APPALTI – Dichiarazione ex art. 38, c. 1 d.lgs. n. 163/2006 – Fungibilità con la certificazione di qualità SOA – Inconfigurabilità.


Ancorché ai fini del rilascio della certificazione di qualità da parte della SOA occorra attestare, ai sensi dell’art. 78, comma 3, del d.P.R. 207/2010, il possesso dei requisiti di carattere generale di cui all’art. 38, comma 1, lettere b) e c) del codice dei contratti pubblici, spetta comunque alla stazione appaltante, nei termini e secondo le modalità riportate a pena d’esclusione nel bando di gara, la verifica concreta del possesso di detti requisiti di carattere generale, trattandosi di requisiti di onorabilità, moralità e professionalità soggettivamente indefettibili, ossia intrinsecamente legati al soggetto concorrente e alla sua personale idoneità a porsi come valido e affidabile contraente per l’amministrazione, e che vanno pertanto dichiarati come sussistenti alla data di presentazione della domanda di partecipazione e non con riferimento alla (diversa) data in cui l’attestazione SOA viene rilasciata.


Pres. Amoroso, Est. Mattei – Ditta C. e altro (avv.ti Zatachetto, Ruffo e Tognetti) c. Camera di Commercio, Industria Artigianato e Agricoltura di Verona (avv.ti Sartori e Sartori)

Vedi altre massime e sentenza per esteso  – TAR VENETO, Sez. 1^ – 15 ottobre 2013, Sentenza n.

 

Banche Dati giuridiche: Giurisprudenza  – Legislazione – Dottrina
Info sugli Abbonamenti