DECRETO 2/07/2012. PATROCINIO A SPESE DELLO STATO. Aggiornato il limiti di reddito.
  • Merito e mobilità sociale. I sorprendenti risultati di recenti ricerche
  • Finti poveri, pensionati e redditometro scostamenti tra reddito dichiarato e quello speso.
  • " /> DECRETO 2/07/2012. PATROCINIO A SPESE DELLO STATO. Aggiornato il limiti di reddito.
  • Merito e mobilità sociale. I sorprendenti risultati di recenti ricerche
  • Finti poveri, pensionati e redditometro scostamenti tra reddito dichiarato e quello speso.
  • "/>
    You Are Here: Home » Notizie » Elezioni Germania: programmi simili, impegno sociale, reddito minimo, età pensionabile.

    Elezioni Germania: programmi simili, impegno sociale, reddito minimo, età pensionabile.

    Elezioni Germania: programmi simili, impegno sociale, reddito minimo, età pensionabile.

    «La Germania è forte e così deve restare» è questo lo slogan della Cdu di Angela Merkel, in vantaggio nei sondaggi (ma senza raggiungere la maggioranza per governare senza alleati). Campagna elettorale basata principalmente su un reddito minimo orario pattuito fra le parti sociali, più incentivi alle pensioni integrative mantenendo l’età pensionabile a quota 67 anni e un «no» deciso alle proposte della sinistra per un reddito di cittadinanza: «Noi vogliamo incoraggiare il lavoro, non la disoccupazione».

    La Merkel, inoltre, risponde alle accuse del fronte conservatore di essere una leader «di sinistra», pur non escludendo la possibilità di imbarcarsi in una Grosse Koalition (grande coalizione) con i socialdemocratici. Sul lato destro i liberali della Fdp e il nuovo partito anti-euro AfD (Alternative für Deutschland) ritengono già bastevoli le agevolazioni sociali e il sistema di sicurezza. Diversamente la pensano i partiti dello schieramento opposto.

    La Spd candidato cancelliere Peer Steinbrück propone di portare il reddito minino ad almeno 8,50 euro l’ora. «Ci ispiriamo apertamente al sistema britannico della Low Pay Commission», spiega Simon Vaut, consulente del gruppo parlamentare socialdemocratico. «La Germania è uno dei pochi paesi rimasto senza una legge sul salario minimo e oggi abbiamo circa otto milioni di lavoratori, molti anche full-time, che guadagnano meno di otto euro e mezzo l’ora». L’aumento del costo del lavoro avrà ricadute sull’inflazione? «Qualche prezzo potrebbe aumentare – ammette Vaut – ma non ci saranno fughe di aziende all’estero. Le imprese tedesche medie e grandi pagano già bene, il nuovo salario minimo riguarderebbe solo i lavoratori sottopagati di piccole imprese».

    Tante le promesse, come in qualsiasi Stato sotto elezioni, del tutte simili. Il programma dei Verdi, prevede un salario minimo di almeno 8,5 euro l’ora e all’abbassamento dell’età pensionabile a 63 anni per i lavoratori con problemi di salute. La Spd punta su pensioni di solidarietà di 850 euro per i lavoratori privi di contributi sufficienti e all’abbattimento fino a 63 anni dell’età pensionabile per chi abbia cumulato 45 anni di contributi.

    Più ambiziosi i social-comunisti della Linke che propongono salario minimo a 10 euro l’ora e immediato aumento del sussidio sociale per precari e disoccupati di lungo corso a 500 euro, con la prospettiva di una sua abolizione. L’obiettivo è l’istituzione di un vero e proprio «contributo minimo di sussistenza che non sia inferiore a 1.050 euro per nessuno». Importante anche l’offensiva sul fronte previdenziale: via l’asticella dei 67 anni per ottenere la pensione, aumento dei trattamenti previdenziali minimi a quota 1.050 euro e uguaglianza delle pensioni a est e ovest entro il 2017.

    Come si finanziano queste misure? «Riportando l’aliquota sui redditi massimi al 53%, come ai tempi di Helmut Kohl», e chiamando in causa «i superricchi e i loro patrimoni».

    Così, gli ultimi sondaggi rivelano un risultato incerto: il centrodestra del potere uscente (la CduCsu di Angela Merkel più la Fdp, cioè i liberali) persino un punto sotto nei consensi rispetto a una coalizione di sinistra e la Spd (socialdemocrazia, il più antico partito di sinistra europeo), i Verdi e la Linke.

    Fermi al 3% nei sondaggi, su questi temi si fanno sentire anche i Pirati, che chiedono che sia l’ufficio nazionale di statistica a indicare la cifra del reddito minimo legandola al reddito medio. A lungo termine un progetto più radicale: istituire un reddito di base incondizionato perché ogni persona ha «il diritto a una esistenza sicura e alla partecipazione nella società».

     

    Info sul autore

    Articoli Scritti : 966

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1