LEGGE DI STABILITÀ: le novità varate dal governo
  • LEGGE DI STABILITÀ le novità approvate in commissione bilancio. Aliquota Iva dal 21 al 22%, famiglia, IRAP…
  • LEGGE DI STABILITA’ sì della Camera: le novità.
  • " /> LEGGE DI STABILITÀ: le novità varate dal governo
  • LEGGE DI STABILITÀ le novità approvate in commissione bilancio. Aliquota Iva dal 21 al 22%, famiglia, IRAP…
  • LEGGE DI STABILITA’ sì della Camera: le novità.
  • "/>
    You Are Here: Home » Notizie » Legge di stabilità e giustizia per benestanti, dal 30 gennaio i rincari.

    Legge di stabilità e giustizia per benestanti, dal 30 gennaio i rincari.

    Partono dal 30 gennaio i rincari della giustizia, sempre più usufruibile solo dai più abbienti. Infatti, sarà ancora più costoso (per il comune cittadino) ricorrere avverso un atto nel processo civile e nei giudizi amministrativi. A fine gennaio sarà prevista una sorta di penale per le impugnazioni, anche proposte in via incidentale, respinte integralmente oppure dichiarate inammissibili o improcedibili, attraverso un drastico aumento del contributo unificato. Così, la parte che propone l’impugnazione sarà obbligata a versare un importo pari a quello dovuto per la stessa impugnazione, principale o incidentale. Il giudice dovrà dare atto dei presupposti per l’applicazione del rincaro e l’obbligo di pagamento sorgerà dal momento del deposito del provvedimento dell’autorità giudiziaria. Insomma sarà vietato tentare o ancora meglio sarà vietato sbagliare.

    Ecco le principali novità:

    – Impugnazione, in via principale o incidentale, dichiarata infondata, inammissibile o improcedibile: dovrà essere versata un’ulteriore somma pari all’importo del contributo unificato dovuto per l’impugnazione stessa.

    – Il contributo unificato per i riti abbreviati di cui al Titolo V, Libro IV del Codice del Processo Amministrativo (Artt. 119-125 DLGS n. 104 del 2 luglio 2010) passa da € 1500 a € 1800, con un aumento del 20%.

    – Per i giudizi di impugnazioni relativi ad appalti e lavori pubblici e per quelli delle Autorità indipendenti il contributo è determinato per scaglioni in base al valore della causa (prima erano 4.000 euro fissi):
    2.000 euro per cause di valore inferiore a € 200.000.
    4.000 euro per cause di valore compreso tra 200.000 ed 1 milione di euro.
    6.000 euro per cause di valore superiore ad 1 milione di euro.

    – Per le impugnazione di cui al comma 6-bis dell’ articolo 13 del DPR 115/2002 il contributo è aumentato del 50% (analogamente a quanto già previsto nel processo civile dalla precedente legge di stabilità).

    –  Ricorso straordinario al Presidente della Repubblica e tutti i casi non previsti da specifiche disposizioni: il contributo unificato passa da € 600 a € 650.

    QR Code – Take this post Mobile!
    Use this unique QR (Quick Response) code with your smart device. The code will save the url of this webpage to the device for mobile sharing and storage.

    Info sul autore

    Articoli Scritti : 990

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1