Failing Law Schools. Crolla il numero degli iscritti alle facoltà giuridiche.
  • INPS: Crolla il numero delle nuove pensioni a causa dell’innalzamento dell’età media.
  • Il Giappone abbandona il nucleare.
  • " /> Failing Law Schools. Crolla il numero degli iscritti alle facoltà giuridiche.
  • INPS: Crolla il numero delle nuove pensioni a causa dell’innalzamento dell’età media.
  • Il Giappone abbandona il nucleare.
  • "/>
    You Are Here: Home » Notizie » CERNOBYL: Crolla parte del muro e della copertura dell’edificio turbine del reattore nucleare numero 4.

    CERNOBYL: Crolla parte del muro e della copertura dell’edificio turbine del reattore nucleare numero 4.

    Il 12 febbraio una parte del muro e della copertura dell’edificio turbine del reattore numero 4 della centrale nucleare di Cernobyl è crollata.

    Secondo quanto riferito dai media, Valery Kalchenco, capo della sottocommissione del Parlamento Ucraino sulle conseguenze della catastrofe di Cernobyl ha dichiarato che parte della copertura dell’edificio turbine tra l’Unità 3 e 4 della centrale è crollata per il peso della neve accumulatasi. L’area colpita dal crollo è di circa 500-600 metri quadrati. Sempre secondo la stessa fonte, le unità d’emergenza e le forze militari sono già sul posto e stanno rimuovendo i detriti e la neve, mentre le radiazioni in ambiente sono nella norma.

    A dispetto delle dichiarazioni tranquillizzanti, Greenpeace ritiene doveroso non minimizzare questi segnali.

    “Anche se il livello di radioattività nell’ambiente non ha subito variazioni, il segnale è preoccupante. – afferma Giuseppe Onufrio, direttore Esecutivo di Greenpeace Italia – Se le lastre iniziano a cedere nella sala turbine, non vi è alcuna garanzia che la struttura di protezione costruita nel 1986 non crolli. Il sarcofago costruito a protezione del nucleo della centrale non può reggere ancora a lungo ed è questo il motivo per cui si sta costruendo una nuova struttura”.

    Il problema maggiore del sarcofago è dato dalla polvere che si sta accumulando all’interno della struttura. Questa polvere è radioattiva e se si dovesse disperdere per decine di chilometri nella zona circostante la centrale creerebbe dei seri pericoli, contaminando l’area.

    “Nonostante siano trascorsi quasi 30 anni dal disastro di Cernobyl, la centrale resta un pericolo per la vita delle persone. Rimarrà un problema per i secoli a venire. La cosa più preoccupante è che ognuno dei 400 reattori funzionanti nel mondo è una potenziale Cernobyl. Fukushima lo ha dimostrato” – conclude Onufrio.

    Info sul autore

    Articoli Scritti : 927

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1