Studi di settore 2012: Agenzia delle Entrate novità sui modelli e sanzioni.
  • Agenzia delle Entrate: Più web meno code, siglato l’accordo “elimina-code” con i commercialisti.
  • Mediazione tributaria e semplificazione degli adempimenti, accordo tra Entrate e Consulenti del Lavoro.
  • " /> Studi di settore 2012: Agenzia delle Entrate novità sui modelli e sanzioni.
  • Agenzia delle Entrate: Più web meno code, siglato l’accordo “elimina-code” con i commercialisti.
  • Mediazione tributaria e semplificazione degli adempimenti, accordo tra Entrate e Consulenti del Lavoro.
  • "/>
    You Are Here: Home » Dottrina » Diritto Tributario » AGENZIA DELLE ENTRATE: CHECK ONLINE PER LE PARTITE IVA

    AGENZIA DELLE ENTRATE: CHECK ONLINE PER LE PARTITE IVA

    AGENZIA DELLE ENTRATE: CHECK ONLINE PER LE PARTITE IVA

    Euro

    Verificare, in modo semplice e immediato, lo stato di attività di una partita Iva e conoscere i dati identificativi del soggetto titolare, da oggi è possibile, lo può fare l’Agenzia delle Entrate e anche i cittadini direttamente nella sezione “servizi online” del sito internet agenziaentrate.it.

    Il nuovo servizio, a libero accesso per tutti i contribuenti, si va ad aggiungere a quelli già disponibili per il controllo delle partite Iva comunitarie Vies (Vat Information exchange system) e per la verifica del codice fiscale.

    Così, per controllare la partita Iva basta un click. Ciascun contribuente può verificare l’esistenza e la correttezza di tutte le partite Iva nazionali attraverso una semplice operazione. L’intento è quello di ridurre le frodi e facilitare le operazioni in ambito commerciale.

    Sulla pagina “Verifica della Partita Iva”, occorre inserire il numero identificativo della partita Iva che si intende verificare e premere il pulsante “Invia”. Nel caso in cui questa sia correttamente registrata nell’Anagrafe Tributaria apparirà un messaggio di risposta che riporta:

    – lo stato della partita Iva – attiva, sospesa o cessata;

    – la denominazione o il cognome e nome del soggetto titolare;

    – la data di inizio attività;

    – le eventuali date di sospensione e cessazione.

    Infine, è stato prorogato al 31 gennaio 2013 il termine per la comunicazione, da parte degli operatori finanziari, dei dati delle operazioni rilevanti ai fini Iva, di importo non inferiore a 3.600 euro, relative al periodo 6 luglio – 31 dicembre 2011, in cui l’acquirente è un consumatore finale che ha pagato con carta di credito, di debito o prepagata.Il nuovo servizio si va ad aggiungere a quello già attivo di controllo delle partite Iva comunitarie (Vies) – per riscontrare se la partita Iva appartiene a un soggetto autorizzato a effettuare operazioni intracomunitarie – e a quello che consente di verificare i codici fiscali.

    Info sul autore

    Articoli Scritti : 928

    Lascia un comment

     

    © AmbienteDiritto.it Blog Quotidiano Legale

    Torna in cima
    UA-31664323-1