Bocciata l’obbligatorietà della mediazione
  • MEDIAZIONE OBBLIGATORIA STOP. Guido Alpa, aspettiamo le motivazioni della Corte Costituzionale.
  • CORTE COSTITUZIONALE E MEDIAZIONE OBBLIGATORIA: video Sentenza del processo.
  • " /> Bocciata l’obbligatorietà della mediazione
  • MEDIAZIONE OBBLIGATORIA STOP. Guido Alpa, aspettiamo le motivazioni della Corte Costituzionale.
  • CORTE COSTITUZIONALE E MEDIAZIONE OBBLIGATORIA: video Sentenza del processo.
  • "/>
    You Are Here: Home » Giurisprudenza » Costituzionale » Incostituzionalità della mediazione obbligatoria: depositate le motivazioni.

    Incostituzionalità della mediazione obbligatoria: depositate le motivazioni.

    di Daniela Di Paola. E’ stata depositata oggi la sentenza della Corte Costituzionale n. 272/2012, con cui è stata dichiarata incostituzionale l’obbligatorietà della mediazione. Il dispositivo della sentenza era stato anticipato, come  è noto,  con un comunicato stampa del 24 ottobre 2012, che aveva alimentato l’attesa per le motivazioni, pur compendiate dal riferimento all’eccesso di delega. Numerosi, infatti, da quel momento, sono stati sia i commenti, riferiti ai possibili rilievi della Corte, sia gli auspici, riferiti al futuro dell’istituto.

    Ai fini della verifica della conformità della norma delegata alla norma delegante sono stati condotti dalla Consulta due processi ermetici paralleli, uno “relativo alla norma che determina l’oggetto, i principi e i criteri direttivi della delega; l’altro relativo alla norma delegata da interpretare nel significato compatibile con questi ultimi.”.
    A tal fine, osserva la Corte che sia la legge delega (art. 60, comma 2 e comma 3, lettera c, della legge n. 69 del 2009), sia il d.lgs. n. 28 del 2010 (preambolo) si richiamano al rispetto e alla coerenza con la normativa dell’Unione europea.
    Quali, dunque, i principi desumibili dalla normativa comunitaria?
    Secondo la Corte Costituzionale, la normativa dell’Unione europea in materia non esprime alcuna esplicita o implicita opzione a favore del carattere obbligatorio dell’istituto della mediazione. “Fermo il favor dimostrato verso detto istituto, in quanto ritenuto idoneo a fornire una risoluzione extragiudiziale conveniente e rapida delle controversie in materia civile e commerciale, il diritto dell’Unione disciplina le modalità con le quali il procedimento può essere strutturato («può essere avviato dalle parti, suggerito od ordinato da un organo giurisdizionale o prescritto dal diritto di uno Stato membro», ai sensi dell’art. 3, lettera a, della direttiva 2008/52/CE del 21 maggio 2008), ma non impone e nemmeno consiglia l’adozione del modello obbligatorio, limitandosi a stabilire che resta impregiudicata la legislazione nazionale che rende il ricorso alla mediazione obbligatorio (art. 5, comma 2, della direttiva 2008/52/CE).”
    Alla stessa ratio s’ispira la sentenza della Corte di giustizia 317/08, C-318/08, C-319/08, C-320/08. “Vero è che, in un passaggio argomentativo (punto 65 della motivazione) la Corte considera inesistente una alternativa meno vincolante alla predisposizione di una procedura obbligatoria, perché l’introduzione di una procedura di risoluzione extragiudiziale meramente facoltativa non costituirebbe uno strumento altrettanto efficace per la realizzazione degli obiettivi perseguiti. Ma tale rilievo non può costituire un precedente, sia perché si tratta di un obiter dictum, sia perché la sentenza citata interviene su una procedura conciliativa concernente un tipo ben circoscritto di controversie (quelle in materia di servizi di comunicazioni elettroniche tra utenti finali e fornitori di tali servizi), là dove la mediazione di cui qui si discute riguarda un rilevante numero di vertenze, che rende non comparabili le due procedure anche per le differenze strutturali che le caratterizzano.

    Pertanto, la disciplina dell’UE si rivela neutrale in ordine alla scelta del modello di mediazione da adottare, la quale resta demandata ai singoli Stati membri, purché sia garantito il diritto di adire i giudici competenti per la definizione giudiziaria delle controversie.

    Riferimenti all’obbligatorietà dell’istituto non sono rinvenibili neanche nella legge delega (art. 60 della legge n. 69 del 2009)
    La “detta legge delega, tra i principi e criteri direttivi di cui all’art. 60, comma 3, non esplicita in alcun modo la previsione del carattere obbligatorio della mediazione finalizzata alla conciliazione   (…) Non si potrebbe ritenere che il carattere obbligatorio sia implicitamente desumibile dall’art. 60 citato, comma 3, lettera a). Tale disposizione, nel prevedere che la mediazione abbia per oggetto controversie su diritti disponibili, aggiunge la frase «senza precludere l’accesso alla giustizia». Si tratta, però, di un’affermazione di carattere generale, non a caso collocata in apertura dell’elenco dei principi e criteri direttivi e non necessariamente collegabile alla scelta di un determinato modello procedurale, tanto più che nella norma di delega non mancano spunti ben più espliciti che orientano l’interprete in senso contrario rispetto alla volontà del legislatore delegante di introdurre una procedura a carattere obbligatorio.”
    A favore del ricorso facoltativo a strumenti alternativi alla giurisdizione, infatti, può citarsi l’art. 60, c. 3, lett. c), secondo cui la mediazione deve essere disciplinata  «anche attraverso l’estensione delle disposizioni di cui al decreto legislativo 17 gennaio 2003, n. 5», recante la definizione dei procedimenti in materia di diritto societario e di intermediazione finanziaria, nonché in materia bancaria e creditizia. “Gli articoli da 38 a 40 di tale decreto (poi abrogati dall’art. 23, comma 1, del d.lgs. n. 28 del 2010) prevedevano un procedimento di conciliazione stragiudiziale nel quale il ricorso alla mediazione trovava la propria fonte in un accordo tra le parti (contratto o statuto). Il modulo richiamato dal legislatore delegante era, dunque, di fonte volontaria, il che non si concilia (pur volendo considerare quel richiamo come non vincolante) con un’opzione a favore della mediazione obbligatoria.
    Le stesse conclusioni si ottengono esaminando la lettera n) del medesimo articolo, secondo cui nell’esercizio della delega stessa il Governo avrebbe dovuto attenersi attenersi (tra gli altri) al principio di «prevedere il dovere dell’avvocato di informare il cliente, prima dell’instaurazione del giudizio, della possibilità di avvalersi dell’istituto della conciliazione nonché di ricorrere agli organismi di conciliazione». “Orbene, «possibilità» di avvalersi significa, evidentemente, facoltà, e non obbligo, di avvalersi («è tenuto preliminarmente»), cui invece fa riferimento l’art. 5, comma 1, del decreto delegato”.

    Sussiste dunque eccesso di delega in relazione al carattere obbligatorio dell’istituto di conciliazione e alla conseguente strutturazione della relativa procedura come condizione di procedibilità della domanda giudiziale nelle controversie di cui all’art. 5, comma 1, del d.lgs. n. 28 del 2010.

    QR Code – Take this post Mobile!
    Use this unique QR (Quick Response) code with your smart device. The code will save the url of this webpage to the device for mobile sharing and storage.

    Info sul autore

    Articoli Scritti : 32

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1