Contratti a distanza o fuori dai locali commerciali: le Associazioni dei consumatori chiedono il recepimento della Direttiva Comunitaria n.83/11.
  • RAEE: pubblicata la nuova direttiva
  • Un Comune su tre a rischio default: per i cittadini aumenti consistenti delle tasse, tra questi rifiuti Imu e addizionali.
  • " /> Contratti a distanza o fuori dai locali commerciali: le Associazioni dei consumatori chiedono il recepimento della Direttiva Comunitaria n.83/11.
  • RAEE: pubblicata la nuova direttiva
  • Un Comune su tre a rischio default: per i cittadini aumenti consistenti delle tasse, tra questi rifiuti Imu e addizionali.
  • "/>
    You Are Here: Home » Notizie » Italia e Direttiva sui veicoli fuori uso: mancato recepimento rischio di un procedimento d’infrazione.

    Italia e Direttiva sui veicoli fuori uso: mancato recepimento rischio di un procedimento d’infrazione.

    L’Italia si conferma tra i Paesi più indisciplinati sulla normativa ambientale europea. Così, in queste ore, la Commissione europea ha formulato un parere motivato per il mancato recepimento della direttiva sui veicoli fuori uso. Si tratta della seconda fase del procedimento d’infrazione.  Adesso l’Italia ha due mesi per rispondere al parere motivato dell’Ue, se no finisce un’altra volta di fronte alla Corte di Giustizia europea. La modifica all’attuale normativa doveva essere adottata entro il 31 dicembre 2011, ma nel nostro Paese le questioni ambientali vengono sempre relegate all’ultimo posto nell’agenda delle emergenze. Nel dettaglio, l’Italia avrebbe dovuto adottare alcune modifiche alla Direttiva 2000/53/CE sui veicoli fuori uso.

    Ogni anno in Europa vengono prodotte tra gli 8 e i 9 milioni di tonnellate di rifiuti derivanti dalle automobili dismesse.

    QR Code – Take this post Mobile!
    Use this unique QR (Quick Response) code with your smart device. The code will save the url of this webpage to the device for mobile sharing and storage.

    Info sul autore

    Articoli Scritti : 1027

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1