Genova G8: Le scuse non bastano.
  • Ai fini della concessione della cittadinanza italiana anche il lavoro casalingo merita considerazione
  • " /> Genova G8: Le scuse non bastano.
  • Ai fini della concessione della cittadinanza italiana anche il lavoro casalingo merita considerazione
  • "/>
    You Are Here: Home » Notizie » Genova G8: La richiesta di scuse è un gesto che merita sempre rispetto ma…

    Genova G8: La richiesta di scuse è un gesto che merita sempre rispetto ma…

    Riceviamo e pubblichiamo.

    Il capo della polizia Antonio Manganelli dice che è arrivato da parte sua il momento delle scuse. La richiesta di scuse è un gesto che merita sempre rispetto e quindi, per la parte che ci riguarda, le accogliamo. Al tempo stesso però diciamo che questo messaggio di scuse è laconico e tardivo, undici anni dopo i fatti e un giorno dopo la sentenza di Cassazione, e ha bisogno d’essere accompagnato da azioni concrete. Inoltre il dottor Manganelli non dice per che cosa chiede scusa. Per le violenze alla scuola Diaz? Per i falsi nei verbali? Per la costruzione di prove fasulle? O per i depistaggi e il boicottaggio sistematico, pluriennale delle inchieste della magistratura? Forse per le promozioni accordate ai dirigenti imputati? O per non averli sospesi dagli incarichi né al momento del rinvio a giudizio né dopo le condanne di secondo grado?

    La verità è che il dottor Manganelli e il suo predecessore Gianni De Gennaro sono i maggiori responsabili, sotto il profilo morale e professionale, di tutto ciò che è accaduto nel caso Diaz fra la notte dei manganelli (21 luglio 2001) e il pomeriggio della Cassazione (5 luglio 2012), sono quindi responsabili di una condotta inaccettabile per una polizia democratica. Crediamo che il dottor Manganelli e il dottor De Gennaro, nel frattempo addirittura assurto a ruoli di governo, abbiano una via maestra da seguire, se vogliono dare un contributo alla credibilità della polizia e delle istituzioni: le dimissioni dai rispettivi incarichi.

    La sentenza Diaz ha creato un autentico terremoto ai piani alti della polizia di stato e ha dato avvio a una fase nuova, che deve portare a una riforma democratica dei nostri apparati di sicurezza. Alcuni provvedimenti sono ormai urgenti:

    Una seria legge sulla tortura;
    1) L’obbligo per gli agenti in servizio di ordine pubblico di indossare codici alfanumerici che li rendano riconoscibili;
    2) La cancellazione della riserva del 100% dei posti in polizia a chi presta servizio militare volontario.
    3) La creazione di un’istituzione indipendente di tutela dei diritti umani, con poteri di indagine e di intervento disciplinare.

    Comitato Verità e Giustizia per Genova.

    QR Code – Take this post Mobile!
    Use this unique QR (Quick Response) code with your smart device. The code will save the url of this webpage to the device for mobile sharing and storage.

    Info sul autore

    Articoli Scritti : 1022

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1