AmbienteDiritto.it

Rivista Giuridica on line – ISSN 1974-9562

Newsletter del 10 aprile 2018 n.11 – ANNO XVIII n. 11/2018                                 Seguici su:    

 

  Giurisprudenza

 

ACQUA – INQUINAMENTO IDRICO – Trattamento delle acque reflue urbane – Direttiva 91/271/CEE – Sentenza della Corte che accerta un inadempimento – Mancata esecuzione – Sanzioni pecuniarie – Somma forfettaria – Penalità – Inadempimento di uno Stato (Grecia) – TUTELA DEI CONSUMATORI – Infrazioni al diritto dell’Unione – Incidenza sulla salute umana e sull’ambiente – Reiterazione di infrazioni da parte di uno Stato membro – Effetti – DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO – Condanna al pagamento di una somma forfettaria e determinazione dell’importo – Criteri specifici – Complesso degli elementi rilevanti – Caratteristiche dell’inadempimento – Potere discrezionale nel decidere in merito – Articolo 260, paragrafo 2, TFUE – Giurisprudenza. CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 3^ 22/02/2018 Sentenza causa C-328/16

AGRICOLTURA E ZOOTECNIA – Prodotti fitosanitari – Immissione in commercio dei prodotti fitosanitari – Istituzione di un elenco di sostanze candidate alla sostituzione – Inserimento in tale elenco della sostanza “composti di rame” – Ricorso di annullamento – Atto regolamentare che non comporta alcuna misura di esecuzione – Nozione – Persona individualmente interessata – LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE – ASSOCIAZIONI – Difesa degli interessi collettivi dei produttori – DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO – Impugnazione – Regolamento di esecuzione (UE) 2015/408 – Requisiti di ricevibilità – Articolo 263, c.4, TFUE. CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. Un. 13/03/2018 Sentenza causa C-384/16 P

* APPALTI – Affidamento diretto – Rispetto dei principi di pubblicità e trasparenza – Aperura delle buste in seduta pubblica – Affidamento di contratti di valore inferiore ai 40.000 euro – Art. 36, c. 2 d.lgs. n. 50/2016 – Deroga ai principi di cui all’art. 95 del codice degli appalti – E’ consentita. TAR PIEMONTE – 22 marzo 2018

* APPALTI – Gravi illeciti professionali – Art. 80, c. 5 d.lgs. n. 50/2016 – Onere dichiarativo – Fase di esecuzione del contratto – Intervenute revoche di precedenti gare – Onere di comunicazione – Insussistenza. TAR CAMPANIA, Salerno – 28 marzo 2018

* APPALTI – Legge di gara – Eterointegrazione – Artt. 1339 e 1341 c.c. – Limiti – Offerta migliorativa – Criteri di miglioramento dell’offerta. TAR MARCHE – 3 aprile 2018

* APPALTI – Rito ex art. 120, c. 2-bis c.p.a. – Interesse a ricorrere – Individuazione – Oneri dichiarativi – Adempimento – Successive richieste di documentazione e specificazione – Non costituiscono soccorso istruttorio. TAR SICILIA, Catania – 9 aprile 2018

APPALTI – Subappalto – RIFIUTI – Gestione dei rifiuti prodotti dalla ditta subappaltatrice – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Estinzione per amnistia o prescrizione del reato – Decisione su gli interessi civili – Risarcimento del danno – Artt. 256 e 260 d.lvo n.152/2006 – Artt. 129 e 578 cod. proc. pen. – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 16/01/2018, Sentenza n.1581

* APPALTI – Valutazione delle offerte – Confronto a coppie – Linee guida atipiche di cui all’art. 213, c. 2 d.lgs. n. 50/2016 – Votazione indipendente da parte di ciascun commissario – Natura non vincolante delle linee guida in esame – Violazione in mancanza di giustificazione sulle ragioni che hanno indotto la stazione appaltante a discostarsene – Eccesso di potere. TAR ABRUZZO, Pescara – 28 marzo 2018

ASSOCIAZIONI E COMITATI – Reati ambientali – Associazioni ambientaliste – LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE – Costituzione parti civili iure proprio – DANNO AMBIENTALE – Risarcimento del danno patrimoniale e morale – RIFIUTI – Sversamento non autorizzato di materiale organico stannico – Analisi dei sedimenti marini – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Estinzione per prescrizione del reato – Decisione su gli interessi civili – Artt. 109, 256 e 260 d.lvo n.152/2006 – Reato di getto pericoloso di cose – Art. 674 cod. pen. – D.M. 173/2016 – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 18/01/2018, Sentenza n.1992

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Trasferimento all’estero di cose di interesse culturale di non eccezionale rilevanza – Modifiche introdotte – Disciplina applicabile – Reato di uscita o esportazione illecite di cose di interesse culturale – Configurabilità indipendentemente dalla produzione di un danno al patrimonio artistico nazionale – Attestato di libera circolazione – Licenza di esportazione – Giurisprudenza – Esportazione di cose di interesse culturale al di fuori del territorio dell’Unione Europea – Disciplina vigente – Natura e definizione dell’interesse “culturale” – Caratteristiche oggettive del bene – Beni appartenenti allo Stato – Vincolo culturale – Valutazione in ordine all’esistenza di un interesse culturale (artistico, storico, archeologico o etnoantropologico) – Verifiche dell’Amministrazione preposta alla tutela – Inattendibilità della valutazione tecnico-discrezionale compiuta – Profili di incongruità ed illogicità evidente – Artt. 2, 10, 12, 13, 14, 65, 66, 67, 68 174 e 175 d.lgs. n. 42/2004 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Travisamento della prova – Casi di configurabilità – Effetti. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 08/03/2018, Sentenza n.10468

CACCIA – Prelievo venatorio in deroga dello storno – Art. 1 l.r. Marche n. 7/2015 – Illegittimità costituzionale. CORTE COSTITUZIONALE – 5 aprile 2018, n. 70

DIRITTO DELL’ENERGIA – Art. 111, c. 2 l.r. Veneto n. 30/2016 – Previsione, in via generale, di distanze minime per la collocazione degli impianti di energia a fonte rinnovabile – Illegittimità costituzionale – Art. 111, c. 5 l.r. Veneto n. 30/2016 – Impianti energetici – Piani energetici comunali – Contrasto con il paragrafo 14.5 delle linee guida – Illegittimità costituzionale. CORTE COSTITUZIONALE – 5 aprile 2018, n. 69

* DIRITTO DEMANIALE – Concessione per l’installazione di un chiosco sulla spiaggia comunale – Esercizio di funzioni pubbliche lesive di un interesse legittimo – Tecnica di accertamento della lesione – Valutazione prognostica della mera aspettativa o esito favorevole della richiesta – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Responsabilità della Pubblica Amministrazione – RISARCIMENTO DEL DANNO – Prova del nesso di causalità tra l’atto illegittimo ed il danno lamentato – Estremi del dolo o della colpa – Insufficiente la mera illegittimità del provvedimento amministrativo – Lesione di interessi pretensivi – Illegittimo diniego del richiesto provvedimento o di ingiustificato ritardo nella sua adozione – Art. 2043 cod. civ.. CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez. 1^ 12/01/2018

DIRITTO SANITARIO – Medicinali per uso umano – Procedura decentrata di autorizzazione all’immissione in commercio di un medicinale – Medicinale generico – Periodo di protezione dei dati del medicinale di riferimento – Potere delle autorità competenti degli Stati membri – Determinazione della data di decorrenza del periodo di protezione – Competenza, da parte dei giudici degli Stati membri interessati, a sindacare la determinazione della data di decorrenza del periodo di protezione – Tutela giurisdizionale effettiva – Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea – Artt.10, 28 e 29 Direttiva 2001/83/CE. CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.2^ 14/03/2018 Sentenza C-557/16

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Comuni siti in zone sismiche – Artt. 28, c. 10 e 56, c. 3 l.r. Umbria n. 1/2015 – Attribuzione del compito di rendere il parere sugli strumenti urbanistici ai Comuni – Illegittimità costituzionale – Interventi consentiti in assenza di piano attuativo – Art. 59, c. 3 l.r. Umbria n. 1/2015 – Contrasto con le previsioni di cui all’art. 9, c. 2 d.P.R. n. 380/2001 – Illegittimità costituzionale – Opere interne – Art. 118, c. 1, lett. e) l.r. Umbria n. 1/2015 – Inclusione tra gli interventi di edilizia libera – Contrasto con l’art. 7, c. 1 d.P.R. n. 380/2001 – Illegittimità costituzionale – Artt. 147, 155 e 118, c. 2, lett. h) l.r. Umbria n. 1/2015 – Disciplina dei mutamenti di destinazione d’uso degli edifici – Definizione delle diverse categorie di interventi – Contrasto con le definizioni contenute nel d.P.R. n. 380/2001 – Illegittimità costituzionale – Rischio sismico – Art. 250 l.r. Umbria n. 1/2015 – Introduzione di categorie di interventi edilizi ignote alla legislazione statale – Sottrazione alla vigilanza sul rischio sismico – Illegittimità costituzionale – Rischio sismico – Art. 258 l.r. Umbria n. 1/2015 – Introduzione di un condono edilizio straordinario – Illegittimità costituzionale – Art. 264, c. 14 l.r. Umbria n. 1/2015 – Contrasto con il principio dell’accertamento di doppia conformità di cui all’art. 36 d.P.R. n. 380/2001 – Illegittimità costituzionale – ACQUA E INQUINAMENTO IDRICO – Concessione di piccola derivazione d’acqua – Art. 264, c. 16 l.r. Umbria n. 1/2015 – Qualifica di “autorizzazione annuale all’attingimento – Riduzione del livello di protezione fissato dalla legge statale – Illegittimità costituzionale. CORTE COSTITUZIONALE – 5 aprile 2018, n. 68

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Procedimento per il rilascio del titolo edilizio – Vicini – Comunicazione ex art. 7 l. n. 241/1990 – Non è dovuta – Eccezioni – Costituzione di un condominio – Edifici autonomi – Sussistenza di opere comuni – Condominio – Proprietario dell’ultimo piano – Facoltà di sopraelevare – Art. 1127 c.c. – Riconoscimento da parte degli altri condomini – Necessità – Esclusione – Asservimento – Nozione – Accordo – Efficacia obbligatoria – Trasferimento di cubatura – Provvedimento concessorio – Trascrizione dell’atto di asservimento – Opponibilità ai terzi – Norme sulle distanze – Compatibilità con la disciplina del condominio – Limiti – Contrasto – Prevalenza della normativa speciale in materia di condominio – Sopraelevazione di un edificio preesistente – Nuova costruzione – Normativa sulle distanze vigente al momento della sua realizzazione. TAR LOMBARDIA, Brescia – 26 marzo 2018

INQUINAMENTO ATMOSFERICO – Concentrazioni di particelle PM10 nell’aria ambiente – Superamento dei valori limite in alcune zone e agglomerati – Art. 23, par.1 – Piani per la qualità dell’aria – Periodo di superamento “più breve possibile” – Assenza di azioni appropriate nei programmi di protezione della qualità dell’aria ambiente – Inadempimento di uno Stato (Polonia) – Direttiva 2008/50/CE – Qualità dell’aria ambiente – Art.13, par. 1 – Art. 22, par.3 – Allegato XI – Trasposizione scorretta – Ricorso per inadempimento, ai sensi dell’articolo 258 TFUE – DIRITTO PROCESSUALE EUROPEO – Trasposizione in diritto interno di una direttiva – Criteri – Contesto giuridico generale che garantisca la piena applicazione di tale direttiva in modo sufficientemente chiaro e preciso. CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 3^ 22/02/2018 Sentenza causa C-336/16

* INQUINAMENTO ATMOSFERICO – Normale tollerabilità (art. 844 cc) – Limite di tollerabilità delle immissioni – Concreta destinazione naturalistica ed urbanistica – Condizioni per il superamento della normale tollerabilità – Valutazione caso per caso – Concreto accertamento del giudice di merito – Insindacabilità in sede di legittimità – Fattispecie: esecuzione di lavori edili – DIRITTO PROCESSUALE CIVILE – Apprezzamento delle prove non legali da parte del giudice di merito – Ricorso per cassazione e c.d. riduzione al “minimo costituzionale” del sindacato di legittimità sulla motivazione – Art. 360, c.1, n. 5, c.p.c.. CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez. 3^ 14/03/2018

INQUINAMENTO ATMOSFERICO – Quote di emissioni di gas a effetto serra nell’Unione europea – Sistema per lo scambio – Armonizzazione delle procedure di assegnazione gratuita delle quote di emissioni – Norme transitorie – Periodo 2013-2020 – Domanda di assegnazione – Dati errati – Rettifica – Termine di decadenza – Rinvio pregiudiziale – Art.10 bis Direttiva 2003/87/CE – Decisione 2011/278/UE. CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.1^ 22/02/2018 Sentenza C-572/16

INQUINAMENTO ATMOSFERICO – Sistema di scambio di quote di emissione di gas a effetto serra nell’Unione europea – Sfera di applicazione – Attività soggette al sistema di scambio – Produzione di polimeri – Utilizzazione di calore fornito da un impianto terzo – Domanda di assegnazione di quote di emissioni a titolo gratuito – Periodo 2013-2020 – Rinvio pregiudiziale – Art. 2, par.1 All. I Direttiva 2003/87/CE. CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 1^ 28/02/2018 Sentenza causa C-577/16

* RIFIUTI – Assegnazione di un CER – Codice c.d. “a specchio” – Obblighi del produttore/detentore – Presenza di sostanze pericolose e superamento delle soglie di concentrazione – Violazione – Accertamento – Principio di precauzione – Gestione dei rifiuti – Voci a specchio – VIA – Violazione delle prescrizioni dell’autorizzazione integrata ambientale – Art. 29 quattuordecies co. 3 lett. b) e co. 4, in relazione all’art. 29 sexies del d. lgs. 152/2006 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Misure cautelari reali – Impugnazione – C.d. “effetto devolutivo” del riesame – Requisiti della concretezza e attualità – Ricorso per cassazione contro ordinanze emesse in materia di sequestro preventivo o probatorio. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 4^ 09/02/2018

RIFIUTI – Attività di demolizione edifici (o strade) – Definizione di processo di produzione – Qualifica di rifiuti e non di sottoprodotti – Presupposti normativi – Raccolta e stoccaggio di rifiuti speciali non pericolosi – Attività di demolizione di manufatti da diversi cantieri – Regime giuridico più favorevole – Qualifica di Sottoprodotti e sussistenza dei presupposti – Necessità – Intenzioni del produttore e osservanza delle disposizioni – Deposito temporaneo – Gestione e smaltimento dei rifiuti – Fattispecie – Artt. 183, 184, 184 bis e 256 d.lgs. n. 152/2006. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 23/02/2018, Sentenza n.8848

RIFIUTI – Concetto di gestione di una discarica abusiva – Trasformazione di un sito a luogo adibito a discarica – Fattispecie: Depositato in un capannone in assenza di valore economico dei beni ivi collocati e soprattutto dell’oggettivo disinteresse al loro recupero – Realizzazione di una discarica abusiva – Mero accumulo senza alcun ulteriore riutilizzo – Condotta abituale o plurimi conferimenti – Differenza tra abbandono di rifiuti e discarica abusiva – Requisito della mera occasionalità – Unicità ed estemporaneità della condotta – Artt. 255, 256, comma 3, d.lgs. 3 aprile 2006, n. 152 – Giurisprudenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Concessione d’ufficio della sospensione condizionale della pena – Mancato esercizio del potere discrezionale – Giudice di appello – Motivazione – Necessità – Esclusione – Art. 597, c.3, cod. proc. pen.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 05/03/2018, Sentenza n.9879

RIFIUTI – Discarica abusiva – Reato di deposito incontrollato di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi – Natura di reato abituale – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto – Esclusione – Art. 256, co. 1 e 3, d. lgs. n. 152/2006. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 7^ 13/03/2018, Ordinanza n.11255

RIFIUTI – Gestione non autorizzata – Trasporto e smaltimento di rifiuti speciali non pericolosi – Rifiuti da demolizioni/lavori edili senza la prescritta autorizzazione – Responsabilità del rappresentante legale per il trasporto illecito effettuato dal dipendente – Albo Nazionale Gestori Ambientali – Iscrizione dei mezzi di trasporto – Necessità – Artt. 192 e 256 d. lgs. n.152/2006 – Giurisprudenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Giudizio di Cassazione – Preclusione al giudice di legittimità della rilettura degli elementi di fatto – Motivi di ricorso per Cassazione non deducibili – Difetto di motivazione in ordine alla valutazione di una dichiarazione testimoniale – Difetto di specificità del motivo – Sospensione condizionale della pena o della non menzione della condanna – Mancata concessione “ex officio” – Richiesta benefici nel corso del giudizio di merito – Necessità – Causa di non punibilità – Applicazione e limiti – Particolare tenuità del fatto. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 28/02/2018, Sentenza n.9056

RIFIUTI – Occasionalità del trasporto – Criteri e indici sintomatici – Configurabilità del reato – Natura di illecito istantaneo – Condotta di assoluta occasionalità – Definizione e qualificazione di rifiuto – Finalità della normativa europea – Giurisprudenza della Corte di Giustizia – Intenzione del detentore – Ininfluenza – Attività di gestione – Mancanza di autorizzazione, iscrizione o comunicazione – Irrilevanza penale della condotta in ragione della occasionalità – Presupposti e limiti – Accertamento della natura di un oggetto quale rifiuto – Quaestio facti demandata al giudice di merito – Insindacabile in sede di legittimità – Fattispecie: trasporto di materiale ferroso qualificato come rifiuto – Artt. 193, 208, 209, 210, 211, 212, 214, 215 e 216 256 d.lgs. n.152/2006. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 12/03/2018, Sentenza n.10799

RIFIUTI – Rifiuti provenienti da lavori di ristrutturazione costituiti da asfalto e roccia da scavo – Illecita gestione e concorso nel reato – Responsabilità anche chi ha messo a disposizione il luogo in cui i rifiuti sono scaricati – Unitarietà del fatto collettivo – Contributo causale imprescindibile – Art.256, cc. 1 e 2 d. lgs. n.152/2006 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Giudizio di cassazione – Preclusioni sull’indagine di legittimità e sul discorso giustificativo della decisione. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 16/01/2018, Sentenza n.1570

RIFIUTI – Terra e rocce da scavo – Area di stoccaggio di rifiuti – Omesso controllo delle autorizzazioni – Responsabilità del rappresentante legale per colpa – Attribuzione di un fatto altrui (dipendenti) – Assenza di delega di funzioni idonea a scriminare – Fattispecie: Attività di raccolta, trasporto e smaltimento di rifiuti speciali non pericolosi in assenza di apposita autorizzazione – Art. 256 d. lgs. n.152/2006. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 23/03/2018, Sentenza n.13729

RIFIUTI – Traffico illecito di rifiuti – Reato estinto per prescrizione – Confisca del mezzo – Esclusione – Artt. 259 e 260 d. lgs. n.152/2006 – Giurisprudenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Confisca diretta del prezzo o del profitto del reato e confisca del mezzo utilizzato per commettere il reato – Estinzione del reato per intervenuta prescrizione – Effetti. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 28/02/2018, Sentenza n.9070

* RIFIUTI – Veicoli fuori uso – Gestione dei rifiuti pericolosi – Fattispecie: Officina meccanica e attività “hobbistica – Criteri per l’individuazione dell’attività – Artt. 183, 184, 256 d. lgs. n.152/2006. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 7^ 13/03/2018

VIA VAS AIA – Procedimento di autorizzazione di progetti pubblici e privati – Valutazione dell’impatto ambientale (di determinati progetti) – Diritto di ricorso dei membri del pubblico interessato – Ricorso prematuro – Nozioni di spese non eccessivamente onerose e di decisioni, atti o omissioni rientranti nelle disposizioni della direttiva sulla partecipazione del pubblico – Rinvio pregiudiziale – Direttiva 2011/92/UE  – Accesso alle informazioni ambientali – Partecipazione del pubblico ai processi decisionali e accesso alla giustizia in materia ambientale – Applicabilità della convenzione di Aarhus – Decisione 2005/370/CE – DANNO AMBIENTALE – Ricorso temerario o vessatorio – Assenza di un nesso tra l’asserita violazione del diritto ambientale nazionale e un danno all’ambiente. CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.1^ 15/03/2018 Sentenza C-470/16

* VIA, VAS E AIA – Procedimento di VIA – Comunicazione di avvio del procedimento – Non è dovuta – Forme di pubblicità prescritte dall’art. 24 d.lgs. n. 152/2006 – Verifica di assoggettabilità a VIA – Carattere autonomo e distinto rispetto alla VIA – Conferenza di servizi di adozione dell’AIA – Partecipazione dell’istante e del controinteressato – Non è prevista – Giudizio di compatibilità ambientale – Profili di discrezionalità amministrativa – Sindacato del giudice amministrativo – Limiti. TAR SICILIA, Catania – 30 marzo 2018

ZOOTECNIA – Latte e latticini – Prelievo supplementare sul latte – Violazione – Mancato pagamento effettivo del prelievo entro i termini impartiti – Mancato recupero in caso di omesso versamento del prelievo – Campagne dal 1995/1996 al 2008/2009 – Inadempimento di uno Stato (Italia) – Artt.79, 80 e 83 Reg. n.1234/2007/CE – Artt 15 e 17 Regolamento (CE) n. 595/2004. CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez. 4^ 24/01/2018 Sentenza causa C-433/15

Rivista Giuridica dell’Ambiente

  IL NUOVO REGOLAMENTO SULLE TERRE E ROCCE DA SCAVO. (D.P.R. 13 giugno 2017, n. 120): luci e ombre. CLAUDIA GALDENZI – FEDERICO BOEZIO

Dottrina

CONTRATTI DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI PER IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI URBANI. Brevi note sull’interpretazione della clausola revisionale in Puglia. FLORIANA GALLUCCI – LUCA VERGINE EFFETTI DELLA DOMANDA IN SANATORIA EX ART. 36 DEL DPR 380/01. PREGRESSA ADOZIONE DELL’ORDINANZA DI DEMOLIZIONE. Breve nota alla sentenza del TAR Puglia – sez. di Lecce – del 22.03.18 n.468. LUCA VERGINE

ATTUAZIONE DEL GDPR IN AMBITO SANITARIO. PIERLUIGI PISELLI – FRANCESCO ANASTASI

LA PRESCRIZIONE DEI REATI IN MATERIA DI EVASIONE DELL’I.V.A. Sul possibile seguito nazionale della giurisprudenza comunitaria. GIANCARLO ANTONIO FERRO

PRINCIPIO DI COESIONE EUROPEA E SVILUPPO ISTITUZIONALE ED ECONOMICO. European cohesion principle and the institutional and economic development of an insular region: the case of Sicily. GAETANO ARMAO

ANALFABETISMO E AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO (Osservazioni a margine di C. Cass., I sez. civ., ord. n. 4709 del 2018). GIANCARLO ANTONIO FERRO




QuotidianoLegale

CODICE DEI CONTRATTI: Contratti di partenariato pubblico privato, Linee guida n.9.

CODICE DEI CONTRATTI: infungibilità negli acquisti in ambito sanitario – Linee guida n. 8.

CODICE APPALTI: Documento di gara unico europeo (DGUE) in formato elettronico.

Premi di risultato e welfare aziendale.

Reati di bancarotta fraudolenta documentale e occultamento scritture contabili, configurabilità del concorso. Fulvio Graziotto

COMMERCIALISTA: All’ordine di esibizione può opporre il segreto professionale. Fulvio Graziotto

COST SHARING AGREEMENT: Inerenza dei costi da valutare per ogni periodo d’imposta. Fulvio Graziotto

EMISSIONI INQUINANTI: riduzione delle emissioni nazionali di determinati inquinanti atmosferici.

BIOLOGICO: controlli in materia di produzione agricola e agroalimentare biologica.

URBANISTICA: Sanatoria edilizia condizionata.

AMBIENTE: Conservazione degli habitat e gas fluorurati a effetto serra.

Newsletter del 27 marzo 2018 n.10 – ANNO XVIII n. 10/2018

Giurisprudenza

* APPALTI – Concessione di servizi – Definizione – Art. 3, c. 1, lett. vv) d.lgs. n. 50/2016 – Elementi qualificanti – Traslazione del rischio operativo e direzione del servizio nei confronti dell’utenza – Suddivisione in lotti – Principio di carattere generale, derogabile per giustificati motivi – Art. 51 d.lgs. n. 50/2016 – Appalti di concessione – Mancata esplicita previsione normativa – Criterio preferenziale – Requisito del fatturato specifico – Requisiti di capacità economica e finanziaria – Contratti di concessione – Applicabilità della disposizione di cui all’art. 83, c. 5 d.lgs. n. 50/2016 – Limite del doppio del valore stimato dell’appalto – Impugnazione immediata del bando di gara – ipotesi individuate dalla giurisprudenza. CONSIGLIO DI STATO – 21 marzo 2018

* APPALTI – Garanzie atipiche – Lettera di patronage – Nozione – Contratto di avvalimento – Società capogruppo – Impegno diretto ad assicurare la regolare esecuzione dell’appalto da parte della controllata – Capacità economico-finanziaria della controllata – Dimostrazione – Art. 86, c. 4 d.lgs. n. 50/2106 – Avvalimento infragruppo – Onere probatorio e documentale semplificato. CONSIGLIO DI STATO – 21 marzo 2018

* APPALTI – Offerta tecnica – Valutazioni dei singoli commissari – Divergenza – Dialettica propria dell’organo collegiale – Decisione collegiale finale – Momento di sintesi della comparazione e composizione dei giudizi individuali. CONSIGLIO DI STATO – 20 marzo 2018

* APPALTI – Procedure telematiche – Art. 58 d.lgs. n. 50/2016 – Mancata previsione di una seduta pubblica – Ragioni – Principio di pubblicità delle sedute – Evoluzione tecnologica – Garanzia di tracciabilità e inviolabilità. TAR VENETO – 13 marzo 2018

* APPALTI – Procedure telematiche – Garanzia di segretezza dell’offerta – Corretto caricamento dell’offerta economica nel sistema – Produzione dell’offerta economica unitamente alla documentazione amministrativa – Astratta conoscibilità – Esclusione dalla gara – Legittimità. TAR PUGLIA, Bari – 17 marzo 2018

* APPALTI – PROCESSO AMMINISTRATIVO – Controversie inerenti la revisione dei prezzi – Giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo – Art. 133, c. 1, lett. e), c. 2, c.p.a. – Natura giuridica della situazione azionata – Rilevanza – Interesse legittimo (richiesta di effettuare la revisione) e diritto soggettivo (determinazione quantitativa del compenso revisionale). TAR LIGURIA – 16 marzo 2018

* APPALTI – Sopralluogo – Art. 79, c. 2 d.lgs. n. 50/2016 – Potere discrezionale in capo all’amministrazione – Essenzialità o meno del sopralluogo – Congruità dell’adempimento alla prestazione richiesta – Inadempimento dell’operatore – Esclusione – Legittimità. TAR LIGURIA – 21 marzo 2018

* APPALTI – Utilizzo della lingua italiana nella redazione dell’offerta – Art. 134 d.lgs. n. 50/2016 – Allegati tecnici eventualmente prescritti – Possibile produzione in lingua originale. TAR MOLISE – 7 marzo 2018

* BENI CULTURALI E AMBIENTALI – Autorità preposta alla gestione del vincolo – Tutela dei valori paesaggistici – Finalità tendenzialmente esclusiva – Comparazione con interessi pubblici concomitanti – Esclusione. TAR SARDEGNA – 8 marzo 2018

CACCIA – Divieti speciali di caccia – Estensione del divieto per l’intera stagione venatoria e per più stagioni venatorie – Violazione dell’art. 33, c. 8 l.r. Toscana n. 3/1994 – Periodi limitati – Esigenze di carattere temporaneo e contingente. TAR TOSCANA, Sez. 2^ – 12 marzo 2018, n. 360

DIRITTO DEL LAVORO – 231 – Responsabilità dipendente da reato degli enti e persone giuridiche – Sequestro preventivo dell’azienda – Confisca per equivalente – Custode amministratore giudiziario – Nomina dell’amministratore giudiziario – Art. 321 cpp – Artt.15, 19, 25 undecies, 47,52 e 53 d.lgs 231/01. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 12/02/2018, Sentenza n.6742

DIRITTO DELL’ENERGIA – Criteri rilevanti per la classificazione di una merce come oli da gas – Classificazione delle merci – Norma europea armonizzata EN 590:2013 – Sottovoce 2710 19 43 della nomenclatura combinata – Tariffa doganale comune – Rinvio pregiudiziale – Regolamento n.2658/87/CEE. CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.10^ 22/02/2018 Sentenza C-185/17

DIRITTO DELL’ENERGIA – Tassazione dei prodotti energetici e dell’elettricità – Prodotti energetici utilizzati per produrre elettricità – Obbligo di esenzione – Prodotti energetici per la generazione combinata di calore e di energia – Facoltà di esenzione o di riduzione del livello di tassazione – Gas naturale destinato alla cogenerazione di calore e di elettricità – Rinvio pregiudiziale – Direttiva 2003/96/CE. CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.1^ 07/03/2018 Sentenza C-31/17

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Condotta di colui che edifica un manufatto in contrasto con le norme urbanistiche e paesaggistiche e colui che, realizzando un’opera di tipo precario (o così rappresentata) – Art.44 d.P.R. n.380/2001 – Reato di esecuzione di lavori in assenza di permesso di costruire o con titolo illegittimo (contra legem) – Titolo abilitativo “provvisorio” – Caratteri di precarietà di un’opera. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 05/03/2018, Sentenza n.9876

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Lottizzazione abusiva – Intento lottizzatorio – Nozione – Elementi indiziari – Buona fede degli acquirenti – Irrilevanza – Lottizzazione abusiva cartolare – Scopo edificatorio – Unico indizio – Sufficienza. TAR SARDEGNA – 14 marzo 2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Permesso di costruire – Differenza tra opere stagionali e precarie – Natura, effetti e disciplina applicabile – Giurisprudenza – BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Opera stagionale – Mancata rimozione allo spirare del termine stabilito – Configurabilità del reato urbanistico e paesaggistico – Fatti unificati nel vincolo della continuazione – Artt. 44 lett. e) d.P.R. n. 380/2001 e 181 d.lgs n.42/2004 – AREE PROTETTE – Aree vincolate – Esecuzione di interventi (anche non edilizi) – Assenza della preventiva autorizzazione – Reato paesaggistico – Natura di reato formale e di pericolo – Bene protetto dal vincolo – Uso diverso da quello a cui è destinato – DIRITTO DEMANIALE – Indipendenza tra titoli abilitativi e concessione demaniale – Presupposti per il rilascio – Effetti diversificati del permesso di costruire, dell’autorizzazione paesaggistica e della concessione demaniale. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 05/03/2018, Sentenza n.9872

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Sanatoria e requisito della doppia conformità – Permesso di costruire in sanatoria – Limiti – Asservimento attraverso l’accorpamento di terreni adiacenti – Fattispecie: piscina interrata e opere connesse – Artt.31, 36, 44 e 45 d.P.R. n.380/2001 – Sanatoria degli abusi edilizi e estinzione del reato – Doppia conformità delle opere alla disciplina urbanistica – Limiti alla legittimazione postuma di opere originariamente abusive – C.d. sanatoria “giurisprudenziale” o “impropria” – Fattispecie: asservimento della volumetria necessaria espressa da un fondo limitrofo – Doppia conformità alla disciplina urbanistica ed edilizia – Criteri di verifica – Fattispecie: asservimento di maggiori superfici a quelle originariamente disponibili – Carattere della pertinenza – Presupposti per l’esclusione del permesso di costruire – Oggettiva esigenza funzionale dell’edificio principale – Sfornito di un autonomo valore di mercato – Volume non superiore al 20% di quello dell’edificio cui accede – Mancanza del requisito della doppia conformità – Effetti della c.d. sanatoria impropria – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Revoca dell’ordine di demolizione – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 22/02/2018, Sentenza n.8540

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Mera demolizione di opere esistenti – Assoggettamento a permesso di costruire – Esclusione. TAR LAZIO, Roma – 27 marzo 2018

INQUINAMENTO ATMOSFERICO – Sistema di scambio di quote di emissioni di gas a effetto serra nell’Unione europea – Art. 10 bis Direttiva 2003/87/CE – Norme transitorie ai fini dell’armonizzazione delle procedure di assegnazione gratuita delle quote di emissioni – Periodo 2013-2020 – Art. 3, lettera h) Decisione 2011/278/UE – Nozione di “sottoimpianto con emissioni di processo” – Emissioni derivanti dalla combustione di carbonio parzialmente ossidato – Residui liquidi – Esclusione – Rinvio pregiudiziale. CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.6^ 18/01/2018 Sentenza C-58/17

INQUINAMENTO ATMOSFERICO – Sistema di scambio di quote di emissione di gas a effetto serra nell’Unione europea – Sfera di applicazione – Attività soggette al sistema di scambio – Produzione di polimeri – Utilizzazione di calore fornito da un impianto terzo – Domanda di assegnazione di quote di emissioni a titolo gratuito – Periodo 2013-2020 – Rinvio pregiudiziale – Art. 2, par.1 – All. I Direttiva 2003/87/CE. CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.1^ 28/02/2018 Sentenza C-577/16

MALTRATTAMENTO ANIMALI – Caratteristiche etoloqiche dell’animale – Condizioni incompatibili con la loro natura o produttive di gravi sofferenze – Sottoposizione a sevizie o comportamenti o fatiche o lavori insopportabili o crudeltà in mancanza di necessità – Elemento soggettivo del reato – Individuazione del dolo o della colpa – Fattispecie: Vicenda Green Hill – Risarcimento del danno nei confronti delle parti civili – Cani sottoposti ad eutanasia – Artt. 544 ter e 727, c.2, cod. pen.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 06/03/2018, Sentenza n.10163

* RIFIUTI – Albo Nazionale dei Gestori Ambientali – Stato di amministrazione straordinaria di impresa in crisi – Non preclude iscrizione o rinnovo. TAR EMILIA ROMAGNA, Bologna – 14 marzo 2018

RIFIUTI – Discarica abusiva – Edificazione di manufatti finalizzati all’esercizio della discarica abusiva – DANNO AMBIENTALE – risarcimento del danno nei confronti della Città metropolitana di Milano – Artt. 212, 256 d.lgs. n 152/2006. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 14/03/2018, Sentenza n.11568

RIFIUTI – Imballaggi e rifiuti di imballaggio – Recupero e riciclaggio dei rifiuti – Contributo a un fondo nazionale per l’ambiente – Immissione sul mercato nazionale dei prodotti imballati e degli imballaggi, senza intervento su questi ultimi – Principio cosiddetto «chi inquina paga» – Qualità di soggetto che inquina – Rinvio pregiudiziale – Direttiva 94/62/CE. CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.9^ 15/03/2018 Sentenza C-104/17

* RIFIUTI – Impianto di trattamento – Comuni limitrofi al luogo di ubicazione – Legittimazione e interesse ad agire – Sussistenza – AREE PROTETTE – SIC e ZPS – Piano o progetto con potenziali incidenze significative sul sito – Valutazione di incidenza – Rischio di pregiudizio del sito interessato – Principio di precauzione- Valutazione di incidenza – Strumento preventivo – Impianto già in funzione da diversi anni – Obbligo di VINCA – Esclusione – VIA, VAS E AIA – AIA – Attività che comportino utilizzo, produzione o scarico di sostanze pericolose – Relazione di riferimento – Acquisizione – Linee guida della commissione europea – INQUINAMENTO ATMOSFERICO – Emissioni odorigene – Limiti di emissione – Non sono previsti – Rilascio di autorizzazione alle emissioni in atmosfera – Profili attinenti alle molestie olfattive – BAT. TAR CALABRIA, Catanzaro – 21 marzo 2018

* RIFIUTI – Veicoli fuori uso – Operazioni di messa in sicurezza – Cessazione della qualifica di rifiuti – Presupposti – Operazione di recupero – Art. 321 cod.proc.pen. – Artt.183, 184- ter, 256 e 259 d.lgs n.152/2006 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Ricorso per cassazione avverso provvedimenti cautelari reali – Nozione di “violazione di legge”.CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 13/02/2018

VIA VAS AIA – Impianto per la produzione di energia elettrica da biomasse – Autorizzazione a effettuare lavori – Annullamento – Verifica dell’assoggettabilità a valutazione di impatto ambientale – Regolarizzazione a posteriori dell’autorizzazione in base a nuove disposizioni di diritto nazionale successivamente dichiarate incompatibili – Nuova procedura di valutazione – Necessità – Direttiva 2011/92/UE – DIRITTO DELL’ENERGIA – Produzione di energia elettrica da biomasse. CORTE DI GIUSTIZIA UE Sez.6^ 28/02/2018 Sentenza C-117/17

* VIA, VAS E AIA – Istanza di rilascio della VIA – Copertura dei costi istruttori e pubblicizzazione del progetto – Deposito della certificazione di avvenuto pagamento – Elementi costitutivi dell’istanza – Art. 23 d.lgs. n. 152/2006. TAR PUGLIA, Bari – 17 marzo 2018

* VIA, VAS E AIA – Realizzazione di centri commerciali – VAS obbligatoria – Art. 2, c. 6 d.lgs. n. 152/2006 – Nozione di centro commerciale ex art. 4, c. 1, lett. g) d.lgs. n. 114/1998 – Assenza di un centro di riferimento della gestione unitaria – Centro commerciale in senso proprio – Inconfigruabilità – DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Strumenti urbanistici generali – Interesse ad impugnare – Mera vicinitas – Insufficienza – Pregiudizio – Esempi – Autorizzazione commerciale – Alterazione della situazione dell’area in termini di volume di traffico veicolare e di disponibilità di parcheggi. CONSIGLIO DI STATO – 22 marzo 2018

VIA, VAS E AIA – SICUREZZA SUL LAVORO – Stabilimenti industriali di interesse strategico – Provvedimento di sequestro preventivo – Prosecuzione dell’attività di impresa – Art. 3, d.l. n. 92/2015 – Illegittimità costituzionale – Ragionevole ed equilibrato bilanciamento dei valori costituzionali coinvolti – Necessità. CORTE COSTITUZIONALE – 23 marzo 2018, n. 58

QuotidianoLegale

SOSTEGNO ALLE IMPRESE AGRICOLE E TESTO UNICO SU FORESTE E FILIERE FORESTALI.

RIFORMA DEL CODICE ANTIMAFIA.

PROCEDIBILITÀ A QUERELA DI PARTE: modifica della disciplina.

NUOVO CODICE DELLA PRIVACY.

Bonus ristrutturazioni edilizie. È online la nuova Guida delle Entrate

LAVORO: Licenziamento individuale per giustificato motivo oggettivo. Fulvio Graziotto

CONTRATTO DI CESSIONE QUOTE SOCIALI: Risoluzione di diritto per mancato pagamento del prezzo. Fulvio Graziotto

Seguici su:    

GRATIS DropBox: Porta sempre con te i documenti, le foto i files e utilizzali ogni volta che ne avrai bisogno sia dal pc sia dal telefono. Registrati gratuitamente!

Dropbox – installa il programma sul desktop dalla News Letter di AmbienteDiritto e riceverai 500 MB di spazio extra.




 Abbonamento