La legge anticorruzione – dichiara del Sottosegretario Patroni Griffi – che riuscimmo a condurre in porto giusto un anno fa sta dando i primi risultati. L’Italia migliora tre posizioni nella classifica sulla percezione del fenomeno.

È un’inversione di rotta dopo un decennio in cui siamo prevalentemente scesi nella classifica.

Con il decreto trasparenza, che obbliga le amministrazioni a mettere on line spese degli uffici e redditi di politici e dirigenti, inoltre è aumentata la possibilità di controllo sociale da parte dei cittadini.

Certo, tutto ciò è ancora soltanto un primo passo. Molto ancora si potrà fare procedendo sul percorso individuato dalla legge, per esempio con il completamento del varo dell’autorità anticorruzione.

La lotta al fenomeno, desidero infine ricordarlo, non è solo un’opera che riguarda forze dell’ordine e magistratura, ordine a cui mi onoro di appartenere. È anche una battaglia culturale che si combatte giorno per giorno sul terreno della prevenzione.