MALTRATTAMENTO DI ANIMALI Tentato delitto di uccisione di animali
  • APPALTI: Imprese responsabili di gravi inadempimenti nell’esecuzione di precedenti contratti
  • Depuratore comunale: Scarico in mare dei reflui e configurabilità dell’art 674 cod. pen..
  • " /> MALTRATTAMENTO DI ANIMALI Tentato delitto di uccisione di animali
  • APPALTI: Imprese responsabili di gravi inadempimenti nell’esecuzione di precedenti contratti
  • Depuratore comunale: Scarico in mare dei reflui e configurabilità dell’art 674 cod. pen..
  • "/>
    You Are Here: Home » Giurisprudenza » MALTRATTAMENTO ANIMALI: Detenzione degli animali da arrecare gravi sofferenze.

    MALTRATTAMENTO ANIMALI: Detenzione degli animali da arrecare gravi sofferenze.

    MALTRATTAMENTO ANIMALI: Detenzione degli animali da arrecare gravi sofferenze.
    CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. 3^ 08/06/2016 (Ud. 12/04/2016) Sentenza n.23723
     
     
     
    MALTRATTAMENTO ANIMALI – Nozione di maltrattamento – FAUNA E FLORA – Condotte costituenti maltrattamento – Detenzione degli animali da arrecare gravi sofferenze – Fattispecie – Art. 727 cod. pen.
    Costituiscono maltrattamenti, idonei ad integrare il reato di abbandono di animali, non soltanto quei comportamenti che offendono il comune sentimento di pietà e mitezza verso gli animali per la loro manifesta crudeltà, ma anche quelle condotte che incidono sulla sensibilità psico-fisica degli stessi, procurando loro dolore e afflizione (Cass. Sez. 3, n. 46560 del 10/7/2015, Francescangeli; Sez. 3, n. 49298 del 21/11/2012, Tomat); con l’ulteriore considerazione per cui il reato di cui all’art. 727 cod. pen. è integrato dalla detenzione degli animali con modalità tali da arrecare gravi sofferenze, incompatibili con la loro natura, avuto riguardo, per le specie più note (quali, ad esempio, gli animali domestici), al patrimonio di comune esperienza e conoscenza e, per le altre, alle acquisizioni delle scienze naturali (Cass. Sez. 3, n. 6829 del 17/12/2014, Garnero). Fattispecie: 29 cani (23 in 5 gabbie contenute in soli 8 mq., oltre a 6 all’esterno, in catena) in un ambiente con condizioni igienico-sanitarie definite «scarsamente sufficienti e non idonee a tenere quel numero» di animali.

    Info sul autore

    Articoli Scritti : 946

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1