La realizzazione dell’opera pubblica sul fondo illegittimamente espropriato non determina il trasferimento di proprietà in capo alla p.a.
  • DICHIARAZIONE FRAUDOLENTA: fatture di acquisto emesse in regime di non imponibilità IVA inconfigurabilità del reato.
  • PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E SEMPLIFICAZIONE – Lotta patrimoniale alla criminalità.
  • " /> La realizzazione dell’opera pubblica sul fondo illegittimamente espropriato non determina il trasferimento di proprietà in capo alla p.a.
  • DICHIARAZIONE FRAUDOLENTA: fatture di acquisto emesse in regime di non imponibilità IVA inconfigurabilità del reato.
  • PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E SEMPLIFICAZIONE – Lotta patrimoniale alla criminalità.
  • "/>
    You Are Here: Home » Giurisprudenza » Civile » Costituire un fondo patrimoniale non basta a dimostrare la frode nei confronti dell’Erario.

    Costituire un fondo patrimoniale non basta a dimostrare la frode nei confronti dell’Erario.

    Costituire un fondo patrimoniale non basta a dimostrare la frode nei confronti dell’Erario.

    Non è configurabile il reato di sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte quando il restante patrimonio non conferito nel fondo patrimoniale costituito è sufficiente a coprire la pretesa erariale.
    Decisione: Sentenza n. 9154/2016 Cassazione Penale – Sezione III
    Il caso.

    A una SPA a ristretta base azionaria erano stati notificati due avvisi di accertamento, il primo definito in sede di conciliazione, e il secondo di quasi 800mila euro.
    Dopo aver proposto ricorso, e dopo che l’Agenzia delle Entrate aveva depositato le controdeduzioni, i due coniugi imputati del reato di fraudolenta sottrazione al pagamento di imposte (art. 11 Decreto Legislativo n. 74/2000) avevano costituito un fondo patrimoniale familiare.
    Il GIP disponeva con decreto il sequestro preventivo degli immobili facenti parte del fondo patrimoniale: l’accusa si basava sull’assunto che la costituzione del fondo patrimoniale sarebbe servita unicamente ad eludere la riscossione dei tributi dovuti in base agli atti di accertamento notificati al marito.
    Il tribunale di Imperia rigettava la richiesta di riesame proposta dagli interessati, i quali proponevano ricorso in Cassazione.
    La decisione.

    il Tribunale avrebbe trascurato di considerare che l’indagato aveva altri beni, di valore rilevante, che erano rimasti estranei al fondo patrimoniale e che sarebbero stati sufficienti comunque a soddisfare le pretese del fisco.
    Così, infatti, afferma la Suprema Corte: «Deve premettersi, in punto di diritto, che, a fronte di un fondo patrimoniale costituito ex art. 167 cod. civ., per fare fronte ai bisogni della famiglia, è necessario accertare, ai fini della sussistenza del reato di cui all’art. 11 del d.lgs. n. 74 del 2000, – che nell’operazione posta in essere sussistano gli elementi costitutivi della sottrazione fraudolenta: il processo di merito deve dunque individuare quali siano gli aspetti dell’operazione economica che dimostrino la strumentalizzazione della causa tipica negoziale allo scopo di evitare il pagamento del debito tributario. E non è ipotizzabile una sostanziale inversione dell’onere della prova, sul solo presupposto che la creazione del patrimonio separato rappresenti di per sé l’elemento materiale della sottrazione del patrimonio del debitore».
    E afferma che la scelta dei coniugi di costituire un fondo rappresenta uno dei modi legittimi di attuare e indirizzare le esigenze del nucleo familiare: «A ciò deve aggiungersi, sia sotto il profilo della idoneità degli atti a pregiudicare l’esecuzione coattiva, sia sotto il profilo della prova della sussistenza del dolo specifico di frode, la necessità di dimostrare che la costituzione del fondo patrimoniale abbia in concreto messo in pericolo la garanzia patrimoniale».
    La Cassazione, infine, annulla l’ordinanza impugnata e rinvia al Tribunale affinché proceda a nuovo giudizio sui soli aspetti relativi all’indagine sull’esistenza di altri beni idonei a soddisfare le pretese del fisco, e facendo corretta applicazione dei principi di diritto enunciati.

     

    Osservazioni.

    In sintesi, la Cassazione conferma che, se vi siano beni non inclusi nel fondo patrimoniale di valore idoneo a garantire l’Erario, il giudice deve adeguatamente motivare perché la costituzione del fondo sarebbe idonea a rendere più difficile la riscossione.
    Disposizioni rilevanti.
    DECRETO LEGISLATIVO 10 marzo 2000, n. 74
    Nuova disciplina dei reati in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto
    Art. 11 – Sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte
    1. E’ punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni chiunque, al fine di sottrarsi al pagamento di imposte sui redditi o sul valore aggiunto ovvero di interessi o sanzioni amministrative relativi a dette imposte di ammontare complessivo superiore ad euro cinquantamila, aliena simulatamente o compie altri atti fraudolenti sui propri o su altrui beni idonei a rendere in tutto o in parte inefficace la procedura di riscossione coattiva. Se l’ammontare delle imposte, sanzioni ed interessi è superiore ad euro duecentomila si applica la reclusione da un anno a sei anni.

    2. E’ punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni chiunque, al fine di ottenere per sé o per altri un pagamento parziale dei tributi e relativi accessori, indica nella documentazione presentata ai fini della procedura di transazione fiscale elementi attivi per un ammontare inferiore a quello effettivo od elementi passivi fittizi per un ammontare complessivo superiore ad euro cinquantamila. Se l’ammontare di cui al periodo precedente è superiore ad euro duecentomila si applica la reclusione da un anno a sei anni.

    QR Code – Take this post Mobile!
    Use this unique QR (Quick Response) code with your smart device. The code will save the url of this webpage to the device for mobile sharing and storage.

    Info sul autore

    Titolare Graziotto Legal - Studio Legale Graziotto

    Studio Legale Graziotto Via Zeffiro Massa, 1 18038 Sanremo (IM) Tel. +39 0184 1894317- Cell. +39 348 0017380 Curriculum http://www.studiograziotto.com/gp/LPage.aspx?k=profile Siti Web: http://www.studiograziotto.com http://www.graziottolegal.com PROFILO PROFESSIONALE SINTETICO Studio Legale, improntato al concetto di «boutique legale», caratterizzato per la riservatezza assoluta e l’unicità nel segmento Corporate Legal (clientela aziendale operante in numerosi settori di attività). Una delle poche realtà a struttura snella e flessibile con vocazione internazionale e capacità di intervento a 360° anche all’estero in circa 60 Paesi. Il titolare ha oltre 15 anni di esperienza specifica in operazioni straordinarie aziendali, anche in ambito internazionale. E’ Pioniere del concetto di «Scudo Legale» per prevenire e contenere i rischi legali. Vanta collaborazioni editoriali e pubblicazioni, docenze, interventi e corsi di specializzazione, competenze linguistiche ed esperienze diversificate nei contesti d’impresa. Practices: Arbitrato e contenzioso in tutte le sedi, anche internazionali • Diritto ambientale • Diritto amministrativo • Diritto bancario e assicurativo • Diritto civile • Diritto commerciale e contrattuale • Diritto della concorrenza e della proprietà industriale • Diritto del lavoro (solo tutela della parte datoriale) • Diritto dell'Unione europea • Diritto dei trasporti • Diritto fallimentare • Diritto immobiliare • Diritto internazionale privato • Diritto penale • Diritto societario • Diritto tributario e doganale • Finanza d'impresa e operazioni straordinarie aziendali (acquisizioni, fusioni, scissioni, affitti, cessioni e conferimenti di aziende, rami d’azienda, partecipazioni societarie) • Internazionalizzazione

    Articoli Scritti : 142

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1