L’Associazione Nazionale Magistrati (Anm) ha espresso “forte indignazione per il contenuto del videomessaggio diffuso… dal senatore Silvio Berlusconi e contenente gravissimi attacchi alla magistratura, attacchi che si risolvono in una vera e propria aggressione ai principi su cui si fonda uno Stato di diritto”.

“Tali accuse – dice l”Anm – costituiscono l’ennesima, grottesca e stanca ripetizione di concetti vecchi ma non per questo meno gravi”.

“Non è in discussione – prosegue il comunicato – il diritto di una persona condannata di sostenere le proprie difese e di criticare le decisioni giudiziarie. Non sono, invece, accettabili e vanno respinte con fermezza ricostruzioni false di vicende processuali che si sono svolte nel rispetto della legge e delle garanzie della difesa, come riconosciuto dalla stessa Corte di Cassazione”.

“Quelle accuse – dice l’Associazione nazionale magistrati – si inseriscono in una strategia di delegittimazione della magistratura che dura da troppo tempo e che ora si intensifica nel tentativo di vanificare gli effetti di una sentenza definitiva, in violazione del principio di eguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge. Sono accuse che chiamano in causa non solo la magistratura, ma lo Stato di diritto, le sue regole e le sue Istituzioni: ed è a queste che la magistratura associata si rivolge per denunciare il rischio che simili attacchi possano indebolire la credibilità di tutte le Istituzioni democratiche”.