LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE: Processi per reati ambientali e costituzione di parte civile. Domanda di condono effetti derivanti da false dichiarazioni.
  • Il reato di abuso d’ufficio in violazione degli strumenti urbanistici.
  • DIRITTO PROCESSUALE PENALE: Giudizio d’appello, rinnovazione dell’istruttoria dibattimentale.
  • " /> LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE: Processi per reati ambientali e costituzione di parte civile. Domanda di condono effetti derivanti da false dichiarazioni.
  • Il reato di abuso d’ufficio in violazione degli strumenti urbanistici.
  • DIRITTO PROCESSUALE PENALE: Giudizio d’appello, rinnovazione dell’istruttoria dibattimentale.
  • "/>
    You Are Here: Home » Giurisprudenza » Amministrativa » Diritto Urbanistico: Impugnazione di strumenti urbanistici, legittimazione processuale.

    Diritto Urbanistico: Impugnazione di strumenti urbanistici, legittimazione processuale.

    Diritto Urbanistico:  Impugnazione di strumenti urbanistici, legittimazione processuale.

    LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE – Impugnazione di titoli edilizi diretti – Impugnazione di strumenti urbanistici – Criterio della vicinitas – Differenza – Doglianze relative a violazione della normativa ambientale – Legittimazione partecipativa – Ampiezza.
    In tema di impugnazione dei titoli edilizi diretti, il rapporto di vicinitas, ossia di stabile collegamento con l’area interessata dall’intervento contestato, è idoneo e sufficiente a fondare tanto la legittimazione (ossia la titolarità di una posizione giuridica qualificata e differenziata rispetto a quella di quisque de populo) quanto l’interesse a ricorrere (ossia la sussistenza di una lesione concreta e attuale alla detta situazione giuridica per effetto del provvedimento amministrativo impugnato). Al contrario, nel caso di impugnazione di strumenti urbanistici, anche particolareggiati, o di loro varianti, il semplice rapporto di vicinitas, se dimostra la sussistenza di una generica legitimatio ad causam, non è però sufficiente a fondare anche l’interesse a ricorrere, occorrendo l’allegazione e la prova di uno specifico e concreto pregiudizio riveniente ai suoli in proprietà degli istanti per effetto degli atti di pianificazione impugnati (dai quali, per definizione, quei suoli non sono incisi direttamente); tale pregiudizio non può risolversi nel generico pregiudizio all’ordinato assetto del territorio, alla salubrità dell’ambiente e ad altri valori la cui fruizione potrebbe essere rivendicata da qualsiasi soggetto residente, anche non stabilmente, nella zona interessata dalla pianificazione (e che, oltre tutto, porrebbe l’ulteriore problema di individuare il limite al di là del quale non si sia più in presenza di una lesione specifica e differenziata, ma di un pregiudizio assimilabile a quello che qualsiasi cittadino potrebbe lamentare). Tuttavia, le doglianze attinenti a violazione di normativa in materia di tutela ambientale impongono un approccio necessariamente non restrittivo all’individuazione della lesione che potrebbe astrattamente fondare l’interesse all’impugnazione: la materia della tutela dell’ambiente si connota infatti per una peculiare ampiezza del riconoscimento della legittimazione partecipativa e dei coinvolgimento dei soggetti potenzialmente interessati, come è dimostrato dalle scelte legislative in tema di partecipazione alle procedure di V.A.S. e V.I.A., di legittimazione all’accesso alla documentazione in materia ambientale, di valorizzazione degli interessi “diffusi” anche quanto al profilo della legittimazione processuale.

    CONSIGLIO DI STATO, Sez. 5^ – 12 maggio 2014 (Conferma T.A.R. LIGURIA, del 2013) – Pres. Numerico, Est. Greco

    Sentenza per esteso e massimata su www.AmbienteDiritto.it

     

    Codice dell’urbanistica ed edilizia

    Info sul autore

    Articoli Scritti : 944

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1