AmbienteDiritto.it

Rivista Giuridica on line – ISSN 1974-9562

Newsletter del 27 febbraio 2018 n.6 – ANNO XVIII n. 6/2018

Seguici su:     

 
 
Giurisprudenza
* ACQUA – INQUINAMENTO IDRICO – Acque pubbliche – Atti solo strumentalmente inseriti in procedimenti finalizzati ad incidere sul regime delle acque pubbliche – Controversie – Giurisdizione – Giudice amministrativo – APPALTI – Elaborati da presentare a pena di esclusione – Progettazione preliminare – Relazione geologica – Compagine indicata quale responsabile della progettazione – Necessaria presenza di un geologo. TAR BASILICATA – 6 febbraio 2018

ACQUA – INQUINAMENTO IDRICO – Autolavaggio – Scarichi delle acquee reflue nella rete fognaria in assenza di autorizzazione – Diniego della concessione delle attenuanti generiche per tenuità del fatto – Giurisprudenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Tenuità del fatto – Valutazione del giudice – Fattispecie – Art. 133, 1 c., cod. pen – Art. 137 d.lgs. n.152/2006. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 16/01/2018, Sentenza n.1574

* ACQUA – INQUINAMENTO IDRICO – Prelievi di campioni finalizzati all’espletamento di analisi e diritti della difesa – Distinzione tra prelievo: di polizia giudiziaria ed amministrativo – Campioni di acque di scarico di rapida deteriorabilità – Giurisprudenza – Atti tipicamente amministrativi e non atti giudiziari – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – piena rilevanza probatoria nell’ambito del processo penale – Artt. 220 e 223 disp. att. cod. proc. pen. – Art. 137 d.lgs. n.152/2006 – RIFIUTI – Deposito incontrollato di rifiuti – Accumulo di una quantità consistente di materiali vari – Configurabilità – Reati ambientali – Raggruppamento di rifiuti – Condizioni indefettibili – Deposito controllato o temporaneo – Onere della prova – Produttore dei rifiuti – Artt. 183 e 256 d.lgs. n.152/2006. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 16/01/2018

* APPALTI – Art. 95, c. 15 d.lgs. n. 50/2016 – Principio di invarianza della soglia – Interpretazione. TAR PIEMONTE – 16 febbraio 2018

* APPALTI – Commissione di gara – Espletamento delle attività valutative – Supporto di soggetti esterni – Possibilità – Condizioni – Delega dell’attività istruttoria ad un componente della commissione – Legittimità – Art. 83 d.lgs. n. 50/2016 – Obbligo della mandataria di possedere i requisiti ed eseguire la maggioranza delle prestazioni – Obbligo introdotto dal correttivo. TAR FRIULI VENEZIA GIULIA – 13 febbraio 2018

* APPALTI – Commissione di gara – Valutazioni in ordine al peso ponderale attribuito alle caratteristiche tecniche delle offerte- Espressione di potere tecnico-discrezionale – Principio dell’unicità dell’offerta – Art. 32, c. 4 d.lgs. n. 50/2016 – Violazione – Ipotesi di più proposte nell’ambito della medesima offerta, formulate in via alternativa o subordinata – Combinazione di più soluzioni tecniche o prodotti, congiuntamente proposti per un prezzo unitario – Costituisce offerta unica. TAR ABRUZZO, Pescara – 20 febbraio 2018

* APPALTI – Contratto collettivo applicabile – Libertà di scelta dell’impresa partecipante – Limiti – Coerenza con la natura delle prestazioni oggetto del contratto. TAR TOSCANA – 12 febbraio 2018

* APPALTI – Criteri dell’offerta economicamente più vantaggiosa e del minor prezzo – Art. 95 d.lgs. n. 50/2016 – Servizi ad alta intensità di manodopera – Servizi ripetitivi – Commi 3 e 4 – Rapporto – Trattamenti salariali minimi inderogabili – Intangibilità – Scopo della norma. TAR SICILIA, Catania – 19 febbraio 2018

* APPALTI – Principio di rotazione – Valenza precettiva assoluta – Inconfigurabilità. TAR VENETO – 9 febbraio 2018

* APPALTI – Provvedimento di ammissione – Impugnazione – Art. 120, c. 2 bis d.lgs. n. 104/2010 – Motivo di ricorso proposto oltre il termine di trenta giorni – Illegittimità – Metodo del confronto a coppie – Motivazione – Sindacato giurisdizionale – Limiti – Valutazione delle offerte – Punteggio numerico – Motivazione sufficiente – Presupposti. TAR PUGLIA, Lecce – 9 febbraio 2018

* APPALTI – Pubblicazione d i cui all’art. 29 d.lgs. n. 50/2016 – Decorrenza del termine di impugnazione – Omessa pubblicazione – Applicazione del principio generale di cui all’art. 41, c. 2 c.p.a. – Avvenuta conoscenza dell’atto e della sua lesività – Concessione dell’errore scusabile – Oggettive ragioni di incertezza su questioni di diritto – Integrazione di atti o documenti – Concessione di un termine perentorio – Deroga e previsione di un termine ulteriore – Violazione del principio di par condicio. TAR SICILIA, Catania – 16 febbraio 2018

* APPALTI – Rito super accelerato – Decorrenza del termine di 30 giorni per l’impugnazione – Partecipazione di un rappresentante di una ditta concorrente alla seduta di apertura dei plichi – Raggruppamento di imprese – Partecipazione del rappresentante dell’impresa mandante – Effetto – Impugnazione degli atti di una gara – Partecipazione alla gara – Condizione necessaria – Raggruppamenti temporanei – Quote di partecipazione, di prestazioni e di requisiti – Indiciazione obbligatoria delle categorie di lavori o delle parti del servizio che saranno eseguite dai singoli operatori – Art. 48, c. 4 d.lgs. n. 50/2016 – Impresa mandataria – Possesso dei requisiti e esecuzione delle prestazioni in misura maggioritaria – Disciplina di gara dettata dal bando – Correzioni o integrazione mediante FAQ – Insuscettibilità. TAR CAMPANIA, Napoli – 26 febbraio 2018

* APPALTI – Sostituzione dell’ausiliaria – Art. 89 d.lgs. n. 50/2016 – Istituto derogatorio al principio dell’immodificabilità soggettiva – Differenza rispetto al regime previgente. CONSIGLIO DI STATO – 21 febbraio 2018

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Intervento in zona vincolata – Assenza di autorizzazione – Violazioni paesaggistiche – Integrazione del reato – Natura di reato formale di pericolo e permanente – Fattispecie: strada in terra battuta e muretto di cemento di confine – Art. 181 c.1 d.lvo n. 42/2004 – DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Violazioni urbanistiche e paesaggistiche – Incidenza sul carico urbanistico – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Diniego di concessione della speciale causa di non punibilità – Art. 131-bis cod. pen. – Art. 44 lett. c) d.P.R. n. 380/2001. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 15/01/2018, Sentenza n.1497

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Tutela dei beni culturali e ambientali – Reato di cui all’art. 181, d.lgs. n.42/2004 – Offensività della condotta – Reato paesaggistico – Natura di pericolo formale ed astratto – Irrilevanza condizioni dell’area – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Autorizzazione e controllo – Configurabilità del reato paesaggistico – Luoghi già urbanizzati o compromessi – Irrilevanza condizioni dell’area – DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Attività edilizia in zona sismica – Opere edilizie con strutture in legno – Opere precarie – Applicabilità della disciplina per le costruzioni in zona sismica – Giurisprudenza – Artt. 44, 93, 94 e 95, d.P.R.n. 380/2001. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 31/01/2018, Sentenza n. 4567

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Convenzioni urbanistiche – Accordi tra privati e P.A. (art. 11 l. n. 241/1990) – Natura contrattuale – Carattere vincolante per entrambe le parti – Divieto di modifiche unilaterali – Facoltà di recesso per sopravvenuti motivi di interesse pubblico. TAR BASILICATA – 6 febbraio 2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Costruzione abusiva – Diritto all’abitazione – Stato di necessità e violazione della disciplina urbanistica – Art. 54 cod. pen.- Scriminante – Esclusione – Interesse della collettività alla tutela del paesaggio e dell’ambiente – Artt. 44, lett. C) d.P.R. 380\01 e 181 d.lgs. 42\2004. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 09/01/2018, Sentenza n. 259

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Interventi di nuova costruzione – Art. 3, c. 1, lett. e) d.P.R. n. 380/2001 – Movimenti di terra, livellamenti e realizzazione di piattaforme in cemento armato. TAR CAMPANIA, Salerno – 23 febbraio 2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Istanza di accertamento di conformità – Comune – Adozione di provvedimenti sanzionatori prima del decorso di sessanta giorni – Valutazione della sanabilità dell’abuso – Preventivo rigetto o accoglimento dell’istanza. TAR CAMPANIA, Salerno, Sez. 2^ – 20 febbraio 2018, n. 271

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Istanza di rilascio di permesso di costruire in sanatoria – Effetti – Decorso del termine per la demolizione – Acquisizione immobile abusivo al patrimonio comunale – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Nuovo provvedimento demolitorio – Esclusione – Artt. 31, 44, 64, 65, 71, 72, 93 e 95 d.P.R. 308/2001 – Ordine di demolizione della costruzione abusiva – Ingiustificata inottemperanza – Automatica acquisizione del bene al patrimonio comunale – Ope legis – Giurisprudenza penale – Acquisizione gratuita al patrimonio comunale delle opere abusive – Principio di consequenzialità all’inottemperanza all’ordine di demolizione – Giurisprudenza amministrativa. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 16/01/2018 Sentenza n.1564

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – L’ampliamento di un fabbricato preesistente non può essere considerato pertinenza – Mancanza di autonomia rispetto all’edificio medesimo – Giurisprudenza – Artt. 3, 10 e 44, lett. e) d.P.R. 380/01 – BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Artt. 134, 136 e 181 d.lgs. 42/2004 – Esecutore dei lavori edilizi – Obbligo di preventiva verifica dell’esistenza del titolo abilitativo – Responsabilità, a titolo di dolo, nel reato urbanistico – Reato proprio nel reato paesaggistico – Sanziona chiunque trasgredisca le disposizioni poste a tutela dei vincoli – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Reati edilizi – Incertezza assoluta sulla data di commissione del reato – Inizio del termine di prescrizione – Applicazione del principio del favor rei – Motivazione. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 29/01/2018, Sentenza n. 4139

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Realizzazione di una piscina – Necessità di titoli abilitativi – BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Zona vincolata a vincolo paesaggistico – Sequestro preventivo di una piscina fuori terra – Artt. 6, 44 lett.b) DPR 380/2001 e 181 d.lgs. 42/2004. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 09/01/2018, Sentenza n. 264

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Sito di Interesse nazionale – Edilizia su aree ubicate all’interno del perimetro (SIN) – Divieto di frazionamento degli impianti fotovoltaici – Effetti di una falsa attestazione – Vizio ab origine – DIRITTO DELL’ENERGIA – Realizzazione e autorizzazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili – Procedura autorizzatoria semplificata – Limiti – AGRICOLTURA – Impianti fotovoltaici in ambito agricolo – Moduli collocati a terra in aree agricole – Esclusione all’accesso agli incentivi statali – Artt. 12, 22, 23, 31 e 44 d.P.R. n. 380/01 – Interventi realizzabili alternativamente con denunzia di inizio attività ovvero con permesso di costruire – Assenza della denunzia o la totale difformità delle opere eseguite rispetto alla d.i.a. – Reato previsto dall’art. 44, comma primo, lett. b) d.P.R. n.380/01 – Integrazione – Rilevanza della consistenza concreta dell’intervento – Opere edilizie – Permesso di costruire – Interventi eseguiti in totale difformità – Differenza tra interventi in “totale” o “parziale” difformità – Giurisprudenza – RIFIUTI – Siti di interesse nazionale (SIN) – Interventi di caratterizzazione o bonifica – Edificabilità delle aree ricomprese nel SIN – Subordine alla completa bonifica dei suoli – Giurisprudenza amministrativa – Artt. 242 e 252 d.lgs. n.152/06 – Bonifica di siti di interesse nazionale (SIN) – Caratteristiche del sito, quantità e pericolosità degli inquinanti – Rischio sanitario ed ecologico – Procedura perimetrazione e bonifica del sito – RISARCIMENTO DANNO – Condanna generica al risarcimento dei danni in favore della parte civile – Accertamento relativo all’esistenza di un danno risarcibile – Fatto potenzialmente produttivo di conseguenze dannose – Esclusione dell’esistenza stessa di un danno eziologicamente connesso con il fatto illecito – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Pronuncia assolutoria – Reato dichiarato estinto per amnistia o per prescrizione – Presenza della parte civile e statuizioni civili – Valutazione del giudice – Risarcimento dei danni cagionati cagionati ambito di operatività degli artt. 129 e 578 cod. proc. pen. – Motivazione del provvedimento mediante la tecnica del cd. “copia e incolla” o motivazione per relationem – Motivazione meramente apparente – Diritto alla traduzione degli atti – Conoscenza da parte dell’imputato della lingua italiana – Valutazione di merito non censurabile in sede di legittimità. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 02/02/2018, Sentenza n. 5075

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Varianti in senso proprio e varianti essenziali – Titoli abilitativi – Interventi eseguiti in assenza di permesso di costruire, in totale difformità o con variazioni essenziali – Accertamento di conformità – Vigilanza sull’attività urbanistico-edilizia – Artt. 27, 31, 36, 44 d.P.R. 380\01 – Sanatoria condizionata – Esclusione – Requisito della conformità alla disciplina urbanistica ed edilizia – Necessità – Attività vincolata della P.A. – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Abuso di ufficio – Rilascio di un titolo abilitativo edilizio – Configurabilità del reato di abuso di ufficio – Art. 323 cod. pen. – Concorso del privato nel delitto di abuso d’ufficio – Collusione tra il privato ed il pubblico ufficiale – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 29/01/2018, Sentenza n. 4140

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Immobile abusivo – Ordine di demolizione impartito dal giudice – Alienazione a terzi – Effetti – Esecuzione dell’ordine di demolizione – Art. 31 c.9 d.P.R. n. 380/2001 – Caratteristiche dell’ordine di demolizione – Funzione di riparazione effettiva di un danno – Esclusione – Confisca – Giurisprudenza della Corte EDU. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 09/01/2018, Sentenza n. 249

FAUNA E FLORA – Animali domestici – Divieto di condurre cani sugli arenili durante la stagione balneare – Legittimità. TAR LIGURIA, Sez. 2^ – 6 febbraio 2018, n. 117

* INQUINAMENTO ACUSTICO – Eccezionali e urgenti necessitò di tutela della salute pubblica o dell’ambiente – Ordinanza contingibile e urgente – Art. 9 l. n. 447/1995 – Competenze – individuazione – Servizi pubblici essenziali (servizio ferroviario) – Competenza del Presidente del Consiglio dei Ministri – Valori di immissione e valori di attenzione – Immissioni acustiche prodotte dal passaggio di convogli ferroviari – Superamento dei valori di attenzione – Non è apprezzabile – Impossibilità di adottare ordinanze contingibili e urgenti ex art. 9 l. n. 447/95. TAR PIEMONTE – 15 febbraio 2018

* INQUINAMENTO DEL SUOLO – Procedimento di bonifica dei siti – Fase conoscitiva, M.I.S.E., Messa in sicurezza operativa – Logica di accertamento progressivo della contaminazione – Attività di bonifica – Riparto di competenza tra livello statale e livello locale di governo – Art. 240 d.lgs. n. 152/2006 – Operazioni di MISE – Applicazione della medesima articolazione. TAR CALABRIA, Catanzaro – 19 febbraio 2018

* INQUINAMENTO DEL SUOLO – Scoperta di contaminazioni storiche – Analisi preliminari e misure di messa in sicurezza – Rapporto di consequenzialità necessaria – Esclusione – art. 242 d.lgs. n. 152/2006 – Misure di precauzione – Imposizione al proprietario incolpevole – Legittimità. TAR FRIULI VENEZIA GIULIA – 13 febbraio 2018

MALTRATTAMENTO ANIMALI – Custodia di animali – Ambiente di detenzione incompatibile con la loro natura – Condizioni caratteristiche etologiche – Incompatibilità – Configurabilità del reato di cui all’art. 727, c.2 cod. pen. – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 15/01/2018 (Ud. 21/09/2017), Sentenza n.1489

* PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO – Accesso – Disposizioni dettate con d.lgs. n. 33/2013 – Sovrapponibilità alle disposizioni di cui agli artt. 22 e ss. l. n. 241/1990 – Esclusione – Differente finalità – Diritto d’accesso ex l. n. 241/1190 – Accesso civico ex art. 5 d.lgs. n. 33/2013 – Accesso ai sensi del d.lgs. n. 97/2016 – Presupposti – Differenza. TAR PUGLIA, Bari – 19 febbraio 2018

RIFIUTI – APPALTI – Contratto di appalto – Smaltimento dei rifiuti – Obblighi dell’appaltatore – Qualità di produttore del rifiuto – Obblighi connessi – Svolgimento dei lavori – Ingerenza o controllo diretto del committente – Eccezione – Fattispecie: Raccolta e trasporto di materiali di risulta di opere di demolizione edile in assenza di autorizzazione – Art. 256 del d.lgs. n. 152/2006 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Legittimo impedimento per una infermità fisica – Certificato medico prodotto dal difensore – Verifiche del giudice – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 09/01/2018, Sentenza n.223

RIFIUTI – Attività abusiva di raccolta e trasporto di rifiuti non pericolosi prodotti da terzi (rottami ferrosi) – Occasionale attività di trasporto – Obblighi di comunicazione, autorizzazione o iscrizione – Inadempimento – Natura di reato istantaneo – Iscrizione nell’Albo nazionale gestori ambientali – Necessità – Artt. 212, 256, 258 e 260 d.lgs. n.152/2006 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Impugnazioni – Verificare dell’oggettiva impugnabilità del provvedimento – Trasmissione al giudice competente – Art. 568, comma 5, cod. proc. pen.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 19/01/2018, Sentenza n.2290

RIFIUTI – Attività di recupero dei rifiuti – Iscrizione dell’impresa nell’apposito registro – Trasmissione della comunicazione – Procedura semplificata – Atto contraffatto – Gestione di impresa – Responsabilità dell’imprenditore – Obbligo di vigilanza – Artt. 214, 216 e 256 d.l.vo n.152/2006. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 09/01/2018, Sentenza n.222

RIFIUTI – Autocarrozzeria, raccolta, recupero o gestione non autorizzata di rifiuti anche pericolosi – Nozione di veicolo fuori uso – Art. 3 D.Lgs. n. 209/2003 – Art. 256, c.1, lett. b) d.lgs. n. 152/2006 – Giurisprudenza – Gestione di rifiuti – Natura di rifiuto pericoloso di un veicolo fuori uso – Sversamento delle sostanze pericolose – Mancato accertamento fattuale – Ininfluenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Sequestro preventivo finalizzato alla confisca obbligatoria – Terzo estraneo al reato – Buona fede – Onere della prova. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 11/01/2018, Sentenza n. 809

RIFIUTI – Natura dei materiali da classificare o meno rifiuti – Valutazione oggettiva – Cessione a titolo oneroso – Non esclude la natura di rifiuto – Artt. 183 e 256 d.lgs. n.152/2006. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 24/01/2018, Sentenza n.3299

* RIFIUTI – Realizzazione e gestione di una discarica non autorizzata o abusiva – Configurabilità del reato di discarica abusiva – Differenza tra: rifiuti abbandonati, accumulo di rifiuti e discarica abusiva – Art.6 lett. lett. e) L n.210/2008 – Art. 256, c.2, d.lgs n.152/2006 – Nozione di deposito controllato o temporaneo – Differenza tra: deposito controllato o temporaneo, deposito preliminare, messa in riserva e deposito incontrollato o abbandono – Sanzioni penali – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Effetti della morte dell’imputato prima dell’irrevocabilità della sentenza – Cessazione sia del rapporto processuale in sede penale che del rapporto processuale civile inserito nel processo penale – Estinzione del reato – Ricorso per cassazione – Motivi che riproducono le medesime ragioni già discusse e ritenute infondate dal giudice del gravame – Inammissibilità e prescrizione – Motivazione integrata della pronuncia di primo grado e appello – Risultato organico ed inscindibile – Giurisprudenza – Travisamento della prova – Configurabilità – Limiti del sindacato di legittimità. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 31/01/2018

* RIFIUTI – Veicoli fuori uso – Smaltimento di rifiuti speciali pericolosi – Utilizzo di automezzi non autorizzati – Omissione/Falsificazione dei formulari per il trasporto rifiuti – Imprese che raccolgono e trasportano i propri rifiuti non pericolosi – Tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) – Adesione volontaria – Disciplina applicabile – D.Lgs. 3/12/2010, n. 205 – Irretroattività degli effetti penali sfavorevoli – Abolitio criminis – Principio del favor rei – Artt. 193, 212, 256, 258 e 260 d.lgs. n.152/2006 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Causa di estinzione del reato – Rilievo di vizi di motivazione – Esclusione – Declaratoria della causa estintiva – Obbligo. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 18/01/2018

* VIA, VAS E AIA – Riesame in autotutela dell’AIA – Medesimo procedimento di emanazione degli atti da rimuovere o modificare – Convocazione della conferenza di servizi – Garanzia del contraddittorio. TAR UMBRIA – 14 febbraio 2018

Dottrina
INTERVENTO EDILIZIO NON REALIZZATO O NON ULTIMATO DIRITTO ALLA RESTITUZIONE DEGLI ONERI VERSATI. ALBERTO SALMASO

LA RESPONSABILITÀ DEL DIRETTORE DEL GIORNALE PER OMESSO CONTROLLO. GIOVANNI CATALISANO

Riviste Ipsoa

Urbanistica e appalti

6/2017

Il conflitto di interesse nel nuovo “Codice dei contratti”

La Corte UE e il principio chi inquina paga

Le deroghe alla demolizione degli immobili abusivi

Il Foro Italiano 

Anno CXLII – n. 9 – settembre 2017
Si segnala all’attenzione dei lettori:
Cass., sez. un., 19 ottobre 2017, n. 24675 (I, 3274): tasso degli interessi e usura sopravvenuta

Corte conti, sez. giur. Toscana, 25 settembre 2017, n. 220 (III, 568) sul danno erariale cagionato da pubblico dipendente per percezione della retribuzione malgrado assenza ingiustificata dal servizio

QuotidianoLegale

RIFIUTI: Qualificazione dei materiali provenienti da demolizioni.

Senza richiesta del Pubblico Ministero nulla la richiesta di archiviazione del GIP per tenuità del fatto. Fulvio Graziotto

TRIBUTI: Per le operazioni soggettivamente inesistenti la prova è a carico dell’Ufficio. Fulvio Graziotto

SOCIETÀ CONTROLLATE: Responsabilità esclusiva della capogruppo dei pregiudizi arrecati. Fulvio Graziotto

APPALTI: Effetti dell’utilizzo delle procedure di gara anche per contratti sotto soglia.

PAGAMENTO DI IMPOSTA: Sottrazione fraudolenta a seguito di scissione societaria. Fulvio Graziotto

Trattamento dei dati personali: Il nuovo REGOLAMENTO (UE) 2016/679 dal 25 maggio 2018.

SCISSIONE SOCIETARIA: Sottrazione fraudolenta al pagamento di imposta, configurabilità. Fulvio Graziotto

Reato di indebita restituzione dei conferimenti e concorso eventuale del socio. Fulvio Graziotto

Newsletter del 15 febbraio 2018 n.5 – ANNO XVIII n. 5/2018

Giurisprudenza

* APPALTI – Art. 120, c. 7 c.p.a. – Aggiudicazione del contratto il pendenza del giudizio sull’esclusione – Impugnazione – Ricorso autonomo o motivi aggiunti – Regola dell’invarianza della soglia di anomalia – Illegittima ammissione – Impresa partecipante – Sollecitazione del potere di autotutela – Conseguenze – Soccorso istruttorio – Impostazione sostanzialistica – Mancata allegazione della dichiarazione di impegno delle ditte partecipanti a costituirsi in RTI. TAR FRIULI VENEZIA GIULIA – 1 febbraio 2018

* APPALTI – Clausole escludenti – Nozione – Clausole che impongono condizioni particolarmente onerose – Interesse all’impugnazione immediata del bando – Base d’asta – Determinazione – Criteri verificabili – Prezzo di mercato – Necessaria corrispondenza – Non è richiesta – Qualità delle prestazioni – Scelta del contraente – Fase di predisposizione dei parametri della gara. TAR LOMBARDIA, Milano – 12 febbraio 2018

* APPALTI – Gare di lavori, servizi e forniture sotto soglia – Principio di rotazione – Ratio – Invito all’affidatario uscente – Eccezionalità. TAR CAMPANIA, Salerno – 6 febbraio 2018

* APPALTI – Giudizio di anomalia – Obiettivo – Indicazione di prezzi superiori rispetto al costo aziendale delle singole prestazioni – Ipotesi concettualmente estranea al giudizio di anomalia. TAR LAZIO, Roma – 7 febbraio 2018

* APPALTI – Iscrizione camerale – Oggetto del contratto – Corrispondenza – Congruenza contenutistica – Atti costituenti la lex specialis – Bando, disciplinare e capitolato speciale – Autonoma funzione – Gerarchia differenziata – Contrasto tra disposizioni della lex specialis – Interpretazione finalizzata a privilegiare il favor partecipationis. CONSIGLIO DI STATO – 7 febbraio 2018

* APPALTI – Partenariato pubblico privato – Finanza di progetto – Concessione – Distinzione rispetto all’appalto di servizi – Rilievo del trasferimento del rischio – Artt. 3, 179, 180 e 183 d.lgs. n. 50/2016. TAR LOMBARDIA, Milano – 9 febbraio 2018

* APPALTI – Procedure svolte attraverso il sistema telematico – Utilizzo di un file con estensione e formato diverso da quello prescritto dalla legge di gara – Elemento intrinseco ed essenziale della domanda – Esclusione ex art. 83, c. 9 d.lgs. n. 50/2016 – Legittimità. TAR LOMBARDIA, Milano – 12 febbraio 2018

* APPALTI – RUP – Fissazione di termini perentori – Art. 31, c. 4 d.lgs. n. 50/2016 – Cauzione – Costituzione – Termine – Momento anteriore alla stipulazione del contratto – Art. 103, cc. 1 e 3 d.lgs. n. 50/2016. CONSIGLIO DI STATO – 5 febbraio 2018

* AREE PROTETTE – Valutazione di incidenza – Sentenza Corte di Giustizia UE , 26 luglio 2017, C-196/16 e C-197/16 (VIA postuma) – Applicabilità alla VINCA – Permessi edilizi rilasciati senza la preventiva acquisizione della VINCA – Procedimenti in autotutela – Assoggettamento alla generale disciplina di cui all’art. 21 nonies l. n. 241/1990 – Sussistenza di un interesse pubblico concreto. TAR TOSCANA – 30 gennaio 2018

BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Zona sottoposta a tutela paesaggistica – Rilevanza penale dei volumi tecnici – Impatto a livello di paesaggio – Artt. 146 e 181 d.lgs. 42/2004 – Autorizzazione paesaggistica con procedura semplificata – D.P.R. 13/02/2017, n. 31 – Realizzazione di tettoie, porticati, chioschi da giardino di natura permanente e manufatti consimili aperti su più lati, aventi una superficie non superiore a 30 mq – Effetti della declaratoria d’illegittimità costituzionale parziale – Art. 181 c.1-bis d.lgs. n.42/2004 – Sentenza Corte Cost.. 23/3/2016, n. 56 – Intervento abusivo su beni vincolati paesaggisticamente – Limiti volumetrici – DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Carico urbanistico – Reati di cui all’art. 44, c.1, d.P.R. n.380/2001. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 19/01/2018, Sentenza n.2288

CACCIA – Uccellagione – Natura di reato di pericolo a consumazione anticipata – Configurabilità – Distinzione tra caccia in senso stretto e uccellagione – Art. 30, L. 157/1992 – Integrazione del reato esercizio di uccellagione – Distinzione fra caccia con mezzi vietati ed uccellagione – Sistemi di cattura con potenzialità offensiva indeterminata – Pericolo di un depauperamento della fauna – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 02/02/2018, Sentenza n.5072

* DIRITTO DELL’ENERGIA – Art. 3.5. Delibera di G.r. Puglia n. 3029/2010 – Disciplina transitoria per i procedimenti in corso alla data di entrata in vigore della Linee Guida regionali – Termine di natura sollecitatoria – Linee guida nazionali di cui al D.M. 10 settembre 2010 – Linee guida regionali – Rapporto – Carattere sussidiario – Parametro di riferimento – Carenze documentali – Principi di collaborazione, lealtà e buona amministrazione – Dovere di collaborazione istruttorio – Rigetto dell’istanza a seguito di inerzia dell’interessato. TAR PUGLIA, Bari – 8 febbraio 2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Abusivismo edilizio – Scriminante dello stato di necessità ai reati urbanistici – Esclusione – artt. 44, lett. C),83, 93, 94, 95 d.P.R. 380\01 e 181 comma 1 d.lgs. 42\2004 – BENI CULTURALI ED AMBIENTALI – Reati urbanistici – Tutela del paesaggio e dell’ambiente – Destinazione del suolo – Condizioni economiche disagiate – Ininfluenza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Principio del “favor rei” – Decorrenza del termine di prescrizione – Fattispecie: accertamento opere abusive – Diniego attenuanti generiche – Valutazione degli elementi, favorevoli o sfavorevoli – Personalità dell’imputato e la presenza di precedenti penali specifici – Giurisprudenza. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 19/01/2018, Sentenza n.2280

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Artt. 29 e 31 d.P.R. n. 380/2001 – Proprietario incolpevole – Sanzioni pecuniarie – Responsabili dell’abuso – Acquirenti in buona fede – Acquirente di mala fede – Corresponsabilità. TAR TOSCANA – 1 febbraio 2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Decadenza dei titoli abilitativi – Sequestro preventivo – Edificazione di un immobile abusivo – Esigenza di impedire la prosecuzione dei lavori ancora in corso – Art. 44 lett. c) dpr n. 380/2001 – Esclusione di colpevolezza per errore di diritto dipendente da ignoranza inevitabile della legge penale – Buona fede dell’agente – Limiti. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 08/01/2018, Sentenza n.129

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Interventi di ristrutturazione e recupero – Utilizzo di tecniche di coibentazione o di efficientamento energetico – Traslazione verso l’alto della quota di gronda – Centro storico – Ammissibilità degli interventi di mera sopraelevazione tecnica – Edifici disposti a cortina – Principio di prevenzione – Effetti. TAR LOMBARDIA, Brescia – 5 febbraio 2018

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Opere edilizie realizzate senza permesso di costruire e su un preesistente immobile abusivo – Prescrizione dei reati – Onere della prova – Giurisprudenza – Art. 44, comma 1, lett. b), d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 19/01/2018, Sentenza n.2291

DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Parcheggi pertinenziali – Realizzazione di opere edilizie nel sottosuolo o al piano terreno di fabbricati preesistenti – Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA e DIA) – Disposizione derogatoria speciale – Aumenti volumetrici – Esclusione – Artt.29 e 44, 93, 95, d.P.R. 380/2001 – Nozione di volumi tecnici – Vano tecnico (sistemazione di impianti tecnici) – Rapporto di strumentalità necessaria con l’utilizzo della costruzione – Giurisprudenza – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Falsità ideologica in certificati commessa da persone esercenti un servizio di pubblica necessità – DIA – False attestazioni contenute in elaborati allegati alla relazione di asseverazione integrata – Art. 481 cod. pen.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 15/01/2018, Sentenza n.1488

* DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Realizzazione di un piazzale in cemento – Intervento di nuova costruzione – Art. 3, c. 1, lett. e) d.P.R. n. 380/2001. CONSIGLIO DI STATO – 6 febbraio 2018

* DIRITTO URBANISTICO – Regolamento urbanistico – Disciplina degli interventi di trasformazione definiti con riferimento ad ogni UTOE – Realizzazione delle quote del dimensionamento complessivo corrispondente ai parametri stabiliti nell’atto di pianificazione sopraordinato – Possibilità di trasformazione degli assetti insediativi – Introduzione di misure di salvaguardia atipiche – Illegittimità. TAR TOSCANA – 6 febbraio 2018

* INQUINAMENTO ACUSTICO – Art. 9 l. n. 447/1995 – Sindaco – Ricorso a speciali forme di contenimento o abbattimento delle emissioni – Requisiti dell’eccezionalità, dell’attualità e della temporaneità. TAR FRIULI VENEZIA GIULIA- 1 febbraio 2018

INQUINAMENTO ATMOSFERICO – Sversamento di acque maleodoranti – Pericolo per la salute – Reato di cui all’art. 674 cod. pen. – Giurisprudenza – Getto pericoloso di cose – ACQUA – INQUINAMENTO IDRICO – INQUINAMENTO DEL SUOLO – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Sistema di depurazione delle acque – Negligente opera di manutenzione – Controllo degli impianti – Disservizio della pompa di sollevamento dell’acqua – Estremi del caso fortuito – Esclusione – Negligente manutenzione. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 07/02/2018, Sentenza n.5763

INQUINAMENTO ATMOSFERICO – Ecodelitti – Caratteristiche del disastro ambientale – Centrale termoelettrica di Porto Tolle – Emissioni nocive connesse al ciclo di produzione – Inquinamento ambientale – Emissioni inquinanti – Concretizzazione del disastro – Situazione di pericolo per la pubblica incolumità – Valutazione dell’incremento epidemiologico dei ricoveri ospedalieri – Artt. 434, 437 cod. pen. – Perfezione del reato di disastro e sua consumazione – Elementi della fattispecie – Decorso del termine della prescrizione – Reati a consumazione protratta per definizione normativa – Reati permanenti – Calcolo dei termini di prescrizione – DANNO AMBIENTALE – Reati a effetti permanenti – Decorrenza del termine di prescrizione – Successive lesioni riconducibili al disastro – Esclusione – Nozione unitaria di “disastro” – Elementi – Proiezione offensiva e dimensionale – Nozione di evento – Reato aggravato dall’evento – Appello – Declaratoria di estinzione del reato per prescrizione – Revoca delle statuizioni civili – Condanna dell’imputato al risarcimento dei danni – Illegittimità – Effetti sulla responsabilità civile – Reato di cui all’art. 434, 1°c., cod. pen. – Giurisprudenza – ECODELITTI – Realizzazione dell’evento disastroso – Finalità originaria dell’agente – Aggravante – SICUREZZA SUL LAVORO – Reato omissivo improprio – Titolarità di una posizione di garanzia – Automatico addebito di responsabilità colposa a carico del garante – Principio di colpevolezza – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Reato di disastro ambientale innominato – Caratteristiche – Pericolo per la pubblica incolumità – Appello del P.M. contro la sentenza di assoluzione emessa all’esito del dibattimento – Ricorso per cassazione del P.M. – Nozione di interesse ad impugnare – Prospettiva utilitaristica – Concretezza e attualità dell’interesse. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 1^ 19/01/2018, Sentenza n.2209

* INQUINAMENTO DEL SUOLO – Bonifica – Proprietario incolpevole – Art. 245, c. 2 d.lgs. n. 152/2006 – Imminenza del fatto – Misure di prevenzione. TAR PUGLIA, Lecce – 14 febbraio 2018

* INQUINAMENTO DEL SUOLO – Principio di precauzione – Adozione di misure di protezione – Effettiva esistenza e gravità dei rischi per la salute – Mancata valutazione – Responsabilità della P.A derivante dall’adozione di un provvedimento illegittimo – Limiti. CONSIGLIO DI STATO – 8 febbraio 2018

MALTRATTAMENTO ANIMALI – Reati commessi ai danni di animali – Soppressione “senza necessità” di decine e decine di animali – Eutanasia ufficiale in assenza di patologie fisiche negli animali soppressi – DANNO AMBIENTALE – Costituzione di parte civile di un’associazione – LEGITTIMAZIONE PROCESSUALE – Diritto soggettivo – Legittimazione processuale – Risarcimento dei danni derivati dalle violazioni della legge penale – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Reato di abusivo esercizio di una professione – Presupposti e configurabilità – Natura istantanea del reato e solo eventualmente abituale – Art. 348 cod. pen.. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 31/01/2018, Sentenza n.4562

PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO – Accesso in materia ambientale – D.lgs. n. 195/2005 – Legittimazione attiva – Profilo oggettivo – Informazioni concernenti lo stato dell’ambiente – Ipotesi di esclusione dell’accesso. TAR SICILIA, Palermo, Sez. 1^ – 2 febbraio 2018, n. 303

RIFIUTI – Aspetti patrimoniali della gestione dei rifiuti solidi urbani – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Controversie tra il gestore della discarica e l’ente locale – DIRITTO PROCESSUALE AMMINISTRATIVO – DIRITTO PROCESSUALE CIVILE – Giurisdizione del giudice ordinario e del giudice amministrativo – Indennità, canoni od altri corrispettivi – Giurisdizione dell’AGO. CORTE DI CASSAZIONE CIVILE, Sez. UNITE, 02/03/2017, Ordinanza n.5303

RIFIUTI – Configurabilità del reato di gestione abusiva di rifiuti – Assenza dei prescritti titoli abilitativi – Albo Nazionale dei Gestori Ambientali – Artt. 208, 209, 210, 211, 212, 214, 215 e 216 256 d. lgs n. 152/2006. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 30/01/2018, Sentenza n.4199

RIFIUTI – Gestione dei rifiuti – Attività di produzione di fertilizzanti e composti azotati – Stoccaggio senza autorizzazione – Sequestro preventivo funzionale alla confisca per equivalente – Presupposti per la qualificazione come sottoprodotto – Artt. 184 bis, 208 e 256 d. lgs. n.152/2006 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Nozione di violazione di legge – Vizi afferenti la motivazione – Inosservanza di precise norme processuali. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 2^ 17/10/2017, Sentenza n.47843

RIFIUTI – Gestione dei rifiuti – Ecodelitti – Confisca del prodotto o il profitto del reato – Obbligo della c.d. confisca per equivalente – Delitto di cui all’art. 260 d.lgs. n.152\06 dopo le modifiche apportate dalla legge n. 68\2015 e art.240, 1° c. cod. pen. Fattispecie: operazione meramente cartolare (denominata “giro bolla”) – Formulari di Identificazione del Rifiuto (F.I.R.) – Sostituzione con falsi documenti di trasporto Condanna e confisca di 15 automezzi e rimorchi – Organizzazione di traffico di rifiuti – Presupposti giuridici – Reato abituale – Perfezionamento del reato di cui all’art. 260 c.1, d.lgs. n.152/2006 – Giurisprudenza – Confisca dei mezzi di trasporto obbligatoria – Trasporto illecito di rifiuti – Trasporto di rifiuti senza formulario o con formulario con dati incompleti od inesatti – Uso di certificato falso – Attività di intermediazione o commercio – Artt. 193, 256, 258, 259 e 260 d.lgs. 152/2006. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 19/01/2018, Sentenza n.2284

RIFIUTI – Reato di gestione non autorizzata di rifiuti – Svolgimento di attività di gestione in forma semplificata – Condizioni prescritte all’atto della richiesta iniziale o nella richiesta di rinnovo – Difformità dal titolo o dalle condizioni – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – Attività ad un controllo – Artt. 184-ter, 186, 214, 216 e 256 T.U.A. – Terre e rocce da scavo e materiali di risulta da demolizione – Distinzione – Applicabilità del regime in deroga – Effettiva destinazione finale alla produzione – Configurabilità del reato di discarica abusiva – Test di cessione sui rifiuti non spetta all’acquirente ma ai produttori di rifiuti – DIRITTO URBANISTICO – EDILIZIA – Realizzazione del terrapieno di rilevanti dimensioni – Permesso di costruire – Necessità – Reato di costruzione edilizia abusiva artt. 10 e 44 d.p.r. n. 380/2001 – DIRITTO PROCESSUALE PENALE – Illogicità della motivazione – C.d. metodo spannometrico (o approssimativo, impreciso) – Spiegazione logiche ed adeguate delle ragioni del convincimento. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez. 3^ 22/01/2018, Sentenza n.2401

* VIA, VAS E AIA – Principio di precauzione – Parametro di legittimità dei provvedimenti in materia di VIA, VAS o AIA – Esclusione – RIFIUTI – Discariche – Copertura (capping) – Sostituzione dei materiali naturali con materiali geosintetici – Possibilità – Misure necessarie a ridurre i rifiuti in discarica e incrementare riuso e riciclo – Pertinenza degli atti pianificatori – Atti autorizzatori – Verifica della conformità a legge – AIA – Discariche – Modifica delle condizioni dell’AIA – Adeguamento del piano economico di gestione e delle garanzie finanziarie – Artt. 14 e 17 d.lgs. n. 36/2003 – Incremento del quantitativo di rifiuti abbancabili – Divieto normativo – Inconfigurabilità. TAR MARCHE – 5 febbraio 201

QuotidianoLegale

Trasferimento della sede legale nella UE possibile senza spostamento della sede effettiva. Fulvio Graziotto

TRIBUTARIO: cessione azienda delle quote riqualificabile e imposta di registro. Fulvio Graziotto

EDILIZIA: Sequestro preventivo di immobili abusivi ultimati.

TRIBUTARIO: Evasione IVA configurazione anche in presenza di costi sostenuti. Fulvio Graziotto

PRODOTTI BIOLOGICI: nuove norme su controlli e certificazione nel settore biologico.

ATTUAZIONE DI NORME EUROPEE

RIFORMA DELLA GIUSTIZIA: Codice penale, Codice di procedura penale e ordinamento penitenziario.

TRIBUTARIO: Reato di omessa dichiarazione anche per redditi di provenienza illecita. Fulvio Graziotto

Seguici su:       

Per abbonamenti alla rivista AmbienteDiritto.it: http://www.ambientediritto.it/home/abbonamenti


NEWSLETTER
di AmbienteDiritto.it (Testata Reg. presso il Tribunale di Patti Reg. n. 197 del 19 luglio 2006 – ISSN 1974-9562). Direttore responsabile: Fulvio Conti Guglia. Direzione e redazione: AmbienteDiritto.it, Via Filangeri, 19 – 98078 Tortorici ME – Tel +39 0941421391 – Fax +39 1782724258 – Gsm +39 3383702058 – info@ambientediritto.it – Le novita’ sono consultabili su Internet all’indirizzo: http://www.AmbienteDiritto.it

Pubblicita’ su questa news letter o sul sito AmbienteDiritto.it:marketing@ambientediritto.it


Se non vuoi piu’ ricevere questa newsletter, this link

Per aggiornare i tuoi dati e per cancellare la tua iscrizione visita this link

Inoltra il messaggio a un amico this link