà dai propri rappresentanti parlamentari.

    QR Code – Take this post Mobile!
    Use this unique QR (Quick Response) code with your smart device. The code will save the url of this webpage to the device for mobile sharing and storage.

    Info sul autore

    Articoli Scritti : 1027

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1